Editoriale giugno

Cari lettori online,

Il 5 maggio ho compiuto 60 anni…ahimè! Grazie a tutti per gli auguri, fiori, cartoline, regalini, regaloni…Vi dedico quindi questa foto piena di fiori in ricordo di un giorno molto felice.

 photo CristinaaDelft_zps420b369b.jpg

Una foto scattata a Delft, in Olanda, lo scorso maggio, in una giornata quasi estiva.

Questo mese inizieremo, il 3 giugno, con una vicenda molto speciale di cui è stato protagonista il famoso violinista statunitense Joshua Bell. Non è nuova ma è di quel genere di racconti dimenticati che ogni tanto andrebbero tirati fuori dagli archivi per invitarci a riflettere.

Viviamo in un mondo difficile, caotico, sempre di corsa, affannati, tanto che spesso ci sfugge persino il senso della bellezza. Non la sappiamo più riconoscere, ci passiamo accanto indifferenti, indottrinati da falsi idoli e personaggi che ci vengono imposti dalla televisione e dai media. La storia di Joshua, bello e bravo, si basa su una domanda: riconosciamo un talento in un contesto inaspettato? Oppure apprezziamo una persona soltanto quando è già conosciuta?

In poche parole…non è che spesso ci perdiamo qualcuno di veramente virtuoso perchè troppo distratti da immagini di seni finti, panoramiche di sederi palestrati, labbra pompate, cantanti e presentatrici spompate? E, poi, magari…dietro l’angolo di casa nostra un giovane sta suonando una splendida, meravigliosa melodia di cui non riusciamo nemmeno a percepire la struggente bellezza e unicità? Senza nemmeno renderci conto che quelle note incredibili escono da un vero Stradivari? Allora, leggete l’esperienza di Joshua Bell e capirete che cosa volevo dire con tutto questo discorso.

L’8 giugno sarà la volta di un interessante articolo di una nostra lettrice, Angela Marcella, dedicato ai viaggi per donne sole. Quel tipo di donne che hanno il coraggio di affrontare una vacanza in solitudine, alla scoperta di nuove avventure da godersi in piena libertà, per ritrovare se stesse. Angela vuole ricordare alle donne che spesso rimpiangono di essere sole che la solitudine a volte offre grandi vantaggi; quindi fate le valige e seguite i suoi consigli proposti anche attraverso una serie di link molto utili, ricchi di informazioni.

Fra gli articoli che troverete questo mese vi segnaliamo, l’11 giugno, un viaggio in Puglia! Con alcuni consigli per gli indecisi dell’ultimo momento, che si stanno ancora ponendo la domanda su dove trascorrere qualche giorno di vacanza.
Cara, amata Puglia, patria di un popolo fiero, dignitoso, di grandi lavoratori!
Per chi non lo sapesse ancora…è pugliese anche il nostro fondatore e direttore tecnico Francesco Addante, molto conosciuto per il suo sito Blogolanda.

La Puglia è ricca di storia e di cultura, di scrittori, di artisti; di brezze marine, di profumi, sole, mare, di pietre e candidi massi. E’ il regno degli ulivi dai massicci tronchi ben piantati sulle loro radici; tutti diversi uno dall’altro, forti, robusti, le cui foglie color argento svettano nel vento, brillando nel sole. Tese verso il cielo come in preghiera.

Il 15 giugno vi segnaliamo un articolo molto sentito sull’eutanasia dei nostri animali, affrontato con la solita chiarezza, delicatezza e professionalità da Imma Paone, medico veterinario. Imma si avvalerà di racconti inerenti i suoi amati animali (e pazienti) aiutandoci nella scelta di un atto tanto penoso, per cercare di attuarla nel miglior modo possibile. Un articolo molto toccante.

Il 24 giugno la Dottoressa Marzia Mazzavillani ( Marni ), ci parlerà dei sogni premonitori:con una spiegazione molto profonda sulle loro origini misteriose, in una dimensione che non possiamo comprendere perchè esula dal reale conosciuto.
Ma che tuttavia possiamo ascoltare nel silenzio del nostro animo e della nostra spiritualità, cercando di captare i preziosi messaggi e segnali inviati dal nostro inconscio.

Sono felice di terminare questo mese, il 28 giugno, con un inno all’amore offerto da una nostra lettrice, Rita Gamberini, che ha dedicato al marito Mirko, e a tutti noi; come testimonianza che l’amore vero, puro, indissolubile esiste veramente. Purtroppo Mirko ora non c’è più.

Nel suo articolo Rita percorre le tappe del loro matrimonio, avvenuto proprio in un lontano 28 giugno. Ricorda la gioia per l’arrivo di due figli, la quotidianità di una vita tranquilla, felice, in simbiosi totale ma anche sentendosi liberi. Mirko è spirato pieno d’amore per i suoi cari, dopo 32 anni di matrimonio all’insegna della “tenerezza e dell’allegria”, rivolgendo a Rita, il suo immenso amore, parole dolcissime e commoventi.

Grazie, Rita, per averci rassicurati sul fatto che l’amore vero può esistere, se sappiamo riconoscerlo e poi mantenerlo con costanza e coraggio. E allora può durare tutta la vita; “sino a che morte non ci separi”. Per ritrovarsi di nuovo uniti nello stesso cielo. Abbiamo tanto bisogno di crederci! E di sperarlo!

Buon mese di giugno, cari lettori. E che sia un mese pieno di sole, sorprese, serenità, vacanza; oltre che di tanto, tanto amore!

La vostra solita, affezionata,

Maria Cristina Giongo

Maria Cristina Giongo
CHI SONO

Direzione tecnica:
Francesco Addante

Redattori e giornalisti che hanno collaborato a questo numero
Marzia Mazzavillani (Marni)
Roberto Allegri
Cristina Landini Vannuzzi
Roberto Pagano
Imma Paone
Cristina Giongo

Assistenza Tecnica
Marzia Mazzavillani (Marni)
Hans Linsen

Tags: , , , , ,

5 Responses to “Editoriale giugno”

  1. Cara Cristina.. ancora auguri.. non ricordavo bene dei tuoi 60 anni.. anzi non me ne sarai mai accorto se non l’avessi detto qui.. ma sei più giovane che mai.. complimenti ancora per degli articoli davvero frizzanti e interessanti

  2. frank spada scrive:

    60 anni! Non le credo neanche se mi mostra un documento… olandese? certamente Maria Cristina Giongo, ché qui in Italia di balle quotidiane ne sento tante da… complimenti e auguri di buon lavoro anche per BlogOlanda!

  3. Angela Marcella scrive:

    60 anni…eta’ solo anagrafica per te Cristina !

  4. Maria Cristina Giongo scrive:

    Ce li ho…ce li ho….purtroppo! E a volte me li sento tutti! Grazie comunque!

    A volte la natura è generosa. Poi una vita sana, qualche crema “miracolosa” in cui credere; e tanto amore, tanto lavoro….molta energia e passione in quello in cui credi, una marito di 12 anni più giovane.. e, allora, di colpo ti senti giovane pure tu!

  5. marni scrive:

    MA CHE BELLA FOTO !!! gli auguri teli ho già fatti ma te li rinnovo per tutto quello che stai vivendo … 60 anni sono belli e portati bene …. l’importante è viverli con il tuo sprint e la tua bella energia ..

Lascia un commento