Archive for the ‘Categorie’ Category

La prosa poetica di maggio: “Gioielli di oggi”

mercoledì, maggio 27th, 2020

modern-man-1893221_640

 

La genesi della prosa poetica che leggerete fra poco è presto spiegata: i valori saldi d’una volta stanno scomparendo progressivamente, a favore di modelli (com’è noto televisivi) completamente sbagliati (o ridicoli se non assurdi, bene che vada). Nel vedermeli propinati, questi ultimi, ad ogni ora del giorno, o quasi, io vengo assalito dallo sconforto (tanto che in certi casi, cari amici del «Cofanetto Magico», mi prende una voglia di piangere pressoché incontrollabile).

(altro…)

Olanda e coronavirus. La vita acquista il suo vero valore dimenticato. Sospesi eutanasia e suicidio assistito

mercoledì, maggio 13th, 2020

E nel silenzio più totale una voce disse; forza, vai avanti. Devi vivere. Apri gli occhi e guardati attorno, ascolta il tuo cuore e guarda la bellezza della natura che si sta risvegliando. Era la voce di Dio?

Il covid-19 è esploso come una bomba, lasciando dietro di sè morti e feriti. In tutto il mondo. Di questo terribile virus, terribile come ogni virus che colpisce a tradimento, di colpo, mutante nella sua rapida, aggressiva trasmissione dall’animale all’uomo, ho già scritto il mese scorso nel quotidiano Avvenire. Ne ho parlato anche in un’intervista a Telepace; oltre che nel Cofanetto magico (con statistiche su dati inerenti i Paesi Bassi, che aggiorno frequentemente).

(altro…)

Andrà tutto bene!

venerdì, maggio 8th, 2020

Una frase che mi è sempre ritornata in testa in questi giorni di isolamento a causa del Covid-19 è “Non siete bloccati a casa, siete al sicuro in casa”. Sembrerà assurdo, ma era quel che mi bastava per affrontare la quarantena con un sorriso. A volte, guardar davanti con una prospettiva diversa aiuta a convivere con una situazione negativa più grande di noi. Il coronavirus che ha mietuto già tante vittime non ha ancora arrestato la sua corsa e a noi era ed è stato solamente assegnato il compito di restare a casa per il nostro bene, anche se molti non lo hanno mai compreso.

(altro…)

Intervista con il direttore d’orchestra Alvise Casellati.

venerdì, maggio 1st, 2020

Il Maestro Casellati mi riceve dissipando subito il mio leggero imbarazzo con garbata e sollecita cortesia. Risponde con pacatezza alle domande senza nascondersi e senza esaltarsi,
ripercorrendo la sua storia con un tratto sincero ed incisivo, a volte stemperato in una sorta di soffuso pudore. Ma qualche improvviso lampo, ora divertito, ora intenso, che a tratti attraversa lo sguardo, la dice lunga sul fuoco interiore che cova sotto la calma apparente e fa sospettare un temperamento parallelo che si rivela in tutta la sua pienezza sul podio, mentre dirige,trasformato anche nei tratti del volto.
Passione, estro, innovazione, arte di alto livello incorniciata nella competenza e nel perfezionismo: ed è proprio lui a rivelarne il perchè.

(altro…)

La prosa poetica di aprile: “Mont Saint Michel”

lunedì, aprile 27th, 2020

20200223_121305

L’abbazia di Mont Saint Michel in Normandia

 

Tengo a precisare una cosa: la prosa poetica, che state per leggere, l’ho scritta ben prima che scoppiasse l’emergenza Coronavirus.

 

MONT SAINT MICHEL

I

Nel mio delirio che è tic della mente e stagione di veglia; nella mia insonnia; nel mio corpo borderline, che è confine fra me e tutta la morte; nel pulviscolo acqueo dei tanti minuti («Inutili!», credevo; «Minutili!», scherzavo), ch’evapòra dal tempo con le sue cateratte, so che anch’io fra non molto seguirò il cammino delle stelle, schegge di fuoco che l’Arcangelo staccò dalla spada fiammeggiante, per spargerle di cuore, e come briciole di sole, lungo il cielo intero, per mostrare agli spiriti dei morti la via che conduce in Paradiso.

(altro…)

La posta del cuore dei nostri amici animali di Imma Paone. Regole per il Coronavirus. Niente candeggina! BUONA PASQUA DI RESURREZIONE.

domenica, aprile 12th, 2020

Cara dottoressa, in questi drammatici tempi di Coronavirus avrei alcune domande da porle:
1) posso portare il mio cane fuori a fare la pipì, come al solito 4 volte al giorno? Ha 4 anni ed abito in un posto non molto affollato.
2) Posso lasciarlo correre nel parco o devo tenerlo al guinzaglio? E’un cane di piccola taglia. Oppure mi devo limitare a meno passeggiate e farlo uscire di meno?
3) Una volta rientrato a casa devo pulire le zampine con del sapone diluito, alcool, oppure basta un pò d’acqua e poi asciugarle? Pensi che un veterinario ha detto durante un programma televisivo che si possono pulire con un pò di candeggina… ma non è pericoloso?
Grazie di cuore per le sue risposte e per la sua rubrica che seguo sempre.

Mariagiovanna da Treviso.

……..

(altro…)

Coronavirus: segnali dall’alto. Buona Pasqua di rinascita!

mercoledì, aprile 8th, 2020

Illustrazione realizzata da Milo Manara

E’ ormai diventata un’attesa spasmodica quella del bollettino che il responsabile della protezione civile sciorina ogni giorno alle 18.00 sull’andamento del Covid-19: numero dei morti, dei nuovi infetti, e dulcis in fundo, del numero dei guariti.

Si poteva evitare questo stato di cose? Le limitazioni della libertà personale, imposte col susseguirsi di decreti contenenti regole apparentemente assurde, ma necessarie? Si poteva evitare il black out di tutte, o quasi, le attività produttive, commerciali, culturali, sociali, sportive, che sono la linfa della stabilità di un paese? Si poteva scongiurare questa pandemia che alimenta giorno dopo giorno i nostri timori di non poterne uscire indenni? Non so dirlo, ma sicuramente qualche precauzione poteva essere presa in tempo da governanti, autorità scientifiche e sanitarie che reggono le sorti del mondo, per scongiurare questa sciagura che stiamo vivendo sulla nostra pelle.

(altro…)

Attraversare il dolore. Prepararsi alla rinascita. Mamma voglio morire, nonostante il titolo triste, alla fine diventa un inno di speranza, anche in questi drammatici momenti di grande, devastante sofferenza a causa del coronavirus.

giovedì, aprile 2nd, 2020

Scrivere un libro non è facile. Costa tanta fatica: sia fisica che psichica. A volte comporta anni di lavoro. Una volta uscito, è quasi come se si fosse dato alla luce un figlio, una propria creatura. Questa è stata la mia esperienza anche quando è stato pubblicato il mio nuovo romanzo,
“Mamma voglio morire”, Bertoni editore. Vi chiederete perchè in questi mesi di dolore, di emergenza a causa della pandemia dovuta al diffondersi del coronavirus in tutto il mondo, io vi parli di un libro dal titolo tanto triste. Prima di tutto l’ho scritto anni fa ed è uscito pochi giorni prima dell’arrivo del virus killer covid-19. In secondo luogo per chi deve stare a casa, leggere è una delle “azioni” più salutari per la propria mente; e per passare il tempo! Inoltre comprare libri adesso aiuterebbe a salvare le librerie che purtroppo stanno chiudendo ed i giovani editori come il mio, Bertoni editore, che ha creduto subito nella mia opera, ci ha investito (e solo lui) denaro. Meriterebbe di essere sostenuto in questo pesante periodo, a rischio di fallimento anche per le case editrici. Oltre tutto pubblica sempre bei libri, anche nel settore per i bambini, della narrativa, cultura, libri gialli.

Febbraio 2020. Il settimanale OGGI (Rizzoli Rcs) è stato il primo a dare la notizia dell’uscita del mio romanzo,inserendolo in un’interessante articolo sul suicidio della giornalista Fiamma Tinelli.

Mariagiovanna Elmi è stata la prima a pubblicare una fotografia (anzi, più fotografie) mentre lo stava leggendo, con commenti bellissimi! Tarvisio, febbraio 2020

(altro…)

Riflessioni di marzo: Leopardi, Whitman e le aquile

venerdì, marzo 27th, 2020

20200321_210207

 

Vi è un altro spettacolo, e il più sublime. Talvolta nel più aspro infuriare di una tempesta di vento, pioggia, grandine o neve, apparirà sul fiume una grande aquila che si innalzerà ora con volo fermo ora con gran colpi d’ala, ma sempre affrontando la burrasca […]
È come leggere qualche sublime tragedia o epopea naturale, come ascoltare la squilla di trombe marziali. Lo splendido uccello gode del tumulto degli elementi –è in armonia con esso, da pari a pari […]

Walt Whitman

(altro…)