Posts Tagged ‘ferie’

Poesia di agosto: “Arrivederci fratello mare” (di Nazim Hikmet)

venerdì, agosto 27th, 2021

20210719_111442

 

Cari amici del «Cofanetto Magico»,
facciamo tesoro, e subito!, dei versi in calce a queste righe e, prima di “salpare” nuovamente per “riapprodare” alla nostra vita di sempre, vediamo di recitarli a mente per salutarlo, il mare, col dovuto affetto e la giusta nostalgia (senza dimenticarci, ovviamente, di ringraziarlo per i molti doni che ci ha sin qui elargito con grande generosità: le ferie tanto desiderate, innanzitutto, e poi la spiaggia, gli scogli, le nuotate, la schiuma, le onde, il sole, il cielo, l’orizzonte e, come negarlo?, il ritorno della speranza…).

Pietro Pancamo
CHI SONO

(altro…)

Poesia di luglio: “Le furie dell’impiegato”

martedì, luglio 27th, 2021

20210608_083851_resize_96

 

Cari amici del «Cofanetto Magico»,
dato che siamo in piena estate e le ferie impazzano, è il momento, per me, di domandarvi se siate per caso imprenditori. La risposta è sì? Ecco allora un consiglio spassionato (ma anche utile, mi auguro): se davvero tenete ai vostri affari e alla vostra piccola azienda, evitate accuratamente, in questo periodo, di redarguire gli impiegati; la loro reazione potrebbe rivelarsi fin troppo veemente, infatti, e lasciarvi, magari, a corto di personale. Oh, che sciagura!

Pietro Pancamo
CHI SONO

(altro…)

Poesia di luglio: “Ferie”

sabato, luglio 27th, 2019

Giuseppe_Arcimboldo_-_Summer,_1573

Giuseppe Arcimboldo, Estate, olio su tela

 

Arriva l’estate e subito iniziano a domandarvi, soprattutto in ufficio, a quale tipo di vacanza rigenerante abbiate intenzione di affidarvi. È così che spesso nascono, fra una fotocopia e magari una pratica sbrigata al computer, conversazioni davvero cordiali, che aiutano a passare il tempo in allegria. Però, a volte, i vostri colleghi prendono a farvi domande che si tingono di malignità e che, in definitiva, altro non sono che un pretesto per dileggiarvi un po’. In ogni modo, state pure tranquilli: si tratta d’una cosa che capita solo in condizioni assai particolari –cioè a patto che abbiate (come dire?) una fama un tantino “sinistra”…

(altro…)

Poesia di maggio: “Fretta di lentezza”

sabato, maggio 27th, 2017

bear-2079672_640

 

Gli animali (perlomeno alcuni) vanno in letargo durante l’inverno. Gli uomini invece tutti quanti in estate, per un mese o più di ferie agostane, che vedono le attività lavorative, sia pubbliche sia private, cessare temporaneamente e “poltrire” non poco. Il riposo, comunque, è indispensabile dopo un anno di operosità indefessa e allora, all’insegna del motto “festina lente”, ecco qui di seguito una poesia pronta a ricordarci che concedersi una sosta, o se non altro ridurre il passo e l’andatura, è sempre il metodo migliore per “guarire” puntualmente da tutte le fatiche.

(altro…)