Archive for gennaio, 2019

Jean Luc, l’Editore!

venerdì, gennaio 18th, 2019

Ho conosciuto Jean Luc Bertoni per uno di quegli sviluppi fortuiti e fortunati, che prendono avvio da un passato remoto che torna, improvviso, esattamente in quello che poi non si può non definire il momento giusto.

Un paio d’anni fa attraverso facebook, che possiamo criticare quanto vogliamo, ma per riannodare antichi rapporti altrimenti perduti è strumento assolutamente unico, sono tornato in contatto con un amico dei tempi delle prime radio private. Da decenni trasferito in Umbria, Bruno Mohorovich mi ha aggiornato sulla sua vita, e soprattutto sulle sue attività letterarie: poeta, scrittore, critico letterario e collaboratore di una intraprendente casa editrice. Niente male, eh?

Anzi, mi aveva subito svelato Bruno, stava proprio in quel momento lavorando ad una antologia di racconti scritti da autori pesaresi, e ricordandosi bene di Babbo Carlo e della sua “buona penna”, mi chiese di intercedere e a quel punto io, un po’ sfacciato, mi ero fatto avanti e gli avevo mandato anche qualcosa di mio.

(altro…)

Barbara D’Urso e La Dottoressa Giò. Ieri sera la prima puntata.

lunedì, gennaio 14th, 2019

Ieri sera su Canale 5 è iniziata la fiction La Dottoressa Giò, interpretata da Barbara D’Urso (nella foto)

Da mesi non si fa che parlare, soprattutto da Barbara D’Urso, della famosa serie La Dottoressa Giò, di cui è protagonista, per cui, dopo tanta curiosità e pubblicità da parte sua e di Mediaset, si aspettavano indici d’ascolto molto alti; che non ci sono stati. Solo il 12, 6%; Paperissima Sprint, che l’ha preceduta, ha ottenuto il 15, 2%.

Barbara D’Urso sul set della Dottoressa Giò, serie cominciata ieri su Canale 5, in cui la presentatrice ricopre il ruolo di una ginecologa.

(altro…)

Una recensione… per amico. “L’Angelo di Bucarest” di Valentino Di Persio

martedì, gennaio 8th, 2019

Vi siete mai chiesti come nasce un libro? A me è capitato più volte di chiedermelo, davanti ad un libro che mi rapiva. Ho provato a calarmi nei panni dell’autore per cercare di esplorarne l’animo, le emozioni all’atto di trascrivere i suoi pensieri, che solo lui, e nessun altro, avrebbe potuto modificare, come ad esempio, Jane Austen, nel momento in cui descrive Elizabet mentre rivela il suo amore all’ammiraglio Darcy. Oppure, quando Paatrick McGrath crea quel folle amore tra Stella, la moglie frustrata del vicedirettore di un manicomio, e il paziente Edgar, un affascinante artista manipolatore, assassino in semilibertà. O ancora Stephen King che fa ritrovare Paul Sheldon, ideatore di Misery, dopo averla fatta morire nel suo ultimo romanzo, tra le grinfie della mitica Annie Wilkes, un’infermiera psicolabile appassionata lettrice dei suoi racconti, la quale lo sottopone a crudeli sevizie per indurlo a far rivivere la sua eroina.
Questi sono solo alcuni degli esempi che mi portano a riflettere su come un autore, diversamente da altri, sia portato ad approfondire una parte più sentimentale, psicologica, drammatica o storica all’interno delle sue storie e su come, l’esperienza e la condotta di vita, incidano notevolmente sulla scrittura e sulle capacità di esposizione, peculiarità che permettono ad un autore di poter sfruttare al massimo la propria fantasia ponendola a confronto o in opposizione con la realtà.

(altro…)

Chrirurgia estetica. Fillers assassini. Dall’Olanda una soluzione ottimale per non commettere errori. Glutei scesi sino alle caviglie: non credevo ai miei occhi, dice un dermatologo olandese! La blefaroplastica.

giovedì, gennaio 3rd, 2019

“Quando entrò nel mio studio per la prima volta rimasi senza parole! Davanti a me c’era una donna i cui glutei erano scesi sino alle caviglie dopo un trattamento per rimpolparli in cui, all’estero, le avevano inettato mezzo litro di olio di silicone.” Così ha dichiarato al quotidiano olandese AD il dermatologo Peter Velthuis, della clinica universitaria Erasmus MC di Rotterdam, il quale, insieme alla collega Leonie Schelke, specialista in chirurgia estetica, ha trovato un sistema per evitare i tanti danni causati ai pazienti da medici ed estetisti inesperti. Si tratta di sottoporre il paziente ad un’ecografia che evidenzierà precisamente dove si trovano i vasi sanguigni in modo che non vengano danneggiati dall’iniezione, con conseguenze disastrose.

Una paziente trattata con un fillers a base di un prodotto che è risultato altamente nocivo. Questa fotografia è stata mostrata in un servizio della televisione olandese RTL sul pericolo di sottoporsi a questi trattamenti senza affidarsi a veri professionisti nel campo.

(altro…)

Buon anno 2019! Con qualche risata!

martedì, gennaio 1st, 2019

Cari amici, lettori online, cofanetti magici, amici di facebook,

felice anno nuovo! Immagino che a Natale e la fine anno avrete mangiato “un po’più” del normale! Ma non preoccupatevi , come dice Mafalda nella vignetta sopra….dopo aver mangiato ogni ben di Dio adesso potete sperare nel miracolo! Proprio così voglio iniziare l’anno nuovo insieme a voi: sorridendo. Con tre barzellette e due perle di saggezza. Oltre che con i miei più affettuosi auguri che quest’anno vi porti tanta pace, serenità, salute, amore, belle amicizie.

La collana che indosso è un dono della vigilessa Nunzia Ogliormino, ( Siria Eco Design), intervistata per il Cofanetto magico. E’ fatta con i pistacchi: per ogni sua creazione usa materiale riciclabile, plastica, frutta, gomma….Non potendo dividerla con i miei collaboratori ve ne mando, virtualmente, un pezzetto, qualche pistacchio a testa…

(altro…)