Posts Tagged ‘mauro almaviva’

Scelte che arricchiscono la vita

lunedì, luglio 22nd, 2019

Più e più volte Cristina, la direttrice del Cofanetto Magico, mi ha chiesto di raccontare le mie esperienze di medico in Africa.
Ho sempre declinato l’invito perché pensavo -ed ancora penso- che è facile cadere nel patetico, stimolare, magari inconsciamente, sentimenti pietistici che portano chi legge ad una reazione emotiva e non ad una razionale visione dei problemi che affliggono le popolazioni più svantaggiate del pianeta.
Non approvo, ad esempio, gli inviti televisivi a donazioni a ONG o ONLUS, in cui vengono esposti (talora un po’ morbosamente) bimbi africani sofferenti per suscitare emozione e volontà a donare.
Non capisco perché, quando nei telegiornali si mostrano bambini nel nostro paese i volti vengono oscurati, mentre per quelli in Africa no: niente privacy, protezione, dignità per loro. Anzi, sembra che indugiare sulle mosche che colonizzano i volti di quei poveri bimbi sia lo stimolo maggiore a donare.
Io credo che mostrare bimbi che giocano in una scuola costruita con fondi istituzionali o da donazioni, sia un messaggio più potente perché mostra il raggiungimento dell’obbiettivo.
D’altra parte, ormai, la nostra società vive di emotività e non di razionalità: dalla politica, allo sport, ai fatti di cronaca si mira più a colpire “lo stomaco”, a suscitare reazioni immediate e, spesso, incontrollate che a stimolare il pensiero razionale.
Eppure, le popolazioni “povere” hanno bisogno di supporto strutturato e non episodico, ma questo è un discorso che coinvolge le nazioni ricche ed i fondi destinati alla cooperazione internazionale in loco.

(altro…)

Siamo tutti poeti

lunedì, aprile 22nd, 2019

Il garzone della macelleria del paese scriveva versi sulla carta gialla per impacchettare le fettine.
Così i clienti portavano a casa lonza e poesia.
Qualcuno trascrisse le rime e le conservò.
Quando il garzone improvvisamente morì, al suo funerale furono lette le sue poesie.
Il macellaio, dopo qualche giorno, affisse sulla vetrina del negozio il seguente cartello:
CERCASI POETA

Mauro Almaviva

Mauro Almaviva
CHI SONO

Proibita la riproduzione del testo e delle foto senza previo permesso dell’autore e senza citare la fonte.
No part of this publication may be reproduced or transmitted, in any form or any means, without prior permission of the publisher and without indicating the source

«EVVAI NO?» OVVERO LA (NON) CULTURA DELL’ANDARE IN BICI IN ITALIA

venerdì, febbraio 22nd, 2019

La mia prima bicicletta

Che in Italia ci sia una scarsa cultura dell’andare in bicicletta è un dato di fatto: non siamo come gli olandesi, tanto per intenderci.
Personalmente ne ho avuto esperienza diretta tempo fa quando, in sella alla mia bici Legnano del 1964, ero fermo al semaforo rosso tra il marciapiede ed una macchina anch’essa in attesa del verde.
Ho sentito alle mie spalle un «dai, vai!», lì per lì non ho pensato fosse diretto a me, ma quando un ciclista, non più giovane, è passato col rosso (dall’altro lato del veicolo) pronunciando un «evvai, no?» come a dire e «che-diamine-aspetti-tanto passano-tutti- col-rosso» mi sono sentito un neanderthaliano, indietro nel tempo per il mio rispettare i semafori, avere una bicicletta con le luci “di serie” (non quei led intermittenti tipo UFO) ed indossare un bel caschetto.

(altro…)

Luderitz, Namibia, una colorata cittadina coloniale

venerdì, dicembre 21st, 2018

da sinistra in senso orario: tempesta di sabbia, bruma, baia, Dias Cross

Luderitz è una delle poche città della Namibia affacciate sul mare nella inospitale costa atlantica.
Basta nominare la “Costa degli scheletri”, che si trova nel nord del paese, che si ha idea dell’ambiente costiero.
Quando ci siamo arrivati, nei nostri viaggi, abbiamo sempre incontrato la bruma o all’arrivo, o alla partenza ed una volta anche una tempesta di sabbia.
Eppure, la piccola città, forse perché meno turisticizzata di Swakopmund, è capace di affascinare soprattutto con i suoi colorati edifici.
Anche se fu fondata nel 1883, la città ha storia più antica, nel senso che la baia su cui sorge fu esplorata già nel 1488 dal navigatore portoghese Bartolomeu Dias che la chiamò «Angra Pequena» (piccola baia).

(altro…)

I Monti del Drago (Drakensberg) in Sudafrica: uno spettacolo da non perdere

venerdì, dicembre 22nd, 2017

Lo spettacolo che si presentò agli occhi dei primi coloni Boeri quando, durante la “Grande Marcia” raggiunsero un’alta e vasta catena montuosa (se ne andarono dalla Colonia del Capo attorno alla metà dell’800 per vari motivi, ma soprattutto per fuggire la progressiva inglesizzazione del territorio), fu impressionante: picchi aguzzi che si stagliavano contro il cielo azzurro, profondi burroni, cascate.
Da dove origini il nome Drakensberg (Monti del Drago) è incerto.
Una leggenda narra che una coppia di Boeri raccontò, trafelata, di aver visto un dragone con ali e coda, che volava sopra le nuvole o, in alternativa, che il dragone soffiava fiamme e fumo.
Meno fantasioso il nome dato dagli Zulu: uKhahlamba (barriera di lance) ad indicare le aguzze punte dei picchi.
Ma cosa sono i Drakensberg e dove sono esattamente?

(altro…)

Il Cervino d’Africa

mercoledì, novembre 22nd, 2017

Spitzkoppe

Anche in Africa si può scalare il Cervino.
A dire il vero il nome del monte è Spitzkoppe, ma è anche chiamato il Cervino della Namibia per la sua conformazione che ricorda molto il nostro monte alpino.
Alto 1728 m sul livello del mare, il monte si erge, però, solo 700 m dalla pianura del Namib Desert.
È parte di una struttura granitica, nata più di 700 milioni di anni fa, che comprende anche vette di minore altezza.

(altro…)

Un’esondazione, in televisione, di fibrillazioni, eccellenze, bombe d’acqua e chi più ne ha, più ne metta.

sabato, aprile 22nd, 2017

 photo et841_zps9ggpybed.jpg

Sul Cofanetto Magico racconto dei miei viaggi africani senza la pretesa di essere uno scrittore e vi spiego perché.
Se avessi deciso di divenire giornalista avrei fallito miseramente, non solo (e soprattutto) per mancanza di talento ma anche per il rifiuto di uniformarmi alle mode linguistiche dei nostri mezzi d’informazione.
Un mio articolo sul clima non sarebbe mai preso in considerazione perché non vi avrei infilato, magari a caso, né «bomba d’acqua», né «esondare».

(altro…)

Avete fumo che suona nel vostro paese? Ovvero: Livingstone, le cascate Vittoria ed io

mercoledì, febbraio 22nd, 2017

 photo vic1_zpsnannkucd.jpg

«Avete fumo che suona nel vostro paese?» fu la domanda che una guida locale pose a Livingstone quando raggiunsero, nel 1855, “Mosi oa tunya” (il fumo suona qui) le possenti cascate dello Zambesi che l’esploratore subito battezzò “Victoria Falls” (cascate Vittoria) in onore della regina britannica.
Gli abitanti locali ne avevano terrore perché pensavano che fosse rifugio di una potente e misteriosa divinità e fu difficile per Livingstone, procurarsi una guida.
Le cascate sono le più vaste al mondo tenendo in considerazione altezza e larghezza: si estendono per 1.700 metri e l’acqua precipita per 108 metri creando nuvole di vapore che si innalzano per centinaia di metri. Il rumore poteva essere percepito, ai tempi di Livingstone (in assenza di inquinamento acustico) anche a 15 km di distanza.

(altro…)

Gli Himba e le cascate Epupa in Namibia

giovedì, dicembre 22nd, 2016

 photo foto1_zpsi0ccuixq.jpg

Gli Himba hanno la medesima origine etnica degli Herero, etnia pastorale arrivata nel Kaokoland, nel nord della Namibia al confine con l’Angola, nel 16° secolo.
Mentre la maggioranza degli Herero continuò in seguito la migrazione verso sud, una parte restò; attorno alla metà dell‘800, essi furono vittime di scorrerie di predatori Nama che li derubarono, progressivamente, di quasi tutto il bestiame.
Molti di loro fuggirono oltre il fiume Kunene in quella che ora è l’Angola. Qui, privati di quasi tutto e ridotti allo stato di cacciatori-raccoglitori, furono costretti a mendicare ospitalità e sostentamento; per questo furono chiamati, dalle popolazioni locali, Ovahimba (mendicanti).

(altro…)

Il “BIG HOLE” e la corsa ai diamanti a Kimberley, Sud Africa

martedì, novembre 22nd, 2016

 photo foto1_zpsqabjlpoe.jpg

Il Big Hole oggi (foto M.Almaviva)

Molti sanno che il gruppo De Beers è uno dei maggiori gruppi di estrazione e commercializzazione di diamanti, ma pochi conoscono l’origine del suo nome.
La sua storia è legata a quella della città di Kimberley (ora capoluogo della Provincia del Capo Settentrionale in Sud Africa), città sorta in una zona di estrazione diamantifera.
Tutto iniziò nel 1866 quando Erasmus Jacobs, figlio di un fattore, trovò, sulle rive del fiume Orange, una strana pietra con cui si mise a giocare.
La pietra passò di mano in mano finché fu identificata come un diamante grezzo (chiamato Eureka); nel 1869 fu rinvenuto un altro diamante grezzo “La Stella del Sud Africa”. In seguito una vera e propria corsa ai diamanti iniziò nella zona attorno al fiume.
Alcuni prospettori si diressero però all’interno attirati anche dalla diceria che mattoni di argilla di alcune fattorie contenevano diamanti.

(altro…)