Posts Tagged ‘eutanasia’

L’eutanasia? Una sconfitta. Intervista al medico olandese Jaap Schuurmans

martedì, ottobre 3rd, 2017

Jaap Schuurmans, 56 anni, è un illustre medico olandese consulente nel campo delle cure palliative. Dal 1997 al 2012 è stato membro di Amnesty International. Ha studiato in Inghilterra e nei Paesi Bassi, dove ha conseguito la laurea all’Università statale di Groningen. Ha pubblicato parecchi scritti sul tema dell’eutanasia. Il suo studio si trova a Groesbeek, un paese vicino a Nijmegen, con 3000 pazienti. Il salotto di casa sua è dominato da una grande e bella scultura che rappresenta Caronte, l’ “orrendo nocchiero” mitologico (come viene descritto da Virgilio nell’Eneide) che trasportava le anime dei morti da una riva all’altra del fiume Acheronte: “con gli occhi di bragia” (Dante). Nella foto qui sopra.

Olanda. Una bella immagine simbolica creata dal Dottor Schuurmans su una sua scultura, che ben delinea il tema dell’intervista.

(altro…)

L’eutanasia? Una sconfitta. Intervista al medico olandese Jaap Schuurmans

martedì, ottobre 3rd, 2017

Jaap Schuurmans, 56 anni, è un illustre medico olandese consulente nel campo delle cure palliative. Dal 1997 al 2012 è stato membro di Amnesty International. Ha studiato in Inghilterra e nei Paesi Bassi, dove ha conseguito la laurea all’Università statale di Groningen. Ha pubblicato parecchi scritti sul tema dell’eutanasia. Il suo studio si trova a Groesbeek, un paese vicino a Nijmegen, con 3000 pazienti. Il salotto di casa sua è dominato da una grande e bella scultura che rappresenta Caronte, l’“orrendo nocchiero” mitologico (come viene descritto da Virgilio nell’Eneide) che trasportava le anime dei morti da una riva all’altra del fiume Acheronte: “con gli occhi di bragia” (Dante). Nella foto qui sopra.

Olanda. Una bella immagine simbolica creata dal Dottor Schuurmans su una sua scultura, che ben delinea il tema dell’intervista.

(altro…)

“Papà, non voglio fare la chemioterapia!” Il giudice olandese dà ragione al bambino.

mercoledì, luglio 12th, 2017

David, il bambino di 12 anni, protagonista di questa drammatica e sconvolgente vicenda.

David ha solo 12 anni. E’un bel bambino biondo, con gli occhi azzurri ( vedi il video alla fine di questo articolo). Vive ad Hoorn, nei Paesi Bassi. Sei mesi fa è stato operato per un tumore al cervello; in seguito è stato trattato con la radioterapia, con ottimi risultati. Per terminare il percorso di cura i medici avevano proposto la chemioterapia. Ma il ragazzino si era rifiutato di farla. Secondo la legge olandese un minorenne, fra i 12 e i 16 anni, può scegliere come morire; ma con una decisione vagliata e presa insieme ai suoi genitori.

Amsterdam, 11 luglio 2017. Anche la Corte d’Appello ha deciso che David, 12 anni, può rifiutarsi di sottoporsi ad una cura chemioterapica, anche se potrebbe salvargli la vita. Il padre ricorrerà alla Corte di cassazione.

(altro…)

Olanda; caso scioccante di eutanasia. Una donna affetta da Alzheimer tenuta ferma con la forza per praticarle l’iniezione letale.

lunedì, aprile 3rd, 2017

E’ difficile parlare di eutanasia. Chi è cristiano, cattolico, crede nella sacralità della vita, che ci è stata donata da Dio per un percorso che dobbiamo compiere sino alla fine progettata da lui. Chi non ci crede chiede il diritto di porre lui stesso termine alla sua esistenza, scegliendo liberamente il momento della sua morte.

Nei Paesi Bassi, come sapete e come ho più volte scritto su quotidiani e settimanali nazionali, esiste una legge, datata 1 aprile 2000, approvata nel 2001 e in uso dal 2002 che permette l’eutanasia attiva assistita, a condizione che vengano rispettate alcune norme, molto severe, che tutelino la procedura atta a portare a termine questo atto, secondo regole ben precise ed inviolabili. Fra cui un precedente “testamento biologico”, un formulario sottoscritto quando si è ancora in stato di intendere e volere. Anni fa pubblicai sul quotidiano Il corriere medico e poi per il settimanale OGGI i vari punti della legge, fra i quali l’attestazione che il malato è affetto da una malattia incurabile, allo stadio terminale e da una sofferenza insopportabile.

(altro…)

Olanda. La verità sul feroce assassinio dell’ex ministro della sanità Els Borst. Macabri particolari. Punita per aver approvato la legge sull’eutanasia.

martedì, maggio 3rd, 2016

Paesi Bassi. Bart van U. il feroce assassino di Els Borst, ex ministro della sanità, avvenuto nel garage della povera donna. Dopo la confessione escono altri particolari terribili e il movente: “aveva permesso che passasse la legge sull’eutanasia in Olanda”, ha dichiarato.

Ci sono dei delitti premeditati ancor più impressionanti per la crudeltà dell’azione e l’odio insensato che muove la mano dell’omicida. Come quello di Els Borst, di cui solo ora, a distanza di due anni, si conoscono tutti i particolari.
Els Borst, nata ad Amsterdam nel 1932, è stata ministro della sanità, sport e tempo libero dal 1994 al 2002 e dal 1998 anche vicepremier. Fu la prima a capire l’importanza della donazione degli organi, introducendo la possibilità di rilasciare una dichiarazione ufficiale, a partire dall’età di 18 anni, per poterlo fare.

Bilthoven (Olanda). Il ministro Els Borst, uccisa ferocemente da uno squilibrato. L’uomo temeva che l’eutanasia “a causa sua” si potesse applicare anche ai ciechi. “Per questo ho voluto punirla severamente”, ha confessato durante il processo a suo carico, “trafiggendole gli occhi”.

(altro…)

Intervista al biologo Francesco De Giorgio. Interagire con i nostri animali non significa dominare, condizionare, manipolare. Lasciamo all’animale tempo e spazio per studiarci.

domenica, gennaio 3rd, 2016

Nistelrode (Paesi Bassi). 31 ottobre 2015. Una bella immagine di Francesco De Giorgio, specializzato in cognizione animale, etica e zooantropologia. Studioso e profondo conoscitore del mondo animale.

Oggi ho deciso di regalarvi un’interessante intervista ad un biologo italiano, il Dottor Francesco De Giorgio, che abita nei Paesi Bassi, specializzato in etologia (studio del comportamento), etica e zooantropologia: un’eccellenza nel campo.
Sono andata a trovarlo nella sua fattoria a Nistelrode, un paese al sud dell’Olanda, dove abita e tiene corsi ad alto livello sulla conoscenza del mondo animale. Francesco De Giorgio ha 50 anni ed è nato a Portici (in provincia di Napoli). Ha studiato biologia all’Università di Parma, con il grande etologo Danilo Mainardi, con cui ha sempre mantenuto contatti. Ha viaggiato molto per i suoi studi e le sue ricerche scientifiche, visitando la maggior parte dei Paesi Europei; oltre all’Africa del nord e agli Stati Uniti d’America.

Nistelrode (Olanda), autunno 2015. Uno scorcio della fattoria dove il Dottor De Giorgio abita e lavora insieme a sua moglie Josè e ai loro animali.

(altro…)

Un ultimo saluto al nostro Hilton, per gli amici Tonino

mercoledì, luglio 8th, 2015

Anche se è già passato un mese dalla sua morte, il vuoto che ha lasciato in noi il nostro cagnolone “Tonino” è ancora enorme.

Hilton

Il nostro Hilton

(altro…)

Zeus il mio magnifico cagnolone. Ora riposa in un’immensa terra piena di alberi e uccellini.

mercoledì, marzo 11th, 2015

Avevo poco più di 16 anni quando, accompagnata dal mio primo fidanzato, Mimmo, decisi una domenica mattina di andare al canile comunale ( allora ancora pienamente funzionante ) per adottare un cucciolo di cane.

cucciolo

(altro…)

Olanda. Un uomo in coma da mezzo secolo! Una storia commovente. Niente eutanasia ma solo amore per lui.

lunedì, gennaio 12th, 2015

Aveva solo 13 anni Bert Schampaert quando entrò in coma in seguito ad un’otite mal curata, che provocò un ascesso. In seguito, operato al cervello, non si risvegliò più dall’anestesia forse per un errore del chirurgo. Coma profondo, fu la diagnosi: irreversibile. Era un bimbo bello, intelligente, dolce, tranquillo.

(altro…)

L’amore di un padrone per il proprio gatto.

sabato, gennaio 18th, 2014

Qualche tempo fa ho trattato il triste argomento dell’eutanasia, cercando di spiegare quanto triste e difficile sia,anche per il veterinario, addormentare un cane che magari ha seguito per buona parte della sua vita e che considera un pò anche suo.

La bellissima gatta di Jerry

(altro…)