Archive for the ‘Cultura’ Category

“Atti di devozione” (una recensione di Pietro Pancamo)

giovedì, luglio 27th, 2017

Atti di devozione (copertina)

Luigi Balocchi, Atti di devozione, Puntoacapo Editrice,
Pasturana (Alessandria), 2016

 

Mesi fa mi capitò di conoscere a Vigevano Luigi Balocchi, un romanziere che ormai da anni calcava, grazie a Mursia e Meridiano Zero, i principali palcoscenici letterari d’Italia; ebbene ricordo che diventammo subito amici e che per dimostrargli la stima sincera che nutrivo per lui, volli commentare brevemente –in un messaggio privato, che oggi ho deciso di rendere pubblico– la sua raccolta di versi Atti di devozione, data alle stampe nel 2016 dalla Puntoacapo Editrice.

(altro…)

Firenze, una strada giardino fra arte, fiori, colori.

martedì, luglio 18th, 2017

Può, improvvisamente, una strada cittadina diventare un giardino? A Firenze può succedere anche questo dove la fantasia diventa il nuovo modo di concepire il mondo attraverso la scoperta della natura e le sue infinite declinazioni. Una strada che diventa un mare, un fiume, un oceano di fiori, nuovi modi per parlare con la gente, per comunicare il mondo in cui viviamo in una lingua fatta di colore e poesia, dove la forza gentile di fiori e farfalle ha creato, per un attimo, un’estensione del piacere nell’infinito della natura.

(altro…)

Mamma, guardami un momento, ti prego! Perchè mi fai soffrire?

lunedì, luglio 3rd, 2017

Un bellissimo libro olandese sulla storia vera di una bimba che ha vissuto con una madre disturbata da problemi psichici. Nell’immagine sotto la copertina del libro, con la fotografia della protagonista, Danielle Koch, che ora ha 38 anni.

Oggi vi parlo di un libro olandese, “Mama, kijk eens”, scritto da Urjan Claassen, edito da Quilify, da cui sono rimasta particolarmente colpita. Si tratta della storia vera di una donna, Danielle Koch, che da piccola ha sofferto la più terribile esperienza che possa subire un bambino: quella di vivere con una madre affetta da problemi psichici. Ancor peggio: da una patologia psichiatrica non “abbastanza grave” da portare al ricovero in manicomio (in Olanda questi nosocomi esistono ancora, a differenza dell’Italia, in cui sono stati chiusi dopo l’approvazione della legge Basaglia). Ma neppure sufficientemente “preoccupante” da giustificare l’allontanamento dei figli da casa. Lo stesso tormento colpisce i bambini che convivono con un genitore depresso. A metà libro la stessa Danielle sottolinea quanto sia “più difficile vivere con una persona che cambia continuamente umore piuttosto che con una che è sempre di cattivo umore”.

Urjan Claassen, autore del libro Mama, kijk eens, una commovente biografia della sua amica Danielle Koch, con lui nella foto.

(altro…)

“Rabbia. Maneggiare con cura”, un’antologia di poesie e racconti, pubblicata da un collettivo artistico di Milano

martedì, giugno 27th, 2017

king-kong-472134_640

 

A Milano, il regista Gregory Fusaro e lo scrittore Maurizio Mozzoni hanno fondato “Underground? – distribuzioni alternative”, ovvero un collettivo che, deciso a combattere e debellare l’estrema ottusità dell’arte nostrana, si sta attualmente ramificando in tutta Italia, dalla Lombardia alla Sicilia, per allestire eventi e spettacoli d’ogni sorta, espressamente concepiti per dare finalmente visibilità anche agli artisti indipendenti: scrittori, musicisti, attori, fotografi, pittori e chi più ne ha, più ne metta.

(altro…)

Brittoli ancora in poesia.

giovedì, giugno 8th, 2017

Dopo un inverno austero e tragico, la primavera, timida, s’appresta a passare il testimone all’estate tra un tripudio di colori e profumi. L’estate! Si, proprio lei! La stagione della spensieratezza, del relax, del farneticare ad occhi aperti: mete alla moda, amori ritrovati, pensieri proibiti. E così, anche noi di Grafemi Dal Cuore, fautori di sogni e mercanti di emozioni, ritorniamo con la seconda edizione del Premio Poesia “Lea & Franco Silvestri” che tanto consenso ha riscosso l’anno scorso. La formula rimane sempre la stessa, due sezioni:
-la prima riservata alla poesia dialettale abruzzese a tema libero;
-la seconda riservata alla poesia in lingua italiana dal tema: Talvolta la terra trema.
Così com’è espresso il concetto fa pensare subito agli aventi sismici che hanno colpito gravemente il centro Italia negli ultimi anni. Si, certamente si, ma con quel “talvolta” abbiamo voluto allargare l’ambito emozionale dei poeti anche a quegli stati d’animo legati a vicissitudini che “talvolta” minano l’esistenza. Insomma, quei momenti di difficoltà, di incertezze e di paura che ci fanno tremare la terra sotto i piedi, dandoci la sensazione che tutto stia per crollarci addosso da un momento all’altro.
La tematica, tuttavia, tocca da vicino Brittoli, da sempre nel cratere degli eventi sismici che da qualche anno colpiscono al cuore lo Stivale.

…Ed allora al lavoro Poeti e Poetesse senza frontiere!

Su con lo sguardo a scrutare il cielo che mai nulla rivela
del dolore nascosto sotto la terra.

(altro…)

Poesia di maggio: “Fretta di lentezza”

sabato, maggio 27th, 2017

bear-2079672_640

 

Gli animali (perlomeno alcuni) vanno in letargo durante l’inverno. Gli uomini invece tutti quanti in estate, per un mese o più di ferie agostane, che vedono le attività lavorative, sia pubbliche sia private, cessare temporaneamente e “poltrire” non poco. Il riposo, comunque, è indispensabile dopo un anno di operosità indefessa e allora, all’insegna del motto “festina lente”, ecco qui di seguito una poesia pronta a ricordarci che concedersi una sosta, o se non altro ridurre il passo e l’andatura, è sempre il metodo migliore per “guarire” puntualmente da tutte le fatiche.

(altro…)

Immortal – La Giustiziera. Undicesimo episodio

lunedì, maggio 8th, 2017

 photo 578989_425069320916476_1601430364_n_zpsi43d7yor.jpg

Francesco, sente tutto il peso della responsabilità per il coinvolgimento di Monica nella ricerca di nuovi elementi volti a riaccendere l’interesse sulla brutta storia di femminicidio, vittima Gemma la sorella di Giana (Immortal), le cui indagini sembrano stagnare. D’altro canto Monica non fa nulla per tranquillizzarlo con il suo atteggiamento di sfida, quasi a voler richiamare su di sé la sua attenzione ad oltranza. Suggestive le gincane notturne per le strade di Roma e le tormentose attese nei recessi bui di viali alberati. Buona lettura.

Clicca qui per l’episodio precedente.

(altro…)

“Luoghi del Novecento. Studi critici su autori italiani: Cesare Pavese, Paolo Volponi, Tonino Guerra, Alberto Bevilacqua, Umberto Piersanti”

giovedì, aprile 27th, 2017

Alessandro Moscè, Luoghi del Novecento. Studi critici su autori italiani: Cesare Pavese, Paolo Volponi, Tonino Guerra, Alberto Bevilacqua, Umberto Piersanti, Marsilio Editori,
Venezia, 2004

 

Ho mobilitato i termosifoni, quel giorno, e subito il freddo ha iniziato a sfollare. Magari, attraverso i muri di casa, è uscito fuori per unirsi agli esordi assai incerti della mia primavera umbra, ancor gelida come l’inverno? Beh, non lo so… E comunque non mi sembrava utile, quel giorno, star lì a rimuginare, in stile trasognato, sulle avventure del freddo. Era sicuramente più opportuno, invece, ritornare a concentrarsi con solida attenzione sulla vita d’ordinanza, altrimenti detta quotidiana e piena (nel mio caso) di viaggi, di racconti da rifare, d’appuntamenti, di programmi da condurre, di articoli da correggere o creare. Insomma… di web radio e riviste online.

(altro…)

Un’esondazione, in televisione, di fibrillazioni, eccellenze, bombe d’acqua e chi più ne ha, più ne metta.

sabato, aprile 22nd, 2017

 photo et841_zps9ggpybed.jpg

Sul Cofanetto Magico racconto dei miei viaggi africani senza la pretesa di essere uno scrittore e vi spiego perché.
Se avessi deciso di divenire giornalista avrei fallito miseramente, non solo (e soprattutto) per mancanza di talento ma anche per il rifiuto di uniformarmi alle mode linguistiche dei nostri mezzi d’informazione.
Un mio articolo sul clima non sarebbe mai preso in considerazione perché non vi avrei infilato, magari a caso, né «bomba d’acqua», né «esondare».

(altro…)

Antiche storie di mare nella bella collezione 2017 di Silvia e Stefania Loriga, ricca di femminilità e passione.

martedì, aprile 18th, 2017

 photo 1_zpsuqfdj24r.jpg

Il mare, come sosteneva il grande scrittore marinaio Joseph Conrad, è un’esperienza che mette alla prova tutti i sensi: la vista, l’udito, l’olfatto, il tatto… per i giovani che nascono in Sardegna, sul mare, e vanno per il mondo con le loro professionalità va inserito anche il gusto nell’assunto conradiano: ragazzi nati sul mare e cresciuti in un lembo di terra incastonata tra il mare azzurro e la durezza dei monti, il profumo del salmastro che si confonde al vento, Silvia e Stefania Loriga, nate in Sardegna, vivono la loro passione e il loro sogno di creare la loro linea moda guardando il mare, da dove traggono l’ispirazione, trovando colori e forme nella profondità del blu, negli stridi rauchi di gabbiani, nei colori spudorati dell’estate e il nero tenebroso dell’inverno sotto il cielo livido di pioggia, per ripetere all’infinito la storia di un rapporto intenso dell’uomo con il mare, sempre in bilico tra attese e incontri.

(altro…)