Posts Tagged ‘marica caramia’

Dall’Abruzzo con i “Caucinit”

sabato, dicembre 8th, 2018

Per questo mese mettiamo a riposo le vecchie storie e quelle in itinere per dare spazio ad una ricetta di uno dei dolci più apprezzati e onnipresenti sulle tavole abruzzesi durante le feste natalizie. Si tratta dei “Caucinit“, al singolare “Caucinet”. Il nome dovrebbe derivare da “gabbia”, quindi “gabbiette”. Di fatto sono dei ravioli, a mezzaluna o quadrati, ripieni di ogni ben di Dio: marmellata tassativamente d’uva, pasta di ceci, castagne, cioccolato, crema e via dicendo. La ricetta che segue ci è stata gentilmente fornita da una signora abruzzese trapiantata a Roma, Delia di Iulio, il cui cuor batte, notte e giorno, per il suo Brittoli, un ameno paesello abbarbicato sul cucuzzolo d’uno sperone roccioso, alle pendici orientali del Gran Sasso.

Buone feste da Marica e Valentino!

(altro…)

Rampina, una favola dei nostri giorni (8° episodio)

giovedì, novembre 8th, 2018

Immagine realizzata da Marica Caramia, ispirata dalla
favola di Rampina di Valentino Di Persio

La favola di Rampina è iniziata quasi per caso, si è scritta da sola, senza essere stata cogitata preventivamente. Rampina nacque in una notte tempestosa di maggio di due anni fa, alle falde del Gran Sasso. Una coltre di grandine le impedisce di raggiungere il seno materno. Quando al levar del sole riesce finalmente a trovare la forza di alzarsi, mamma cavalla non c’era più, l’aveva abbandonata nel prato in balia dei lupi. Ma il destino le aveva riservato qualcosa di diverso. Sfugge alla morte per amore della vita, della quale ha imparato a coglierne gli aspetti migliori, grazie ad una serie di esperienze maturate a contatto con l’uomo, dal quale riesce a staccarsi solo grazie al sublime sentimento, detto amore. Buona lettura!

Clicca qui per l’episodio precedente.

(altro…)

Rampina, una favola dei nostri giorni (7° episodio)

lunedì, ottobre 8th, 2018

Immagine realizzata da Marica Caramia, ispirata dalla
favola di Rampina di Valentino Di Persio

In questo capitolo, la nostra Rampina non si lascia sfuggire l’occasione per compiere un atto eroico che salverà il suo benefattore da una situazione di pericolo. L’episodio è propedeutico a quello finale nel quale la nostra eroina dovrà fare una scelta obbligata per il suo futuro.
Buona lettura!

Clicca qui per l’episodio precedente.

(altro…)

Rampina, una favola dei nostri giorni (6° episodio)

sabato, settembre 8th, 2018

Immagine realizzata da Marica Caramia, ispirata dalla
favola di Rampina di Valentino Di Persio

…e la favola continua! Così torna lei, Rampina, un po’ cresciuta, un po’ lazzarona e malandrina, ad allietare le tiepide serate di questo scampolo d’estate. Buona lettura e… attenti al lupo!

Clicca qui per l’episodio precedente.

(altro…)

Rampina, una favola dei nostri giorni (5° episodio)

martedì, maggio 8th, 2018

Immagine realizzata da Marica Caramia, ispirata dalla
favola di Rampina di Valentino Di Persio

In questo episodio, nel narratore, riemergono sbiaditi ricordi della sua fanciullezza. Sono squarci di vita vissuta o, forse, solo un confuso residuo di sogni e realtà. Buona lettura!

Clicca qui per l’episodio precedente.

(altro…)

Rampina, una favola dei nostri giorni (4° episodio)

domenica, aprile 8th, 2018

Immagine realizzata da Marica Caramia, ispirata dalla
favola di Rampina di Valentino Di Persio

Presentimenti e presagi, sono fenomeni cui la scienza non è ancora riuscita a dare una spiegazione. Eppure talvolta l’istinto può salvarci la vita. C’è chi attribuisce uno scampato pericolo ad un semplice colpo di fortuna, alla stessa stregua di un terno secco all’otto. No, non è così. Il presentimento ti dà la percezione che qualcosa stia per accadere. Quello che viene narrato in questo episodio non è attribuibile alla fortuna, ma ad una percezione extrasensoriale o, forse, ad una trasmissione del pensiero tra due soggetti empatici. Io e Rampina. Buona lettura.
Valentino

Clicca qui per l’episodio precedente.

(altro…)

Rampina, una favola dei nostri giorni (3° episodio)

giovedì, marzo 8th, 2018

Immagine realizzata da Marica Caramia, ispirata dalla
favola di Rampina di Valentino Di Persio

L’uscita del terzo episodio di Rampina coincide con la Giornata Internazionale della Donna, meglio conosciuta come “Festa della Donna“. In realtà quella di oggi non è una festa per gioire. Si tratta piuttosto di una protesta contro ogni forma di violenza sulle donne e contro ogni forma di disuguaglianza nei loro confronti. Oggi è anche l’occasione per ricordare e ribadire i diritti acquisiti, con forza e con coraggio, dalle donne dagli inizi del secolo scorso. Rampina, da femminista convinta qual è, sin dalla nascita, si unisce al coro di auguri di tutta la redazione, direttrice in testa, de “Il Cofanetto Magico“. Buona lettura!
Valentino

Clicca qui per l’episodio precedente.

(altro…)

Rampina, una favola dei nostri giorni (2° episodio)

giovedì, febbraio 8th, 2018

Immagine realizzata da Marica Caramia, ispirata dalla
favola di Rampina di Valentino Di Persio

E’ talvolta tedioso e triste constatare la progressiva decadenza dei valori sociali di questi tempi, del venir meno dei principi morali: onestà, rispetto, altruismo, solidarietà, giustizia, eccetera, eccetera, in favore d’un materialismo sfrenato, dell’arrivismo, dell’egoismo, della prevaricazione. Tutti fattori che incidono, paradossalmente, anche sul ruolo educativo della famiglia verso i figli, spesso abbandonati in ambito virtuale che, di fatto, cancella le relazioni con il mondo reale, agevolando gli incontri sui social globalizzati. Rispetto al passato, i giovani godono di eccessiva libertà da parte dei genitori, i quali, non curanti dei pericoli a cui i propri figli vanno incontro, rischiano di ritrovarsi impelagati in vere e proprie tragedie, come l’abuso di alcool, di droghe, di incontri e frequentazioni indesiderati. E’ giunto il momento di richiamare i nostri figli alle regole di convivenza familiare: gerarchia filiale, limiti, ruoli chiari e definiti, comunicazione, affettività e rispetto dello spazio e dell’individualità di ciascuno, fornendo così un giusto equilibrio tra sentimento d’appartenenza e autonomia. Riscoprire il dialogo, la favola, la poesia. Rampina, seppur apparentemente anacronistica in questa epoca plagiata da sofisticati aggeggi elettronici, rappresenta un esempio di ritrovata modernità, un’eroina dei nostri giorni, un esempio di tenacia, di coraggio e di attaccamento alla vita. Rampina è una favola iniziata già nel ventre materno e tale vuol rimanere per trasmetterci la sua morale pregna di altruismo e di coraggio, indispensabili per affrontare le avversità della vita. Rampina è una cavallina che fa della sua esistenza un esempio di amore.
Buona lettura
Valentino

Clicca qui per l’episodio precedente.

(altro…)

Tumore: essere forte è l’unica scelta che hai.

domenica, ottobre 8th, 2017

“Non sai mai quanto sei forte fino a quando,
essere forte, è la sola scelta che hai.” (Cayla Mills)

Chi sono io? Una ragazza, una come tante che insegue i suoi sogni, sogni che si porta dietro ormai da un po’ e che, proprio quando stava per acchiapparli una folata di vento li ha allontanati.
Oggi, avevo voglia di raccontarvi una storia allegra e appassionata seguita da un grande lieto fine, e quale tema più avvincente di quello della lotta che ogni giorno uomini e donne intraprendono dentro e fuori di se? Ecco, mi sento egoista a pensare alla laurea proprio ora e mi sento stupida a pensare alle tante pagine di cui mi sono e continuo a lamentarmi… ma soprattutto a quanto futili possano essere alcuni pensieri nel momento in cui si ha qualcuno di importante accanto che non sta bene, come la mamma.

(altro…)

Brittoli: Premio di Poesia “Lea e Franco Silvestri”. Rendiconto.

giovedì, agosto 24th, 2017

Siamo orgogliosi di informarvi che anche la seconda edizione del Premio di Poesia “Lea & Franco Silvestri”, organizzato da Grafemi dal Cuore, avvenuto a Brittoli (PE), col patrocinio del Comune, questo 14 Agosto 2017, è stata un successo.
Una seconda edizione è sempre più impegnativa rispetto alla prima, in quanto la gente si aspetta di più e tu sei preso dal terrore di non riuscire. Ed è così che la notte invece di dormire, ti arrovigli il cervello per escogitare qualcosa di diverso, qualcosa che non sia il copione dell’anno precedente.
Hai voglia di stupire, di rendere memorabile quell’evento. Hai voglia di esplorare nuovi sentieri, col rischio di non essere apprezzato ma con la consapevolezza che il cambiamento, l’apertura a nuovi orizzonti siano talvolta necessari, anche nelle radicate tradizioni. Quando ti credevi ormai sconfitto ed a corto di idee, rimani abbagliato da un flash risolutivo, il deu ex machina che soddisfa le tue aspettative: perché non impreziosire il Premio di Poesia facendolo precedere e seguire da iniziative di tipo letterario e di fantasia compatibili, quali cultura e magia? Come non averci pensato prima!

(altro…)