Archive for febbraio, 2016

Poesia di febbraio: “One way”

sabato, febbraio 27th, 2016

 

Cari amici de «Il Cofanetto Magico»,
in omaggio a Papa Francesco, che di recente ha concesso un’udienza a Maria Cristina Giongo (ovvero la brava direttrice di questo sito), vi offro una poesia volutamente caratterizzata da un forte afflato religioso e, più precisamente, cattolico. Come potete vedere l’ho scritta in inglese, cioè una lingua che è indubbiamente universale, proprio come il messaggio d’amore che il cristianesimo tenta da sempre di veicolare.

(altro…)

La scimmia della pozza e i leoni in doccia

mercoledì, febbraio 24th, 2016

 photo AU01_zps6drwoudx.jpg

Il fiume Orange

Augrabies Falls

Una leggenda narra che alla base della cascata Augrabies formata dal fiume Orange (in Sud Africa), vi sia un deposito di diamanti trasportati dalla corrente in milioni di anni.
Si narra anche che qui l’acqua sia però profonda più di 100 metri e sia anche la tana della malvagia “scimmia della pozza” pronta a ghermire chiunque cerchi di sottrarre i diamanti.
Sta di fatto che, quando nel 1934 un’eccezionale (ed unica) siccità trasformò il fiume in un ruscello, il timore della scimmia fu più forte del desiderio di arricchirsi e nessuno fece ricerche.
Il complesso delle cascate Augrabies (parola ottentotta che significa “luogo dal grande rumore”), fa parte del parco nazionale omonimo che è uno dei più interessanti del paese soprattutto per via del paesaggio dominato dal fiume che scorre, a valle delle cascate, in una gola lunga 18 km e le cui pareti sono alte anche 250 m.
Augrabies è una delle 6 più grandi al mondo e mentre nella stagione secca sopravvive solo un salto di 60 metri, nella stagione delle piogge la gola si anima fino a divenire, durante le non rare alluvioni, un terrificante girone infernale.

(altro…)

Sophie Scholl: un esempio di fede cristiana, coraggio e martirio contro la follia nazista.

domenica, febbraio 21st, 2016

 photo 001_zpsio4zv32e.jpg

Un’ immagine che ben rappresenta la “ malvagità umana”, adatta a questo articolo sulla pazzia nazista e su una giovane ragazza tedesca che fece di tutto per combatterla: “sperando che il mondo potesse fare a meno di guerra e violenza”.

Cari lettori,

ecco un bell’articolo del nostro più giovane collaboratore, Marco Capriotti, (24 anni). Molto interessante; non solo perchè Marco scrive bene e con profondità di pensiero, ma anche in quanto mi sono sempre chiesta con che animo i ragazzi pensino all’ olocausto, quali possano essere le loro idee su un terribile periodo della nostra storia, che hanno solo studiato sui libri. Questo articolo è la risposta. La risposta di un ragazzo che prende esempio proprio da una ragazza tedesca che all’epoca aveva 22 anni, Sophie Scholl; per farci capire che bisogna essere coraggiosi e non accettare mai la violenza, il sopruso, la cattiveria, le guerre, la malvagità. A costo di perdere la vita per combattere tutto ciò, come accadde a Sophie. La quale lottò contro il male, contro Hitler, ma senza mai far uso, a sua volta, della violenza. Ho letto questo pezzo tutto d’un fiato perchè ( e mi vergogno di ammetterlo), non conoscevo bene la storia di Sophie. Ne sono rimasta colpita. Come succederà anche a voi, ne sono sicura, nel conoscerla e nel riflettere sulle considerazioni fatte da Marco. Buona lettura!

Maria Cristina Giongo
CHI SONO

*********

 photo 002_zpsewjur8to.jpg

Sophie Scholl (9 maggio 1921 – 22 febbraio 1943.) Attivista del gruppo antinazista di ispirazione cristiana della “Rosa Bianca” ed emblema della ribellione non violenta al Reich.

(altro…)

Historische bezienswaardigheden. Een heel dorp voor de families van de arbeiders in Crespi d’Adda, naar de wens van de familie Crespi rondom hun fabriekscomplex. Toen het werd gesloten, luidden zij de begrafenisklokken.

venerdì, febbraio 19th, 2016

 photo IMG_8912_zpsbzts4okj.jpg


Crespi d’Adda (in de provincie Bergamo), de ingang van het fabriekscomplex, nu helaas gesloten

Tegenwoordig zou men niet weten hoe zo’n droom te realiseren, zoals die de industrieel ondernemer Cristoforo Benigno Crespi heeft gehad, successievelijk opgevolgd door zijn zoon Silvio. De realisatie van de droom begon in 1878 wanneer Cristoforo 85 hectare grond van de gemeenten Capriate San Gervasio en Canonica d’Adda koopt, een strook grond die ligt langs de rivier Adda.

De aanwezigheid van water was in die tijd belangrijk om de katoenfabriek in aanbouw, beter te laten functioneren. Maar de goede Cristoforo was niet tevreden met alleen zijn fabriek op te richten.

 photo IMG_8914_zpse4jnbayp.jpg


Crespi d’Adda. Een typisch arbeidershuis met tuin en moestuin.

(altro…)

Curiosità storiche. Un intero villaggio per le famiglie operaie a Crespi d’Adda, voluto dalla famiglia Crespi intorno al loro stabilimento. Quando fu chiuso suonarono le campane a lutto.

martedì, febbraio 16th, 2016

 photo IMG_8912_zpsbzts4okj.jpg

Crespi d’Adda (in provincia di Bergamo), l’ingresso dello stabilimento oggi tristemente chiuso.

Oggi non sarebbe possibile realizzare un sogno come quello che ha avuto il capitano d’industria Cristoforo Benigno Crespi e successivamente proseguito da suo figlio Silvio. La realizzazione del sogno cominciò nell’anno 1878 quando Cristoforo acquistò 85 ettari di terra dai comuni di Capriate San Gervasio e Canonica d’Adda, una striscia di terra che costeggia il fiume Adda. Allora era importante la presenza dell’acqua per fare funzionare al meglio il suo cotonificio in costruzione. Ma il buon Cristoforo non si accontentò di far erigere solo lo stabilimento.

 photo IMG_8914_zpse4jnbayp.jpg

Crespi d’Adda. Una tipica casa operaia completa di giardino ed orto.

(altro…)

La posta del cuore dei nostri amici animali, di Imma Paone

venerdì, febbraio 12th, 2016
Cara dottoressa Imma,
ho una cagnolina meticcia di nome Shila di sette mesi che non ha ancora avuto il primo calore.
Il mio veterinario, considerando che non voglio farla accoppiare, mi ha consigliato di farla sterilizzare prima che le venga il primo calore ma, parlando con amiche che hanno una cagnolina mi dicevano che i loro veterinari consigliano di farlo due mesi dopo che ha avuto le prime perdite.
Sono un pò confusa, Lei che cosa ne pensa? 
Cristina da Bologna.

……..

(altro…)

Îngerul din București. Episodul al treilea.

martedì, febbraio 9th, 2016

Îngerul care misterios continuă să irite străzile Bucureștiului magic, începe încet încet să-și dezvăluie aripile, arătând ceea ce mintea umană nu-și poate imagina, ceea ce ochii săi verzi nu sunt în măsură să şoptească…
Lectură plăcută!

(Click aici pentru Episodul anterior)

(altro…)

L’angelo di Bucarest. Terzo Episodio.

lunedì, febbraio 8th, 2016

L’angelo che misterioso continua ad imperversare per le strade della magica Bucarest, comincia pian piano a spiegare le sue ali, mostrando quello che la mente umana non può immaginare, quel che i suoi umani occhi verdi non sono in grado di svelare…
Buona lettura!

(Cliccare qui per l’episodio precedente)

(altro…)

I magici segreti di Ermanno Spera, truccatore cinematografico e molto di più. Paola Cortellesi? Un’ attrice e amica a… 360 gradi!

mercoledì, febbraio 3rd, 2016

 photo 001 - Ermanno Spera_zpsh3xsnvpt.jpg

Ermanno Spera.

Forse è riduttivo definire Ermanno Spera un truccatore cinematografico. Perchè è molto di più; è un artista che svolge la sua professione in vari settori. Ovunque sia necessario rendere speciale un volto con le sue sapienti pennellate di colore. La parola speciale non vuol dire necessariamente bello; ma…straordinariamente unico.
Ermanno è stato candidato tre volte al David di Donatello per i film Magnifica presenza, e Allacciate le cinture, di Ferzan Ozpetek , Latin Lover, di Cristina Comencini. Anche a livello umano è un uomo sensibile, intelligente, ironico e simpatico. Ecco perchè ho voluto intervistarlo, per farvelo conoscere meglio.

 photo 002 - Ermanno Spera_zpsa7zlak6i.jpg

(altro…)

Editoriale di febbraio 2016 – Mio figlio si fa ancora la pipì addosso. Mamme disperate, maestre pure.

lunedì, febbraio 1st, 2016

 photo 001_zpsxjzngum1.jpg

Cari lettori online, cari Cofanetti magici,

Il mio editoriale questa volta tratterà un tema un po’ scomodo, ma anche attuale. Secondo alcune statistiche è in aumento il numero di bambini che fanno la pipì a letto. Non solo di notte; pure di giorno accadono “ incidenti” del genere, soprattutto a scuola. Un gruppo di maestre d’asilo e di insegnanti delle elementari di un istituto olandese hanno protestato per il fatto che molti bimbi non sono abituati ad andare al gabinetto, quando ne hanno bisogno.

 photo 002_zpsl5i5ajv5.jpg

Le sedie vasino

(altro…)