Posts Tagged ‘speranza’

Intervista a me stesso. “L’ultimo pescatore” di Luciano De Giorgio

sabato, febbraio 1st, 2020

Luciano De Giorgio presenta il suo recente libro, edito da Albatros.

Ebbene sì, ho chiesto all’autore del libro “L’ultimo pescatore”, Luciano De Giorgio, di intervistare se stesso. Infatti chi meglio dello stesso scrittore può parlarci della sua opera? Uscire da se stessi per vedersi da un altro punto di vista, con le proprie paure, esperienze di vita e speranze. Io ho appena terminato di leggerlo e mi è piaciuto. Originale (soprattutto per la fine!), coinvolgente, ricco di citazioni e pensieri che invitano ad una riflessione profonda. Su un tema che tocca tutti: quello della malattia e della morte.

Come quando si è nella stanza di un parente caro tutti intorno ad un letto consapevoli di non poter far nulla, di non riuscire a dir nulla… neanche gridare la rabbia per un destino crudele, dovuto ad “una malattia feroce” (come la definisce De Giorgio) Ma niente finisce, quando il corpo perisce.

Rimangono quei 21 grammi di anima…De Giorgio scrive: “Questo il peso dell’anima. Non si sa perchè, non si sa come, ma appena il cuore compie il suo ultimo battito pare che il nostro corpo perda 21 grammi esatti.” E, poi, ancora: “nella numerologia il numero 21 rappresenta la fortuna in tutto il suo insieme.” Il che implica quindi il concetto del…: “lieto fine.” Se vogliamo vedere in tutto ciò un segno di speranza. La speranza che la nostra vita su questa terra non sia stata soltanto un caso.

Vi lascio a questa speciale intervista dell’autore a se stesso e…
buon mese di febbraio a tutti!

Maria Cristina Giongo
CHI SONO

Complimenti signor De Giorgio, la vita da pensionato l’ha visto rinascere. Oggi siamo al suo quarto libro. Di cosa parla “L’ultimo pescatore”?
A differenza dei miei precedenti libri che avevano un sapore “dolce” (Pinocchio, Sagre e Fiere, Leonardo Da Vinci) questa volta il sapore é “amaro” trattando una malattia ancor oggi incurabile: il cancro.

Quindi, per la prima volta si cimenta su un tema drammatico. Che cosa lo ha portato ad un argomento così difficile e doloroso?
É la somma di varie esperienze vissute negli ultimi anni con persone afflitte da varie malattie che purtroppo portano alla morte. Nonostante questo, il mio racconto vuole essere un messaggio di speranza perché la speranza non deve morire mai.

Un disegno di Loredana Lancisi, realizzato appositamente per il capitolo che da il titolo all’opera.

(altro…)

Poesia di marzo: “Fino alla domanda”

mercoledì, marzo 27th, 2019

directory-466935_640

 

Cari amici del «Cofanetto Magico»,
per mantenere la calma, e quindi la speranza, anche nelle situazioni più critiche e tempestose, bisogna apprendere quanto prima tutti i segreti dell’ironia (che è la virtù dei forti o almeno dei cocciuti). Sul mercato, e nelle librerie, esistono manuali, magari in formato economico, che la insegnino a dovere (offrendovi perciò un’utile opportunità di vivere un po’ meglio)? Non so, a dire il vero. Per cui posso consigliarvi, al massimo, di leggere attentamente la poesiola che segue.

(altro…)

“Falsomagro” (una recensione di Pietro Pancamo)

mercoledì, giugno 27th, 2018

16087348189

Monia Gaita, Falsomagro, Guida Editori, Napoli, 2009

 

Nella raccolta di versi Falsomagro dell’avellinese Monia Gaita, è protagonista, tanto nobile quanto indiscussa, una poesia armoniosa che –scaturendo si direbbe da una ferita complessa e articolata– procede con inquieta eleganza e che –lasciandosi guidare dall’estrosa precisione del dolore (bravissima, com’è noto, a (s)covare sempre e regolarmente l’immagine più giusta per esprimere l’esatta consistenza della vita)– riesce puntualmente ad imboccare la strada migliore per addentrarsi e perdersi in uno stile sicuro, che avanza a gran passi (o, se vogliamo, “[…] a forti dosi”) fra sussulti continui d’innegabile ricerca… e ricercatezza.

(altro…)

Editoriale. Papa Francesco. Tutto diventa più bello se ci credi.

venerdì, aprile 1st, 2016

Roma: 10 febbraio 2016. Luci e ombre. Papa Francesco un po’ pensieroso… Foto Hans Linsen

Cari Cofanetti magici, affezionati lettori,

oggi vorrei parlarvi dell’importanza di credere. Non solo di sperare. Penso che credere e sperare siano sinonimi: vivono in simbiosi, uno non esiste senza l’altro, è incompleto. Sono legati da un sottile filo d’argento, solido e prezioso.

Roma,10 febbraio 2016. Papa Francesco saluta i suoi fedeli, felice e pieno di speranza per il futuro della Chiesa, che grazie al Suo intervento sta già cambiando: in meglio! Foto Hans Linsen

(altro…)

Poesia di dicembre: “Tv”

domenica, dicembre 27th, 2015

Giorgione, L’adorazione dei pastori

 

Oggi è dicembre e nonostante il freddo vorrei restarmene a viaggiare. Ma non posso perché il globo terracqueo pullula di gente poco raccomandabile, secondo la quale dio si è manifestato sotto le specie del kalashnikov e della scimitarra, per innescare la prima guerriglia mondiale. E allora, dato che la morte imperversa dappertutto seppellendoci a vista, meglio affidarsi come sempre al Natale e lasciar parlare come ogni anno gli auguri. I miei dicono: «Speriamo di salvarci, cari amici, e di avere una vita serena, al riparo da qualunque dolore».

(altro…)