Festival di Sanremo 2013. Fischi per Crozza. Intanto il Nord Corea testa la bomba atomica.

Prima di tutto ecco una notizia importante di oggi, riportata dal quotidiano Avvenire, che così titola: Nord Corea: la bomba sfida il mondo.
“Terzo test atomico dal 2006. Un ordigno “miniaturizzato”, di potenza pari a sei o sette kilotoni ha scatenato un sisma di 4,9 punti sulla scala Richter”.
Un esperimento nucleare allarmante. Basti pensare che la bomba atomica gettata dagli Usa su Hiroshima aveva una potenza di 15 kilotoni.

 photo Fabio-Fazio-e-Luciana-Littizzetto-Festival-di-Sanremo-2013-450x300_zps5d0e83b6.jpg

I due presentatori del festival di Sanremo 2013, Luciana Littizzetto e Fabio Fazio

Un fatto preoccupante che si aggiunge ai tanti che hanno sconvolto il mondo in questi ultimi anni e giorni. Ma gli italiani vogliono parlare anche del festival di Sanremo e allora parliamone. Giustamente: considerato il denaro speso dalla Rai (anche in questo periodo di crisi). E perchè Sanremo rimane comunque un fenomeno sociale, sempre ben pubblicizzato da Rai Uno. Infatti la prima serata è stata seguita da 14 milioni di spettatori. Ovviamente per la Rai è stato un successone, i suoi canali l’hanno osannato, a cominciare dalla Vita in diretta. Qualsiasi ospite osasse, oggi pomeriggio, una sia pur benevola critica, veniva subito zittito da Mara Venier. Per Canale 5 (per esempio nel programma pomeridiano di Barbara D’Urso) invece è stato un festival scadente: ovviamente. Nessuno si è smentito, riguardo a elogi e critiche. A seconda del padrone per cui lavora.

Fabio Fazio era come sempre piuttosto spaesato. Della serie: che cosa ci faccio io qui? Ma, visto che ho questo onore e ci guadagno pure, mi prodigherò per il meglio.
Luciana Littizzetto era meno sboccata del solito. Tranne quando scendendo le scale per accogliere l’ospite di turno, Felix Baumgartner (l’intrepido uomo che ha battuto la barriera del suono) mentre lui le andava incontro tendendole la mano per aiutarla, non l’ ha vista e ha saltato gli ultimi gradini a mo’ di canguro… terminando la discesa con gestaccio molto volgare. Non proprio da prima donna del festival di Sanremo! Sotto gli occhi allibiti del bel Felix, che, non capendo la lingua italiana, ora non capirà di sicuro anche gli italiani.

La Littizzetto è simpaticissima ma è come i bambini. Quando cominciano a dire una parolaccia se i genitori e i nonni ridono come matti, poi la ripetono all’infinito. Sino a che si prendono uno schiaffone.
Fra gli ospiti anche Toto Cutugno, amabile e tanto amato sia in Italia che in Russia.
Infatti è stato seguito da tutto il Coro dell’Armata Rossa (russa); chissà con quanta gioia da parte di Berlusconi, che, a quella vista, si sarà rosicchiato le unghie una ad una!
Fra i cantanti non mi è piaciuto Mengoni, sempre in preda a nevrosi che gli levano ogni spontaneità e lo portano ad una mimica “ da cammello”, come ha sottolineato quella monella della Littizzetto.
Brava la Maria Nazionale, sospesa fra nuvole di note melodiche che non hanno tempo, per noi romantici! Dolci, intonate, appassionate.
Brava anche Chiara.
In quanto a “Marta sui tubi…” devo dire che questa famosa Marta non l’ ho proprio vista. Sarà rimasta sui tubi? E a fare che cosa? Al suo posto dei maschioni di cui uno, pensando di aver trovato la spiritosata del secolo, ha dato della gnocca alla Littizzetto. Un ragazzotto vestito a pois, con piercings e quant’ altro; decisamente fuori moda. Quel look si usava ai tempi di mia nonna…..tanto per esagerare.
Poi i due gay muti per loro volere, che si e ci “parlavano” con l’ uso dei cartelli, per chiedere rispetto per il loro grande amore. Giusto: ma a me pare che oramai questa forma di rispetto non venga più negata. Altrimenti non sarebbero stati lì.

Infine Maurizio Crozza si è preso del pirla ed è stato fischiato. Che dire? Non lo sapeva, cominciando il suo monologo con una lunga presa in giro di Berlusconi? Doveva iniziare con la parodia di Bersani, poi di Vendola, Di Pietro, Grillo. Per lui la proibizione di fare questi interventi in campagna elettorale non vale e non ha alcun valore?
Benigni non è mai stato fischiato quando scherzava pesantemente su Silvio. Già… ma: punto primo Benigni è Benigni.Punto secondo non l’ ha mai fatto sotto elezioni, a quanto mi risulta. Punto terzo la scena di Crozza che distribuisce i soldi, è una vecchia e famosa gag di Panariello su Briatore; lui l’ha riadattata a Berlusconi che invece di distribuire il suo denaro sparge quello degli italiani.
Purtroppo stasera non ci saranno come ospiti i Ricchi e Poveri, in quanto il cantante Franco Gatti (quello con i baff), è stato colpito da un terribile dolore: la morte del figlio Alessio, di soli 23 anni, deceduto, sembra, per un’ overdose di cocaina. Dico ” sembra” in quanto tutti i giornali l’ hanno scritto, mentre il padre, annientato dal dolore, ha detto che non è vero: ” mio figlio non usava la droga, per favore, non dite una cosa simile. Non è vera!” Gli siamo molto vicini in questo drammatico momento.

Questa tragica notizia si aggiunge a quella iniziale sui progressi degli esperimenti nucleari in Nord Corea (un Paese sempre meno controllabile).
In realtà volevo scrivere un articolo allegro sul festival di Sanremo ma purtroppo ne è uscito un pezzo piuttosto triste a causa delle altre due. Mi scuso con i lettori che magari si aspettavano qualcosa d’altro.

Maria Cristina Giongo
CHI SONO

Avvertenza:
• I diritti del seguente articolo appartengono alla giornalista che lo ha scritto.
• Le foto sono state prelevate dal web tramite un programma di download automatico e non si è a conoscenza se sono coperte da copyright o meno; se così fosse i legittimi proprietari dei diritti di copyright possono richiederne la cancellazione che verrà immediatamente effettuata.

Tags: , , , , , , , , ,

5 Responses to “Festival di Sanremo 2013. Fischi per Crozza. Intanto il Nord Corea testa la bomba atomica.”

  1. Angela Marcella scrive:

    Che dire del Festival di Sanremo? Che stasera leggo un libro o faccio il pedicure.
    Fazio :fazioso per fare la giusta rima
    Littizzetto : le solite ripetitive battute volgari..pietosa.
    Crozza grande comico : avrebbe potuto risparmiarci con la satira politica di colore rosso che più rosso non si può .E meno male che è il festival della italianità ..con i fiori(a proposito non ne ho visti o sono io cieca?) e la musica melodica. E noi contribuenti paghiamo…Successo? Mi facciano il piacere,che non siamo tutti idioti.

    • maria cristina giongo scrive:

      Hai ragione, invece di spendere soldi per i fiori, per rallegrare tutto il palco di bellissimi fiori!

      Ieri sera non ho retto sino alla fine. Mi sono addormentata prima, suil divano, come una vecchina… poi mi ha svegliata mio marito per farmi gli auguri per San Valentino .. ( un regalino, spumante e due dolcetti deliziosi, ripieni di marzapane e liquore, panna…ecc. )

      Allora mi sono risollevata il morale. Quello che ci salva da tutti è l’ amore; prima di tutto quello che si dà, che poi ti torna sempre indietro. Buon San Valentino a tutti!

  2. angelucci scrive:

    TROPPA FAZIOSITà. e il tuo articolo è giustissimo, certo triste per le notizie, ma perchè c’è qualcosa di cui ridere. possiamo ridere solo se questa maledetta casta che ci ha governato, se ne va a casa, tutta, senza risparmiare nessuno.

  3. Sna Flower scrive:

    Prima di tutto complimenti per aticolo.Che dire di piu del festival di Sanremo? E certo che purtroppo non e piu di una volta,enel ultimo tempo lo seguo poco,anzi solo quando c’e Al Bano,
    beh quest’anno e ospite anche se merita di essere in gara,lui e un grande
    vero Big,aveva sempre bellissime canzoni e di certo anche questa volta,
    ma e ovvio che quelli del festival scelgono i cantanti che piaccono a loro,
    quest’anno hanno superato se stessi,cantanti sconosciuti,canzoncine
    inascoltabili e conduttori Fazio e Littizzetto inguardabili,forse sarebbero piu
    adatti per un circo.E con tutto questo ancora una triste notizia che non e per niente da ridere,ma loro fanno finta come se fosse niente,”the show must go on”,e noi paghiamo.Cordiali saluti.

Lascia un commento