Posts Tagged ‘dio’

Editoriale di luglio e agosto. La creatività è il Creatore. Si chiama Dio.

lunedì, luglio 1st, 2019

Sudafrica 2018. Foto di Maria Cristina Giongo. La natura, la flora, la fauna, sono un tripudio di colori inimitabili, fantastici!

Ogni tanto rivolgo una preghiera di ringraziamento a Dio, la mente geniale che ha ideato la meravigliosa natura in cui viviamo. Dove ogni cosa è stata “pensata“ in ogni minimo particolare. Dalle piante agli animali, all’emisfero celeste, dove ognuno ha un suo motivo di esistere, di svilupparsi; una sua funzione vitale, riproduttiva, incantevole. Miracolosa.

Sudafrica 2018. Le caratteristiche strisce bianche e nere del manto della zebra sono diverse in ogni individuo, proprio come l’impronta digitale dell’uomo; questa incredibile particolarità ha permesso agli studiosi di distinguere ogni singolo soggetto da centinaia di altri individui del tutto simili ma non perfettamente uguali. I ricercatori che monitorizzano le specie in via di estinzione utilizzano la diversità delle strisce di ogni soggetto proprio come un codice a barre. Foto di Maria Cristina Giongo

(altro…)

Editoriale di febbraio

mercoledì, febbraio 1st, 2017

La natura è buona, Dio è buono. L’uomo a volte è tanto cattivo! San Valentino e l’amore: non smettiamo di sperare nel lieto fine! Anche quando non ci crediamo più.

Eindhoven (Paesi Bassi), 25 gennaio 2017. Foto Maria Cristina Giongo

Il mese scorso abbiamo vissuto con il gelo nel cuore. Ancora scosse di terremoto, ancora macerie, e poi il maltempo, un hotel, il resort Rigopiano, negli Abruzzi, sul versante pescarese del Gran Sasso, completamente seppellito sotto una montagna di neve e detriti. Senza contare il dramma di un autobus che si è incendiato provocando la morte di tanti ragazzi che tornavano da una vacanza invernale con la scuola. La fame, le guerre in alcuni Paesi del mondo, gli attentati terroristici…. E mi fermo qui.

Eindhoven (Olanda), fine gennaio 2017. Foto di Maria Cristina Giongo

(altro…)

Un fiore per te, Asmae Dachan!

giovedì, novembre 3rd, 2016

Intervista ad Asmae Dachan, giornalista, musulmana. Fermate quegli infami che compiono crimini contro l’umanità con la scusa della religione! Usare il nome di Allah per uccidere è una bestemmia! Perchè porto il velo.

Aleppo, Siria, agosto 2013. La giornalista Asmae Dachan davanti alle macerie di una scuola di Aleppo.

Asmae Dachan, ha 40 anni ma ne dimostra di meno. Ha una voce delicata, gentile, un animo puro e buono, sostenuto da una fede assoluta. Oltre che da molto coraggio. Lo stesso coraggio con cui lotta contro chi scredita la sua religione con atti criminali compiuti verso altre creature umane. Ha vinto il premio della giuria al Concorso dei Giornalisti del Mediterraneo del 2016 per un suo servizio sul terrorismo, pubblicato dalla rivista Panorama.

Roma. 21 settembre 2016. Asmae Dachan con Papa Francesco all’udienza dei giornalisti italiani.

(altro…)

Editoriale. Papa Francesco. Tutto diventa più bello se ci credi.

venerdì, aprile 1st, 2016

Roma: 10 febbraio 2016. Luci e ombre. Papa Francesco un po’ pensieroso… Foto Hans Linsen

Cari Cofanetti magici, affezionati lettori,

oggi vorrei parlarvi dell’importanza di credere. Non solo di sperare. Penso che credere e sperare siano sinonimi: vivono in simbiosi, uno non esiste senza l’altro, è incompleto. Sono legati da un sottile filo d’argento, solido e prezioso.

Roma,10 febbraio 2016. Papa Francesco saluta i suoi fedeli, felice e pieno di speranza per il futuro della Chiesa, che grazie al Suo intervento sta già cambiando: in meglio! Foto Hans Linsen

(altro…)

Una coppia ha speso 90.000 euro per clonare il proprio cane morto.

venerdì, marzo 18th, 2016

Sud Corea (Asia): baby Chance, il boxer clonato da un cane deceduto.

Una coppia di inglesi, Laura Jacques (29 anni) ed il suo compagno Richard Remde (43) di Yorkshire, non riuscivano a darsi pace per la morte del loro amato boxer Dylan, avvenuta per un infarto a 9 anni d’età. Dopo aver letto un articolo sull’Istituto Sooam Biotech, nel sud della Corea, dove vengono clonati animali, hanno cominciato a sognare di poterlo riavere “in qualche modo” fra le loro braccia.

Una foto di Dylan, spirato in giugno a 9 anni, di cui ora esiste un piccolo clone.

(altro…)

Editoriale di settembre. La vita è una cosa seria ma non prendiamola troppo sul serio.

martedì, settembre 1st, 2015

Veluwezoom (Olanda), Hans Linsen (Foto: Maria Cristina Giongo)

D’accordo: la vita è una cosa seria. Si nasce, si muore, e nel mezzo si prendono pure un sacco di fregature. Ci sono momenti belli, momenti brutti; nel mezzo… momenti discreti. Ci si ama, ci si lascia, si riflette; ci si sposa, si mettono al mondo figli. Si battezzano i figli. I figli prima o poi se ne vanno. Dopo un po’ tornano. E a loro volta procreano. Oppure fanno yoga, diventano buddisti, vanno a meditare nel deserto. Si fanno le valige, si disfano le valige. Si divorzia. Ci si innamora di un uomo o di una donna; oppure di tutti e due. Si studia, si lavora, si pecca, ci si pente. Ci si affeziona ad un cane, ad un gatto, ad un criceto, ad un asino.

Paesi Bassi. Veluwezoom. Pausa di riflessione. (Foto di Maria Cristina Giongo)

(altro…)

Incontro con un delfino. Il magico cetaceo che allatta in modo unico e speciale.

sabato, agosto 8th, 2015

31 maggio 2015. Una giornata particolare… Dolfinarium di Harderwijk, in Olanda.
Maria Cristina Giongo con il delfino Nalu, dopo avergli dato un pesciolino da mangiare (che va direttamente buttato nella bocca, non in acqua. Foto H. Linsen)

Dei delfini si conosce tutto, o quasi tutto. Sono animali intelligenti, sensibili. E molto sociali; non solo all’interno del loro gruppo ma anche nei confronti di altre specie differenti. Nuotano per 50-80 chilometri al giorno. La maggior parte del tempo la passano a migrare; in 20 giorni possono percorrere circa 1000 chilometri. Raggiungono una profondità di 200 metri e in media vivono sino a 35 anni di età.

(altro…)

Editoriale di giugno 2015. Nella vita c’è sempre una cosa che non quadra. Vi svelo quale.

lunedì, giugno 1st, 2015

La salamandra Axoloti. Compie l’intero ciclo vitale allo stadio di larva e vive nel lago di Xochimilco, nei pressi di Città del Messico

Oppure potremmo dire: “nella vita c’è sempre qualcosa che non quadra”.
Ho letto questa frase nei commenti di una mia amica di facebook, Dony. Mi ha fatto riflettere. Brava Dony! Brava per aver toccato un punto essenziale del nostro esistere: sta a dire quel senso profondo di incertezza su quell’indefinibile, imperscrutabile qualcosa che ci impedisce di essere sempre sereni, felici, contenti, realizzati, equilibrati.

Un Triops, piccolo crostaceo preistorico vivente. Uno dei tanti miracoli della natura.

(altro…)

Voli Pindarici. Ma Dio esiste?

mercoledì, aprile 8th, 2015

Ho profondo rispetto per coloro che ci credono ma io nutro un forte scetticismo sulla possibilità che ci possa essere un’altra vita dopo questa e, a maggior ragione, che quella, ovvero la vita che verrà, possa essere eterna. Reincarnazione, Resurrezione, Paradiso, Inferno, Purgatorio, etc… secondo il mio raziocinio sono tutte elucubrazioni mentali dell’essere umano. In verità l’uomo nella sua immensa presunzione crede di essere, in esclusiva, nelle grazie di qualcuno, Dio (ma esiste?). Egli, l’uomo, in forza dell’autoproclamazione a “favorito” del Creatore, si pone al centro dell’universo come padrone di tutti i privilegi sia terreni che presunti post vitae, reincarnazione, resurrezione, vita eterna e quant’altro.

(altro…)

Editoriale di febbraio. Ti amo. Ma il sesso non deve durare come una tazzina di caffè

domenica, febbraio 1st, 2015

Cari lettori online,

L’editoriale di febbraio prende spunto dalla festa degli innamorati: San Valentino. Una ricorrenza commerciale, sicuramente, ma che parla comunque di amore.
Per questo vorrei soffermarmi sull’importanza dell’amore. L’amore è passione, è un sospiro, è dolcezza, è comprensione, è sofferenza. L’amore è contare su qualcuno; è affidarsi a lui e fidarsi di lui. L’amore è donare. Inoltre è seduzione, suscitare desiderio e anche appagarlo. E’ agire; infatti si dice “fare l’amore”. Ma… “non va consumato come una una tazzina di caffè”, come dice Renato Zero in una sua splendida canzone.

(altro…)