Intervista a me stesso. “L’ultimo pescatore” di Luciano De Giorgio

febbraio 1st, 2020

Luciano De Giorgio presenta il suo recente libro, edito da Albatros.

Ebbene sì, ho chiesto all’autore del libro “L’ultimo pescatore”, Luciano De Giorgio, di intervistare se stesso. Infatti chi meglio dello stesso scrittore può parlarci della sua opera? Uscire da se stessi per vedersi da un altro punto di vista, con le proprie paure, esperienze di vita e speranze. Io ho appena terminato di leggerlo e mi è piaciuto. Originale (soprattutto per la fine!), coinvolgente, ricco di citazioni e pensieri che invitano ad una riflessione profonda. Su un tema che tocca tutti: quello della malattia e della morte.

Come quando si è nella stanza di un parente caro tutti intorno ad un letto consapevoli di non poter far nulla, di non riuscire a dir nulla… neanche gridare la rabbia per un destino crudele, dovuto ad “una malattia feroce” (come la definisce De Giorgio) Ma niente finisce, quando il corpo perisce.

Rimangono quei 21 grammi di anima…De Giorgio scrive: “Questo il peso dell’anima. Non si sa perchè, non si sa come, ma appena il cuore compie il suo ultimo battito pare che il nostro corpo perda 21 grammi esatti.” E, poi, ancora: “nella numerologia il numero 21 rappresenta la fortuna in tutto il suo insieme.” Il che implica quindi il concetto del…: “lieto fine.” Se vogliamo vedere in tutto ciò un segno di speranza. La speranza che la nostra vita su questa terra non sia stata soltanto un caso.

Vi lascio a questa speciale intervista dell’autore a se stesso e…
buon mese di febbraio a tutti!

Maria Cristina Giongo
CHI SONO

Complimenti signor De Giorgio, la vita da pensionato l’ha visto rinascere. Oggi siamo al suo quarto libro. Di cosa parla “L’ultimo pescatore”?
A differenza dei miei precedenti libri che avevano un sapore “dolce” (Pinocchio, Sagre e Fiere, Leonardo Da Vinci) questa volta il sapore é “amaro” trattando una malattia ancor oggi incurabile: il cancro.

Quindi, per la prima volta si cimenta su un tema drammatico. Che cosa lo ha portato ad un argomento così difficile e doloroso?
É la somma di varie esperienze vissute negli ultimi anni con persone afflitte da varie malattie che purtroppo portano alla morte. Nonostante questo, il mio racconto vuole essere un messaggio di speranza perché la speranza non deve morire mai.

Un disegno di Loredana Lancisi, realizzato appositamente per il capitolo che da il titolo all’opera.

Leggi il resto »

Poesia di gennaio: “Clarisse e Eraserhead”

gennaio 27th, 2020

20191231_153311

 

Cari amici de «Il Cofanetto Magico»,
la poesia che vi propongo stavolta è della scrittrice Annelisa Addolorato e prende le mosse da una tenera o meglio sognante rassegnazione che, pur attraversata sempre da una favilla di speranza (pronta ad esplodere in qualunque momento), piega spesso il ginocchio dinanzi alle (s)torture dell’esistenza; ma quella in oggetto è anche una lirica che –con movenze musicali, orchestrate a meraviglia da un intenso afflato filosofico– nasce di soprassalto, come un bimbo in punto di vita, dalla repentina brevità di un’intuizione sia cinematografica che letteraria, per poi avventurarsi fra locuzioni e frasi che –baroccamente “intarsiate”, talora, d’incisi intricati e convulsi– sembrano voler alludere agli inestricabili, caotici garbugli dell’inconscio umano.

Pietro Pancamo
CHI SONO

Leggi il resto »

La Petizione Imperiale

gennaio 18th, 2020

Il Mondo è un posto pieno zeppo di storie. Un tempo non era facile scoprirle. Si tramandavano a voce, e, in qualche caso si potevano leggere sui giornali o trovare nei libri. Ma poi al massimo si poteva raccontarle agli amici. Rischiando anche, a volte, di passare per fanfaroni.
Poi è arrivato il web. Che ci permette di raccontare le storie senza neppure il fastidio di uscire di casa, magari subito dopo averle trovate senza neppure la fatica di sfogliare un giornale o leggere un libro.
Nel web c’è un gran bel pezzo di Mondo; per cui possiamo dire che se il Mondo è pieno di storie e nel Web c’è un grosso pezzo di Mondo, il web è pieno di storie.
Insomma nel web c’è un gran bel pezzo di Mondo e spessissimo è lì anche già bello e raccontato.

Grazie ai potentissimi “motori di ricerca” se uno, appunto, cerca qualcosa, finisce di sicuro per trovarlo. Ma se ci si limitasse alle ricerche mirate si finirebbe soprattutto per dare risposta ai molteplici quiz di fronte ai quali ci pone la vita quotidiana, ma non ci sarebbe di certo spazio per la sorpresa, per l’inatteso, per l’inciampo…

E invece chi, come spesso faccio io, sul web “perde tempo” (anche troppo) inseguendo il filo dei link, a volte scopre cose veramente curiose, e a quel punto, se, sempre come me, è stato contagiato da tempo dalla “malattia del divulgatore” non vede l’ora di raccontarle a chicchessia.

Per fortuna io posso addirittura anche contare sulla platea dei lettori de “Il Cofanetto Magico” e dunque quando mi imbatto in qualcosa di veramente speciale, lo classifico subito “da Cofanetto” e metto il link tra gli appunti…

Leggi il resto »

La posta del cuore dei nostri amici animali di Imma Paone. Il freddo ed i nostri animali

gennaio 12th, 2020

Cara Dottoressa,
sempre ringraziandola per i suoi preziosi consigli, che leggo ogni mese, vorrei farle io qualche domanda questa volta: nei mesi invernali è bene coprire i cagnolini di piccola taglia con dei maglioncini contro il freddo?
I peli possono essere tagliati lo stesso se diventano troppo lunghi o è meglio farlo in estate?
Infine, quali sono le malattie da raffreddamento più comuni e più pericolose, soprattutto per i cani di piccola taglia?
grazie ed auguri di un felice Anno Nuovo.
Maria Concetta da Bari.

....

Leggi il resto »

A piedi nudi sulla neve…

gennaio 8th, 2020

Qui, alle pendici del Gran Sasso, nell’ultimo e più antico avamposto del mio paesello, Brittoli, l’inverno si fa sentire presto. La sera, dopo il suggestivo tramontare del sole dietro a “Cannatina“, il freddo diventa sempre più pungente. Il caminetto, come d’incanto, si ridesta dal letargo. Le fiamme, rosse e giallastre, iniziano ad inerpicarsi verso l’alto con guizzi improvvisi, come a voler spiccare il volo dell’Araba Fenice. Non resisto alla tentazione di sedermici accanto, e così, mi sdraio sulla poltroncina al suo lato, con i piedi allungati sul divano.
Amo il fuoco perché è vivo, perché mi dà calore, perché mi dà energia e mi fa compagnia. La mente, sopraffatta dal torpore, si rilassa e le palpebre calano lentamente a sipario sui miei occhi stanchi. Accenno a un sorriso e, beato, mi abbandono alla nostalgia. I ricordi prendono il sopravvento, ne vengo sommerso.

Leggi il resto »

Un fiore per te, Serena Jansen, usignolo della canzone….italo olandese. Ho perso una gamba a causa del cancro, imparando a vivere meglio la vita che stavo per perdere e che mi sono ripresa con gioia.

gennaio 1st, 2020

Alessandra Serena Jansen in una bellissima fotografia di Loes Schleedoorn.

Il primo fiore virtuale di quest’anno lo vogliamo donare ad una fantastica donna, cantante lirica, la cui voce angelica ti fa volare in alto, sperare, sognare: Alessandra Serena Jansen, di madre italiana e padre olandese. Quest’anno vorrei quindi sostituire il mio editoriale, tanto per cambiare un po’… con delle belle storie, delle storie importanti ma anche delle storie semplici di vita vissuta, vita ripresa. Della vita nell’universo, che respira in ogni fiore, albero, animale, in ogni essere umano, che si merita da parte nostra, appunto, un fiore virtuale!

Quindi non potevo trovare storia più bella per iniziare questo nuovo percorso insieme di quella che vi racconto oggi: con tanti, tanti auguri di un sereno anno nuovo.

Il senso delle tre parole con cui ho iniziato, volare, sperare, sognare, lo capirete leggendo l’intervista. Ho conosciuto Serena ad una serata muscale all’Aia, indetta dall’Ambasciatore italiano nei Paesi Bassi, Andrea Perugini, al Paleiskerk, in occasione dei 160 anni di relazioni bilaterali tra l’Italia e l’Olanda, in cui si sono esibiti due cori: uno di italiani, vestiti con i colori della nostra bandiera ed uno di olandesi. Il nome della manifestazione…molto significativo: “Cantano i tulipan”. Il Palaiskerk è una chiesa riformista in stile neoromanico costruita nel 1886 e restaurata nel 2002.

Anche questa significativa fotografia è opera di Loes Schleedoorn; ed è stata scattata al museo “Museum Beelden aan Zee” a Scheveningen.
La statua si chiama Dafne e la scultrice si chiama Iris Le Rütte.

Leggi il resto »

Poesia di dicembre: “La Notte Santa”

dicembre 27th, 2019

christmas-3887090_640

 

Quest’oggi vi propongo una famosa e celebrata poesia del mio conterraneo Guido Gozzano; l’incantata bellezza e la fiabesca ironia che la soffondono tutta mi spingono ad augurarvi buone Feste di vero cuore, cari amici del «Cofanetto Magico», nonché a sperare, per voi e coloro che abitano il nostro vasto mondo, in un sereno se non felicissimo 2020, pieno in abbondanza delle soddisfazioni più gradite.

Pietro Pancamo
CHI SONO

Leggi il resto »

Si è accesa una luce questa notte! Buon Natale a tutti!

dicembre 24th, 2019

Cari amici, Cofanetti magici, lettori,

felice Natale a tutti! Vi auguro di passare ore liete con le vostre famiglie, i vostri cari, gli amici, chi ha bisogno di voi.
Vi auguro inoltre che la luce che si è accesa e che continua ad accendersi dal momento della Sua nascita rimanga tutto l’anno. Una nascita è sempre una scintilla di vita. Quella di nostro Signore Gesù, quella da cui è iniziato l’universo; ed ogni piccola creatura umana. Per questo considero il Natale la festa più bella; la festa della luce, la festa delle luci.

Leggi il resto »

Turismo responsabile: seconda parte

dicembre 20th, 2019

giovane esemplare di Kudu

Una mattina, di fronte agli uffici della Cooperazione Italiana in Swaziland, vidi due bambinetti che sembravano attendere, dai passanti, un po’ di elemosina. Chiesi al nostro autista di domandar loro se avrebbero gradito qualcosa da mangiare e da bere. Lo mandai a comperare del pane in cassetta e due succhi di frutta. La bambina più grandicella diede una fetta di pan carré al fratellino e se ne prese mezza per lei. In due bevvero un solo succo e se ne andarono.
Perché decisi di dar loro il pane? Perché sicuramente a casa avevano una famiglia o, forse erano orfani accuditi da famigliari poveri. Il pane era l’alimento che sarebbe stato gradito anche a casa.
Vennero ancora ogni due o tre giorni per un po’ di tempo ed ogni tanto associai al pane anche un pacchetto di farina di mais per il “Mielie Meal” (o Pap), elemento principe dell’alimentazione locale simile alla nostra polenta. E sempre i due bimbi mangiavano una fetta di pane a testa e se ne andavano non prima che la bimba accennasse ad una flessione delle ginocchia in segno di ringraziamento e, dopo qualche tempo, anche ad un sorriso.

Leggi il resto »

La leggenda del Cofanetto di Natale

dicembre 18th, 2019

Il 18 dicembre 2017 iniziava la mia avventura qui, su “Il Cofanetto Magico”.
Questo è dunque il terzo Natale che trascorriamo insieme e mentre mi accingo a scrivere queste mie note, sento di trovarmi come ad un bivio.
Da una parte infatti la cosa più ovvia sarebbe continuare a dedicare questo prezioso spazio a “cose natalizie”, ma mi sembra di avere già parecchio approfondito il tema negli scorsi anni, e mi sento fortemente a “rischio ripetizione”, visto che un argomento come il Natale ha proprio nell’aspetto della conservazione della tradizione, il suo elemento fondante.
D’altra parte è vero che la voglia di “nuovo” mi porterebbe a cambiare direzione andando alla ricerca di chissà quale intrigante argomento anche se “fuori tema”, ma poi mi sentirei come di avere sprecato una occasione: quella di rispettare non solo la Tradizione con la T maiuscola, ma anche questa mia piccola ma consolidata consuetudine natalizia.

Insomma, che fare?

Leggi il resto »