Posts Tagged ‘amsterdam’

Olanda. Dal sesso a pagamento per i disabili, rimborsato dalla mutua, all’abolizione della prostituzione, richiesta da due partiti della coalizione di governo, CDA e CU.

sabato, ottobre 17th, 2020

Una volta l’Olanda era il Paese del sesso libero, delle famose vetrine a luci rosse di Amsterdam e non solo. Dei koffieshop, della tolleranza, della libertà di gestire se stesso, nella vita e nella sofferenza, in vista della morte (con l’eutanasia). Ricordo che tanto tempo fa scrissi un articolo su un uomo diversamente abile, sulla sedia a rotelle, il quale chiese che “l’intervento” di una prostituta gli venisse rimborsato dall’associazione sanitaria. Andò persino in tribunale per ottenere quello che considerava un suo diritto, compreso quello della scelta della ragazza. Il quale diritto gli fu riconosciuto con una sentenza che considerava “il sesso come bene primario”; anche nei confronti di chi poteva ottenerlo solo a pagamento.
Ecco il link all’articolo.

Il deputato olandese Anne Kuik, del CDA, partito di colazione al governo che ha presentato la mozione contro la prostituzione.

(altro…)

Coronavirus in Olanda. 8 volte più contagi che in Italia! Si torna ad un mezzo Lockdown, con buoni risultati. Aggiornamenti di mese in mese.

giovedì, ottobre 1st, 2020

Il premier olandese Mark Rutte (nella foto) comincia a preoccuparsi e a rendersi conto che la situazione nel suo Paese, a causa del Covid-19, è molto seria. Magari anche a riflettere sull’errore commesso, per la seconda volta, nel sottovalutarne la portata; non preparandosi adeguatamente ad affrontare una seconda ondata di ripresa del terribile virus.

Il governo poteva farlo durante le vacanze estive, per non essere colto, appunto, impreparato…. Lo dicono tutti, adesso: ma durante le vacanze estive…. il parlamento stesso se ne è andato in vacanza!

Sull’andamento dell’epidemia da Covid-19 nei Paesi Bassi o escono poche notizie, oppure sono inesatte. Forse perchè l’Olanda è un Paese piccolo, nonostante una “grande”economia e multinazionali di rilievo. Eppure ieri, 30 settembre, in questa nazione (dove vivo da più di 38 anni e svolgo la mia professione come giornalista corrispondente), i contagi sono stati 3302: in un giorno. 701 ricoverati in ospedale, 150 nel reparto di terapia intensiva. Le città con maggior numero di contagi sono Amsterdam, Den Haag (l’Aia), Rotterdam;. Al sud Eindhoven. Ma oramai il virus ha ripreso la sua attività in tutte le regioni, espandendosi a macchia d’olio dal nord al sud. Oggi, 4 ottobre siamo arrivati a quasi 4000 in un giorno. I morti sono passati dai 9 del giorno precedente a 21. Oltre tutto queste cifre non sono ancora definitive, come scrive lo stesso Ministero della salute. Nel frattempo ha promesso che dalla metà ottobre finalmente il Paese potrà disporre di più test, che ora scarseggiano; pare che arriveranno da un laboratorio in Germania, con cui hanno firmato un contratto il mese scorso quando iniziavano a non essere più sufficienti.

Tilburg (Olanda) Un assembramento di centinaia di tifosi che la settimana scorsa seguivano una partita di calcio su uno schermo posto nella piazza Willem II. Niente mascherine, nessun distanziamento sociale! La stessa cosa era successa poco tempo fa ad Amsterdam nella piazza Dam per una manifestazione contro il razzismo. Da lunedi è stato proibito il pubblico presente negli stadi.

(altro…)

Olanda. Una testimonianza speciale; finita la seconda guerra mondiale donne e ragazze cucirono delle gonne usando anche la stoffa dei paracaduti, in onore e ricordo della liberazione.

martedì, settembre 1st, 2020

Cari Cofanetti magici,

come sapete abbiamo una rubrica dedicata a chi vuole raccontarci una sua storia personale, curiosa, straordinaria; “raccontami una storia”. Adesso ne è arrivata una di una signora olandese, Bernadette de Vries. Ho tradotto in italiano il testo della sua email, che pubblico volentieri.

Bernadette de Vries, l’autrice della lettera che ci è arrivata.

(altro…)

Olanda; caso scioccante di eutanasia. Una donna affetta da Alzheimer tenuta ferma con la forza per praticarle l’iniezione letale.

lunedì, aprile 3rd, 2017

E’ difficile parlare di eutanasia. Chi è cristiano, cattolico, crede nella sacralità della vita, che ci è stata donata da Dio per un percorso che dobbiamo compiere sino alla fine progettata da lui. Chi non ci crede chiede il diritto di porre lui stesso termine alla sua esistenza, scegliendo liberamente il momento della sua morte.

Nei Paesi Bassi, come sapete e come ho più volte scritto su quotidiani e settimanali nazionali, esiste una legge, datata 1 aprile 2000, approvata nel 2001 e in uso dal 2002 che permette l’eutanasia attiva assistita, a condizione che vengano rispettate alcune norme, molto severe, che tutelino la procedura atta a portare a termine questo atto, secondo regole ben precise ed inviolabili. Fra cui un precedente “testamento biologico”, un formulario sottoscritto quando si è ancora in stato di intendere e volere. Anni fa pubblicai sul quotidiano Il corriere medico e poi per il settimanale OGGI i vari punti della legge, fra i quali l’attestazione che il malato è affetto da una malattia incurabile, allo stadio terminale e da una sofferenza insopportabile.

(altro…)

“Puttana! Appena torni ad Amsterdam ti impiccheremo nel parcheggio dell’aeroporto”.

giovedì, aprile 28th, 2016

La giornalista Ebru Umar, a cui è diretto il terribile messaggio di qui sopra. Foto ANP

Questa assurda vicenda è cominciata quando il consolato turco a Rotterdam ha inviato un’email ai connazionali residenti nei Paesi Bassi con la richiesta di informarli ogni volta che le loro comunità sentono e persino leggono sui social offese, parole d’odio e di derisione contro il presidente Erdogan da parte dei loro compatrioti. In Olanda ci sono 450.000 turchi residenti.

(altro…)

Esclusivo. Omosessualità. Un oggetto erotico inserito dal pittore olandese Vermeer in un suo quadro. Il segreto rivelato dal Rijksmuseum di Amsterdam.

venerdì, settembre 18th, 2015

Johannes Vermeer (1660). La lattaia (het Melkmeisje)

Il mese scorso si è tenuto al Rijksmuseum di Amsterdam in occasione del Gay Pride un suggestivo “tour dell’omosessualità”, alla scoperta dei segreti erotici degli olandesi, attraverso quadri e oggetti del passato. La rivelazione più curiosa riguarda il famoso quadro di Johannes Vermeer, “het Melkmeisje” (“La lattaia”). Se l’osservate bene noterete sul pavimento una piccola, strana scatola. Il suo nome, in olandese, è “lollepot”; nel corso del 17 esimo e 18 esimo secolo fu realizzato in varie forme, misure e materiali, anche con una grata sopra. Dentro si mettevano pezzetti di carbone. Serviva per scaldare i piedi e le gambe delle donne che si riunivano a cucire in stanze dove non c’era il camino.

“ll lollepot”; un oggetto che, inserito sotto alle gonne, serviva a scaldare i piedi e le gambe delle donne olandesi del 17 esimo secolo: ma non solo….

(altro…)

Amsterdam. Attenzione! Turisti morti per droga a causa di eroina bianca venduta come cocaina. Trovata eroina anche nelle uova di Pasqua.

giovedì, aprile 2nd, 2015

Amsterdam, sabato 29 marzo 2015. Foto- copyright di Maria Cristina Giongo

Sabato scorso Amsterdam era assediata. Polizia ovunque. Niente di speciale. Si teneva la partita della squadra nazionale contro la Turchia.
I tifosi olandesi, tutti in arancione, erano stati “assiepati” in due, tre bar del centro; tutti nella stessa strada e nello stesso lato della strada. Davanti a loro uno schieramento di polizia.

Amsterdam. Foto di Maria Cristina Giongo

(altro…)

Operazione salvataggio di Salvatore Giannella. Un libro bellissimo.

lunedì, novembre 24th, 2014

E’ da tempo che non mi capita di pensare: finalmente sto leggendo un bel libro! Questo sì, che è un bel libro! A me piace molto leggere. Per tanti motivi, fra cui il desiderio di conoscere, di imparare, quello di entrare in contatto con un altro pensiero uguale o diverso dal mio; per la voglia di una storia corposa, avvincente, ricca di originalità, a volta intrigante, a tratti coinvolgente. Un racconto che susciti in me emozioni e sensazioni impercettibili, oppure intense; e poi ricordi, profumi del passato che tornano a galla e nuotano insieme a te nel mare infinito dell’esistere.

(altro…)

Aereo turistico abbattuto in Ucraina. Assassini! La stampa italiana considera l’Olanda un paese di serie B? La verita’ sulla foto della scimmia di peluche.

lunedì, luglio 21st, 2014

Una parola sola: moordenaars. In italiano significa assassini. Questo il titolo di prima pagina del quotidiano
De Telegraaf.
Parole terribili, angoscianti; ma come si possono altrimenti definire coloro che bersagliano un aereo da turismo distruggendo la vita di trecento persone?

(altro…)

Carla Regina, mezzosoprano. Canto anche con il corpo. Ho portato la mia bimba in tournee, nel mio ventre.

mercoledì, ottobre 3rd, 2012

Carla Regina

Carla Regina (Foto di Luc Ten Klooster)

Carla Regina è nata a Bari 43 anni fa. Ha iniziato giovanissima lo studio della musica, diplomandosi in pianoforte nel 1992 presso il Conservatorio “Piccinni” di Bari e successivamente in Musica da Camera Vocale (1996) e Canto Lirico (1999) presso il prestigioso Conservatorio “Verdi” di Milano.
Poi ha perfezionato i suoi studi all’estero, in Austria e Germania. Il suo primo debutto come mezzosoprano è avvenuto in Francia, nel 1998 e da allora è stato un percorso in salita, ricco di successi e premi. Molto apprezzata all’estero, nel 2003 ha debuttato nei Paesi Bassi come protagonista nella Carmen di Georges Bizet.

Inoltre ha collaborato anche con la televisione olandese (da quando ha stabilito la sua residenza ad Amsterdam), danese e latino americana (Teleglobo). L’abbiamo intervistata per il Cofanetto Magico.

(altro…)