Editoriale di maggio. Canili lager, randagismo.

Palermo - cane

Palermo. Una fotografia simbolica che non ha bisogno di commenti.

Cari lettori online,

Il mio editoriale di maggio affronta un problema di grande importanza, civica ed umana, prendendo spunto da un messaggio di aiuto arrivato in redazione. Aiuto per i nostri amici animali maltrattati e abbandonati, che ha portato, in certe regioni del sud Italia, al grave problema del randagismo. E’ora che si faccia qualcosa per difenderci e difenderli dall’indifferenza delle istituzioni e spesso dalla crudeltà di chi non li ama.

 photo Messina-cane_zps12a6c896.jpg

Questa immagine arriva da Messina.

Qualcuno di voi si domanderà perchè diamo spazio agli animali anche in questo periodo di crisi in cui ci sono persone disperate che si suicidano per mancanza di lavoro; in un Paese dove la classe politica si è sempre interessata del proprio benessere personale piuttosto che di quello dei cittadini: che invece ha il dovere di proteggere e tutelare. A loro va tutto il nostro affetto e compassione ma non dobbiamo neanche dimenticare che se distruggiamo la natura, sarà veramente la fine di tutto. E’ la natura che porta la vita, le stagioni, il cibo. E gli animali ne sono una parte integrante. Difendiamoli dalla cattiveria di certi uomini. Basta leggere su facebook di che malefatte sono capaci: per esempio di avvelenare un’intera cucciolata, di legare una cagnetta incinta ad un palo per lasciarla morire, abbandonare un gatto o un cane sull’autostrada. Indimenticabile il video in cui un cane cerca di trascinare via dall’autostrada il corpo inerme di un suo compagno investito da un auto, per portarlo ai bordi della strada. Persino gli animali conoscono la parola pietà!
Tre magnifiche donne stanno conducendo adesso una battaglia che vi chiedo di appoggiare. Si tratta di Nunzia La Malfa, Fernanda Ioli, Salvina Inglisa. Ecco che cosa mi hanno scritto:

 photo Bari-cane_zps1b1f88af.jpg

Questa immagine arriva da Bari.

Stanchi di assistere passivamente alla sofferenza di migliaia di cani, principalmente nelle regioni del meridione d’Italia, abbiamo deciso di creare un gruppo su Facebook. Il gruppo si chiama “Io dico basta”.

Tutti noi diciamo basta all’abbandono,ai randagi che muoiono per strada a causa di incidenti o malattie. Diciamo basta ai canili lager: il canile deve essere un passaggio per un futuro migliore non la prigione a vita.

Il problema del randagismo in queste regioni è completamente ignorato dalle amministrazioni che ne lasciano il peso sulle spalle delle associazioni o di semplici privati. Ma il problema è di così vaste proporzioni che senza il concreto aiuto degli enti preposti, il lavoro di associazioni e privati è una goccia in un oceano.

Vogliamo che le amministrazioni applichino le leggi in vigore in materia di sterilizzazione. Occorre quindi una massiva sterilizzazione per cominciare a pensare di limitare il problema, occorre costruire una coscienza civica per evitare gli abbandoni e i maltrattamenti.

Per questo abbiamo creato una petizione su Facebook (www.petizioni24.com/io_dico_basta) che vi chiediamo di firmare numerosi, domandando ai Presidenti della regione Calabria, Campania, Puglia e Sicilia semplicemente di applicare e rendere operativa la legge nazionale che esiste già dal 1991 e le leggi regionali che le suddette regioni hanno emanato.

La semplice applicazione di queste leggi sarebbe un grande salto di qualità e sarebbe anche un chiaro segnale di cambio di rotta per quanti vedono ancora gli animali come cose di cui si può approfittare a proprio piacimento.Noi chiediamo un aiuto concreto da parte delle Istituzioni competenti a prendere seri provvedimenti in base alle leggi vigenti esistenti già da molti anni: e mai prese in considerazione!.La non osservanza delle leggi va a discapito del turismo in Italia (sopratutto il Sud ne risente di piu). Care istituzioni fate in modo che queste oscenità non siano la nostra immagine all’estero!
Mettiamoci un po’ di cuore in quello che facciamo, rendiamo questo mondo migliore per tutti. A piccoli passi … ma facciamolo!

Nunzia La Malfa, Fernanda Ioli, Salvina Inglisa.

 photo Napoli-cane_zps73ad7a70.jpg

Questa triste, sconvolgente immagine viene da Napoli.

Mi sembra che questa lettera spieghi compiutamente l’importanza del problema. Spero quindi che i nostri lettori aderiscano alla petizione di qui sopra. E anche alla Pagina di facebook di “IO DICO BASTA”, creata dalle attivissime Nunzia, Salvina e Fernanda, per il bene della società e degli animali. In quanto tutti hanno bisogno di una casa: sia l’uomo che l’animale. Tutti hanno diritto ad una vita dignitosa: sia l’ uomo che l’animale. Creature dello stesso Dio.

Un sereno mese di maggio dalla vostra, come sempre vostra affezionatissima,

Maria Cristina Giongo
che anche questo mese vi promette inoltre altri articoli interessanti e piacevoli da leggere, compresa la prima puntata di una storia d’amore e la seconda sul “gatto Pino”.
CHI SONO

• Alcune foto sono state prelevate dal web tramite un programma di download automatico e non si è a conoscenza se sono coperte da copyright o meno; se così fosse i legittimi proprietari dei diritti di copyright possono richiederne la cancellazione che verrà immediatamente effettuata.

Hanno collaborato a questo numero:

Imma Paone,
Angela Marcella Guarnieri,
Pietro Pancamo,
Maria Cristina Orga
Marica Caramia
Valentino Di Persio
Cristina Giongo

Tags: , , , , ,

6 Responses to “Editoriale di maggio. Canili lager, randagismo.”

  1. GRAZIE PER AVERE PRESO A CUORE QUESTA DRAMMATICA REALTA . GRAZIE A NOME DI TUTTI NOI DEL GRUPPO "io dico basta" SEI UNA GRANDE MARIA CRISTINA UN GRAZIE DI CUORE DA PARTE MIA. NON DEVE ESSERE UTOPIA! scrive:

    HO DATO E STO DANDO L ANIMA PER QUESTA CAUSA, NN LASCIAMOLA MORIRE! UTOPIA? NO, SE NN CI GIRA DALL ALTRA PARTE………GRAZIE DI CUORE A TE CRISTINA GIONGO, DIO TI BENEDICA. FERNANDA IOLI

    • admin scrive:

      Prego!
      GRAZIE A VOI! E A TE, CARA FERNANDA, CHE TANTO LOTTI PER UN BENE PREZIOSO DELLA NATURA. SPERO CHE ANCHE I COFANETTI MAGICI LO FACCIANO INSIEME A TE, GRANDE DONNA. UN ABBRACCIO

  2. salvina scrive:

    mi associo a farti i complimenti e dirti grazie per averci dato spazio a questa causa importantissima per nunzia,fernanda e a me stessa.
    Ti ringrazio di vero cuore e facciamo che questo problema non venga trascurato mai piu ma che da adesso in poi comincino dei benefici per i nostri amici animali che ci danno tanto senza chiedere troppo, solo delle attenzioni giuste e delle leggi che li proteggono su ogni male che subbiscono grazieeeeeeeeeeeeeeee un abbraccio di vero cuore da parte mia anche

  3. grazia scrive:

    e una vita che scrivo e non per razzismo che il sud non prende a cuore la vita degli animali …li maltratta li uccide li abbandona che e come dire devi morire…e una vergogna …non sono esseri umani…e poi che diavolo sono questi canili (chiamiamolo cosi) lager dove questi poveri esseri vivono se questo e vivere in stati pietosi…ma che male hanno fatto? ma non sapete che esiste la sterelizzazione? farli nascere e poi farli morire che senso ha? non avete cuore .anima.solo violenza.persino i vostri figli crescono senza rispetto del resto hanno buoni insegnanti….per fortuna tra voi esistono ancora persone che hanno cuore.amore e rispetto verso queste creature e io a loro dico…GRAZIE….

  4. ANNA scrive:

    grazie a tutti voi, in modo particolare a Fernanda che ha dato inizio a questa avventura. Io sono con voi, purtroppo sono tanto impegnata in prima linea che non riesco a stare molto al pc….
    Tutti i giorni combattiamo contro l’ignoranza e la crudelta’, giorni che ci sentiamo sconfitti….poi basta la foto di un cagnetto adottato e torna la speranza e la forza di continuare. Siamo in tanti e certamente miglioreremo questo mondo

  5. Rosa maria scrive:

    Notizia meravigliosa,che condivido,che firmò con tutto il cuore xche argomento x me importante,sterilizzazione,chiusura dei lager,degli inferni dove i ns governanti disinteressando si del problema fanno rinchiudere poveri piccoli innocenti,una vera vergogna,ringrazio queste tre splendide signore,e che continuino su questa strada

Lascia un commento