Posts Tagged ‘pietro pancamo’

“Geennaio” (una poesia di Pietro Pancamo)

sabato, gennaio 27th, 2018

fantasy-2925250_640

 

Cari amici de «Il Cofanetto Magico»,
che dire per commentare a dovere la poesia che propongo quest’oggi? Beh, ad esempio, che a leggerla con attenzione, si rivela composta di tanti giochi di parole. Ma tanti per davvero! Ecco, li vedete? Si sovrappongono l’un l’altro, come fiocchi di neve senza posa e senza fine, perché son decisi a dimostrare, o così credo, che il più crudele dei mesi non è per niente aprile.

(altro…)

Vigilia di Natale

mercoledì, dicembre 27th, 2017

anniversary-157248_640

 

Forse la prosa poetica che vi propongo quest’oggi è un po’ malinconica; in compenso, però, molto più allegri e “pimpanti” sono i miei auguri di buon anno. E ve li faccio proprio adesso, esclamando con un gran sorriso: «Uno splendido 2018 a tutti voi, cari amici del «Cofanetto»!!!!».

(altro…)

Francesco Gazzè: il sentimento come ragion di scrivere (una recensione di Pietro Pancamo)

lunedì, novembre 27th, 2017

51TZ2n5ookL._SX373_BO1,204,203,200_

Francesco Gazzè, Il terzo uomo sulla luna,
Baldini&Castoldi, Milano, 2002

 

C’è un’acuta distanza (quasi totale, cioè irreversibile o giù di lì) fra i sentimenti e il mondo attuale… Al punto che ognuno di noi (se fosse onesto) si dovrebbe inquisire schiettamente, sottoponendosi magari a un discorsetto accusatorio tipo questo: “Dove finisce la televisione e dove comincia la mia identità? Ahimè, non resta più alcun confine di riconoscimento…”.

(altro…)

Poesia di ottobre: “L’artista”

venerdì, ottobre 27th, 2017

Esiodo e la Musa, olio su tavola di Gustave Moreau

 

L’artista è un guardiano che vigila, per conto delle Muse, sul corretto andamento della vita. Ecco il messaggio, nemmeno tanto recondito, del componimento in versi che vi propongo quest’oggi; un componimento che, a dire il vero, ho già declamato in pubblico un paio di settimane fa, durante un reading letterario che si è tenuto a Como, praticamente sulle rive del lago, alla presenza del noto poeta Guido Oldani.

(altro…)

Poesia di settembre: “Confronto”

mercoledì, settembre 27th, 2017

guy-2616454_640

 

Cessato il mese d’agosto –un agosto affannoso (però mi auguro che il vostro, cari amici, sia stato magico come «Il Cofanetto»)– è finalmente ora di riprendere e riprendermi la vita: rieccomi così a pubblicare poesie in questa mia rubrica personale. I versi che vi propongo oggi, procedono direttamente dall’abitudine che ho di camminare a lungo, e a ritmo sostenuto, nel fitto cuore dei boschi. E adesso che abito in montagna, andare a passo di marcia fra alberi a schiera, e per sentieri solitari, non è più un semplice svago, ma una vera sfida atletica fra il sottoscritto e le salite. Chi è che vince? L’età, suppongo. La mia…

(altro…)

“Intervalli ardenti” (una recensione di Pietro Pancamo)

domenica, agosto 27th, 2017

«Specchio poetico. Raccolte in dialogo» (copertina)

Daniele Bottura, Intervalli ardenti, in A. Ramberti (a cura di),
Specchio Poetico. Raccolte in dialogo, Fara Editore, Rimini, 2007

 

Cari amici de «Il Cofanetto Magico»,
in calce a queste righe ecco un breve commento a mia firma, col quale intendo presentarvi Intervalli ardenti, ovvero una silloge di liriche partorita, una decina d’anni fa, dalla mente del bravo scrittore Daniele Bottura e più tardi apparsa nell’antologia di autori vari Specchio Poetico. Raccolte in dialogo.

(altro…)

“Atti di devozione” (una recensione di Pietro Pancamo)

giovedì, luglio 27th, 2017

Atti di devozione (copertina)

Luigi Balocchi, Atti di devozione, Puntoacapo Editrice,
Pasturana (Alessandria), 2016

 

Mesi fa mi capitò di conoscere a Vigevano Luigi Balocchi, un romanziere che ormai da anni calcava, grazie a Mursia e Meridiano Zero, i principali palcoscenici letterari d’Italia; ebbene ricordo che diventammo subito amici e che per dimostrargli la stima sincera che nutrivo per lui, volli commentare brevemente –in un messaggio privato, che oggi ho deciso di rendere pubblico– la sua raccolta di versi Atti di devozione, data alle stampe nel 2016 dalla Puntoacapo Editrice.

(altro…)

Poesia di maggio: “Fretta di lentezza”

sabato, maggio 27th, 2017

bear-2079672_640

 

Gli animali (perlomeno alcuni) vanno in letargo durante l’inverno. Gli uomini invece tutti quanti in estate, per un mese o più di ferie agostane, che vedono le attività lavorative, sia pubbliche sia private, cessare temporaneamente e “poltrire” non poco. Il riposo, comunque, è indispensabile dopo un anno di operosità indefessa e allora, all’insegna del motto “festina lente”, ecco qui di seguito una poesia pronta a ricordarci che concedersi una sosta, o se non altro ridurre il passo e l’andatura, è sempre il metodo migliore per “guarire” puntualmente da tutte le fatiche.

(altro…)

Omaggio alle donne

lunedì, marzo 27th, 2017

gratitude-1201972_640

 

L’otto è già passato. Ma è pur sempre marzo: quindi eccomi pronto a tributare, con la breve prosa poetica che segue, un giusto omaggio a tutte le donne!

 

OGNI NODO TI SIA UN DONO

I

In omaggio all’otto marzo ed in cambio del tuo cuore sempre generoso (incapace di non dare ma capace d’inondare di gioia e d’altruismo) questo, qui di getto, è il messaggio che ti offro mia donna di rifugio: “Ogni nodo ti sia un dono, si volga ogni dolore in un grido di conquista ovvero di vittoria e il freddo poi si sciolga dipanandosi in calore”.

(altro…)

Poesia di febbraio: “Caro Pietro”

lunedì, febbraio 27th, 2017

old-letters-436501_640

 

Come il testo che troverete in calce a queste righe non mancherà certo di dimostrarvi, io avevo l’abitudine, agli inizi (molto stentati) della mia carriera come poeta, di scrivermi una lettera di quando in quando per fare il punto della situazione (che, ovviamente, non era poi così allegra). Ad esempio ricordo che all’epoca soltanto la rabbia poteva isolarmi dal dolore e darmi dunque l’illusione continua che la mia testardaggine fosse coraggio, mentre la mia impazienza, autentica speranza. Ed ogni poesia, in quei giorni, altro non era che una preghiera laica sull’altare della fatica (ebbene sì, la fatica: l’unica che riuscisse ancora a conferire una parvenza di dignità ai miei tanti insuccessi).

(altro…)