Posts Tagged ‘papa bergoglio’

San Valentino. La bottega dell’orefice, il poema scritto da Papa Wojtyla:

sabato, febbraio 14th, 2015

Vi proponiamo in questo giorno dedicato a tutte le coppie, San Valentino, un articolo di Elisa Prato, che i nostri lettori già conoscono. E’ dedicato alla bellissima e non conosciutissima piéce scritta dal futuro Papa Giovanni Paolo II sul matrimonio cristiano.
Come mi ha spiegato la dottoressa Prato, proponendomelo per il Cofanetto magico, questo poema è sempre “attuale per l’umanità e la quotidianità che ne traspaiono; un’opera destinata a toccare le corde più intime anche di chi non si sente vincolato ad un credo religioso ma vive il proprio rapporto con la responsabilità legata alla legge della coscienza.
Io che l’ho letto, rivisto, ridotto, recitato due volte
”, ha detto Elisa, “non posso fare a meno di respingere qualche lacrima tutte le volte che lo rileggo per qualche motivo…. E tutte le volte trovo qualcosa di nuovo”.

Un grande Papa. E una grande opera la sua, proprio perchè ci conduce per mano alla scoperta dell’essenza dell’amore. Come molti sanno, io l’ho conosciuto personalmente, quando era cardinale: abbiamo parlato a lungo, da soli, seduti uno accanto all’altro. Alla fine di questo articolo troverete il link pubblicato da Avvenire sul nostro incontro (preso dal Corriere della Sera).
Non lo dimenticherò mai per la forza e la passione con cui mi parlava di libertà. Un tema presente anche nella “Bottega dell’orefice”, per cui ringrazio Elisa di avercelo fatto conoscere in sintesi ma profondamente.
Karol Wojtyla era un uomo tutto d’un pezzo, e…”un pezzo di Chiesa”, tenace e riservato. Papa Bergoglio è più aperto, semplice e diretto: anche quando si lascia andare a “battute”. O a pensieri come quello che sicuramente avrà fatto fare un salto sui loro scanni a preti, vescovi, cardinali e a tutto l’insieme della curia sulla paternità responsabile: “Alcuni credono che per essere buoni cattolici dobbiamo essere come i conigli. Invece la paternità è responsabile, questo è il punto. Un cristiano non deve fare figli in serie“.
E ancora: “Io ho rimproverato alcuni mesi fa in una parrocchia una donna perché era incinta dell’ottavo, e sette cesarei. Ma lei ne vuole lasciare orfani sette?”.
Adesso lascio la parola ad Elisa Prato. Buona lettura!

Maria Cristina Giongo
CHI SONO

(altro…)