Voglio correre un rischio, ha dichiarato il premier olandese Rutte. La situazione in Olanda: lockdown infinito, coprifuoco, le elezioni politiche in arrivo.

marzo 1st, 2021

Mark Rutte, premier dimissionario del Regno Unito dei Paesi Bassi ( foto ANP)

“Voglio correre un rischio, anche se so che potrebbe costarci; se andrà male torneremo come prima.” Con queste parole il premier olandese Mark Rutte ha iniziato la sua conferenza stampa per annunciare, a partire dal 3 marzo, la revisione di alcune restrizioni del rigido lockdown in cui si trova il Paese dal 14 dicembre scorso. Supportato dal ministro della salute Hugo De Jonge, il quale ha precisato che la situazione sanitaria non è migliorata come avevano sperato. Grazie a questo lungo, completo lockdown i contagi sono scesi di molto: da quasi 11 mila a 4460, fattore R intono all’ 1, percentuale di contagi fra l’11, 8% e il 9,8%. In un Paese di 17 milioni di abitanti.

Paesi Bassi. Il ministro della salute Hugo De Jonge, del Partito Cristiano Democratico ( CDA) che fa parte della dimissionaria coalizione di governo.

Leggi il resto »

Poesia di febbraio: “Nel parco” (di Evgenij Aleksandrovič Evtušenko)

febbraio 27th, 2021

20210112_183719

Il poeta russo Evgenij Aleksandrovič Evtušenko (a destra) con Richard Nixon

 

Come diceva spesso una mia amica davvero simpatica: «La poesia ti rovina l’esistenza, ma ti salva le giornate». E lo sciagurato venerdì 26 appena trascorso, da disastro più o meno totale sul punto di travolgermi, si è per fortuna mutato in qualcosa di addirittura piacevole, quando, aggirandomi in Rete, mi sono imbattuto per caso in alcuni splendidi versi; decidere di condividerli anche con voi, cari lettori del «Cofanetto Magico», è stato naturalmente un attimo. Perciò eccoli qui, puntualmente e “prontamente” in calce a questa breve introduzione.

Pietro Pancamo
CHI SONO

Leggi il resto »

Olanda disperata. In attesa delle elezioni politiche di marzo. In febbraio tamponi e vaccinazioni sospesi a causa della neve. Un modico allentamento del totale lockdown, rimane il coprifuoco.

febbraio 25th, 2021

Il dimissionario premier Mark Rutte (foto ANP uit Trouw)

In attesa delle elezioni politiche del 17 marzo, i Paesi Bassi sono piegati sotto il peso di un lockdown totale, durato mesi, che solo due giorni fa è stato ammorbidito con la riapertura, dal 3 marzo, di parrucchieri, centri estetici e di tatuaggi, sport all’aperto per i giovani sino ai 27 anni, scuole guida. Rimangono chiusi i ristoratori (tranne che per l’asporto), i negozi (però con la possibilità di ordinare su appuntamento). Riapriranno i battenti anche le scuole medie e professionali per piccoli gruppi di allievi e un solo giorno alla settimana. Rimarrà invece il coprifuoco, dalle ore 21.00, iniziato il 23 gennaio scorso, forse sino al 15 marzo. Su questo punto il premier Rutte non transige, tanto da aver presentato un ricorso contro la Corte dell’Aia che aveva deciso e chiesto di abolirlo immediatamente ritenendolo incostituzionale. Per ora ha vinto lui ed il coprifuoco deve essere rispettato, in quanto, ha dichiarato Mark Rutte, “necessario in una situazione di grave emergenza per la salute pubblica, come quella attuale.”

Ricordiamo che all’inizio della pandemia in Olanda virologi e politici dicevano che non si doveva esagerare, “si trattava solo di una forma più pesante influenza!” “Le mascherine? Inutili, sconsigliate.” Si passò poi a: “lavatevi bene le mani, mantenete un metro e mezzo di distanza l’uno dall’altro”.

In seguito, mese dopo mese, i contagi sono cominciati a salire, le terapie intensive sull’orlo del collasso, i medici di famiglia pure. Il resto potete leggerlo in tutti gli articoli che troverete nel mio sito ufficiale, pubblicati dal quotidiano Avvenire, e alcune interviste interviste che mi sono state fatte. www.mariacristinagiongo.nl

Leggi il resto »

La bellezza, questa (s)conosciuta

febbraio 18th, 2021

Cos’è la bellezza: sia che la domanda sia fatta a bruciapelo, sia che esca nel corso di una sorridente conversazione, suscita in genere perplessità nelle persona alla quale viene rivolta. E, dopo opportuna riflessione, la risposta tende ad essere vaga, aulica, poco aderente al quotidiano.

Leggi il resto »

La posta del cuore dei nostri amici animali di Imma Paone. Il Fibrosarcoma.

febbraio 12th, 2021

……..

Cara dottoressa Imma, ho letto tutto d’un fiato il tuo racconto e mi è sembrato di ripercorrere lo stesso incubo. Il mio adoratissimo gatto Lilly mi ha lasciata alle 0.30 di giovedì 10 settembre.

Aveva una recidiva di fibrosarcoma, ulcerato… Dopo il primo pesante intervento (maggio 2014) avevo deciso che non lo avrei più operato e avrei lasciato che vivesse tranquillo fino a che il buon Dio avesse voluto…. E, invece, mi sono lasciata convincere dal veterinario che non potevo lasciarlo con quella ferita ulcerata e che solo un nuovo intervento avrebbe potuto regalargli un pò di tempo da vivere serenamente. Mercoledì 9 è stato rioperato, la sera stessa l’ho riportato a casa con tanta angoscia nel cuore aspettando che smaltisse completamente l’anestesia… E, invece….in pochi minuti il suo respiro si è fatto sempre più debole, fino a spirare sotto i nostri occhi. Dopo 13 anni in cui abbiamo dedicato ogni istante ad amarlo, siamo rimasti soli… Io e mio marito non riusciamo a darci pace….

Mi sento in colpa! Volevamo regalargli altro tempo, senza dolore…e, invece….

Leggi il resto »

L’involuto

febbraio 8th, 2021

Sono rimasto indietro, involuto, retrogrado. Un troglodita legato al palo al tempo delle utopie quando sognare era lecito e i miracoli succedevano veramente. Sono un antiquato, uno che non ha fatto i conti col progresso, con l’evoluzione intellettiva di una società interattiva, senza sostanza, solo apparenza, virtuale. Sono uno che crede ancora in un mondo come quello evocato da John Lennon, utopico, ma non impossibile da realizzare:

«Immagina che non ci sia alcun paradiso, nessun inferno sotto di noi, ma solo il cielo sopra di noi. Immagina che non ci siano nazioni. Niente per cui uccidere o morire. Nessuna religione. Immagina tutta la gente vivere in pace. Si potrebbe dire che sono un sognatore, ma non sono l’unico ad esserlo.»

Leggi il resto »

Editoriale di febbraio. Libri. “Lo sbarco che mai avvenne” ci fa entrare nel vivo di una storia unica, attirando l’attenzione, l’interesse. Da non perdere.

febbraio 1st, 2021

I due autori del libro “Lo sbarco che mai avvenne”, Rolando Galligani (a sinistra) e Mauro Almaviva. Bertoni editore.

Cari, affezionati lettori,
Inizia il mese di febbraio, con tanta speranza che i vaccini contro il Covid-19 ci aiutino a combatterlo definitivamente. Tuttavia, in questo editoriale non voglio dare nuovamente spazio a questo virus, alle disgrazie che ha provocato, al dolore, alle statistiche… Desidero parlare solo di libri. In quanto i libri hanno salvato tante persone dalla noia e dallo sconforto dei vari lockdown.
“Salvato” forse è una parola corposa, esagerata, ma, per quanto mi riguarda, adatta alla situazione di ore ed ore chiusa in casa a domandarmi come impiegarle, quelle ore, senza poter trovarmi con gli amici, passeggiare nel centro della città, cenare con tutta la famiglia e tanto di più. Per questo ho letto molto, uscendo dalle mura domestiche con la fantasia.
Durante i lockdown ho quindi letto tanto e di tutto:saggi, romanzi psicologici, romanzi gialli, romanzi intrisi di affascinanti storie romantiche, di vite vissute, di vite sognate. L’ultimo della serie si chiama “Lo sbarco che mai avvenne”, di Rolando Galligani e Mauro Almaviva, edito da Bertoni editore.

Leggi il resto »

Poesia di gennaio: “Ti auguro tempo” (di Elli Michler)

gennaio 27th, 2021

20200926_154134

Tempo per guardare le stelle

 

Cari amici de «Il Cofanetto Magico»,
per iniziare come si deve il nuovo anno, e trascorrerlo il più serenamente possibile, bisogna assolutamente leggere Elli Michler, una poetessa tedesca di cui vi propongo quest’oggi alcuni versi; così simili come sono ad una serie di utili e affettuose istruzioni, essi sanno spiegare alla perfezione come utilizzare al meglio il dono della vita, in maniera tale che il tempo smetta di essere, per noi uomini, nient’altro che una cless… idra di Lerna.

Pietro Pancamo
CHI SONO

Leggi il resto »

Raccontami una storia. Non una, ma centomila ripartenze. Tanto lavoro, studio, discese e risalite, verso un luminoso futuro.

gennaio 18th, 2021

Passion for Coffee con in copertina majoliche della CAMA

In questo articolo per la rubrica de Il Cofanetto magicoRaccontami una storia”, per la prima volta scrivo di me e del mio viaggio alla ricerca della mia identità professionale. Iniziamo col dire che ho imparato a lavorare prima di studiare. Sono cresciuta infatti nell’azienda artigiana della mia famiglia con sede a Deruta, in provincia di Perugia, la CAMA, che fino alla sua chiusura nel 2011 e successivo fallimento, ha prodotto majoliche artistiche di alta qualità esportate in tutto il mondo.

Leggi il resto »

L’epifania tutte le feste porta via…

gennaio 8th, 2021

Un tempo qui a casa Caramia, l’Epifania, era forse la festa più importante, con mamma si riempivano le calze (dei collant per papà, perché erano più capienti) nelle quali si inserivano scherzi utili come le arance, la carta igienica, la pasta e altre golosità per il palato e persino del finto carbone. Era una tradizione nostra, divertente, privata che proseguiva in giornata con ì festeggiamenti del compleanno di nonna Angela. Da quando sono andate via, la famiglia ha deciso in quel giorno di riunirsi, nel ricordo che abbiamo di loro, nell’amore che ci hanno trasmesso, nel rispetto per le tradizioni che ci hanno tramandato.

Leggi il resto »