Tornare Bambini collezionando Manichini

 photo manichini_2_zpsfc197707.jpg

Intervista con una signora olandese che ha iniziato una collezione decisamente intrigante.

In un piccolo paese al sud dell’Olanda c’è una signora, Martina, 60 anni, che colleziona manichini.
Entrare nella sua casa è come immergersi in un mondo di favola, popolato da silenziose presenze che ti spiano da ogni angolo. Ognuno di questi esseri (a cui possiamo dire che manchi la parola per definirli “umani”) ha sembianze e pose diverse, differenti vestiti. Hanno “vissuto” in negozi di antichità, nelle vetrine, in grandi magazzini; per finire poi in scantinati, solai o sui banconi di una fiera, venduti al miglior offerente.
Abbiamo chiesto a Martina, sposata con Giovanni, anche lui olandese ma di origine italiana, che cosa l’ha spinta a iniziare una raccolta così particolare.

“La mia passione per i manichini è cominciata nel 1995 durante un viaggio in Inghilterra, dove mi sono innamorata a prima vista di un manichino che si trovava in un negozio d’antichità. L’ho portato a casa, l’ho vestito con abiti adatti all’epoca di provenienza e mi sono resa conto di quanto fosse bello e unico nel suo genere.”

– I manichini che acquista sono sempre nudi?-
“ Generalmente sì. Dipende dall’uso che ne è stato fatto. D’altra parte mi piace molto acquistare per loro indumenti adatti, andando alla ricerca dell’abbigliamento consono. Compresi tutti gli accessori originali del tempo in cui hanno vissuto: calze, scarpe, cappelli, fermagli, guanti, ecc. E’un hobby che richiede tanta pazienza.”

– Sono tutti antichi? E’difficile risalire all’uso che se ne faceva? –
“ Il più ‘anziano’ è del 1920. Si vede subito, soprattutto dal viso e dalla postura, se si tratta di manichini che venivano usati per reclame o da esposizione. Per esempio questo ‘bambino’ ( mi mostra un fantoccio con il busto più piccolo rispetto al viso ) veniva adoperato per pubblicizzare prodotti che si riferivano alla parte superiore del corpo. In questo caso il volto è l’elemento più importante; infatti ride felice.
A volte sono delle caricature; per esempio con la mascella grande per la promozione di una schiuma da barba. Guardi che bello questo ragazzino vestito da marinaio; il volto è di cera. Anche i denti, fatti a mano uno per uno, sono una riproduzione perfetta. Quest’altro è di cartone; per cui è fragilissimo. Non lo devo rimuovere spesso.”

Martina si avvicina ad una figura adagiata sulla sedia, che guarda con affetto, come se fosse un figlio: è difficile credere che sia composta di cartone! Sulle credenze fanno bella mostra di sè alcune teste; di giovani donne dagli occhi cerulei, impressionanti per come… “ti guardano”.
Ce n’è una da uomo da cui distolgo gli occhi perchè suscita in me un’ansia imbarazzante: e non so perchè. Accanto ad una finestra ci sono un bimbo ed una bimba che “potrebbero essere fratello e sorella”. Ognuno di loro ha una storia, ognuno di loro è diventato di famiglia. Martina mi mostra con fierezza un manichino imponente, in divisa.
E mi racconta la sua storia:

“ Anche lui è molto vecchio; all’altezza dello sterno c’è un buco coperto da uno sportello. Se voglio alzare o abbassare le braccia devo mettere la mano dentro per girare un’apposita rotella, posta sotto le ascelle. Ho cercato a lungo un vestito per lui: finalmente l’ho trovato, grazie al fatto che ho lavorato al Ministero della Difesa. Infatti indossa un’uniforme di gala, completa di mantella, appartenuta ad un pastore protestante. Me l’ha regalata lui, dicendomi che il valore di questo abito non sarebbe andato perso addosso ad uno dei miei manichini.”

– Martina, quanto tempo costa una simile collezione? E quanti soldi?
– “ Parecchio tempo. Ogni settimana visito un mercato dell’antiquariato e vari negozi di oggetti antichi. Poi c’è la ricerca dei costumi e quella per trovare notizie sull’origine dell’acquisto. Per me è un passatempo veramente interessante e appassionante anche a livello culturale. I prezzi variano a seconda dell’età, della manifattura, del materiale: ci sono manichini di gesso, di stoffa, di legno e, appunto, di cera e di cartone. Diciamo che si possono spendere dai 200 ai mille euro. Ma anche di più. Come in ogni collezione dipende dall’unicità del pezzo. La prima cosa che guardo è il viso. Se non mi piace non lo compro; deve deve essere espressivo e suscitarmi emozioni.”

Già, ma un manichino può avere un’espressione, può suscitare emozioni? Penso ai miei balocchi di bimba che per me “erano vivi”, alle bambole inanimate che durante il gioco, grazie alla mia fantasia, ricevevano un’anima. Nostalgia di un’infanzia passata; ma non perduta. Dove ancora eravamo capaci di divertirci con un burattino di legno o una pupattola di stoffa, insieme ai quali vivevamo momenti magici. Prima di uscire dalla bella dimora di Martina e Giovanni, immersa nel verde di un tipico paesaggio olandese popolato da pecore e caprette, mi soffermo a guardare “i due ragazzetti” all’ingresso: lei sfoggia un grande cappello nero di velluto da donna adulta e fissa lui sorridendo maliziosa. Lui indossa una camicia a scacchi e pantaloni con le bretelle. Ha dolcissimi occhi azzurri che illuminano un viso adolescenziale.

Guarda in basso e sorride timidamente. E di nuovo, per un attimo, torno bambina dandomi la risposta che mi ero posta entrando in quella casa: ma che cosa ci può essere di piacevole nel collezionare manichini? Adesso lo so.

Maria Cristina Giongo
CHI SONO

Il servizio fotografico è di Hans Linsen. Proibita la riproduzione delle fotografie e del testo senza citare autore e fonte di provenienza.

La signora Martina Candido con i suoi manichini. Copyright del servizio fotografico: Hans Linsen ( Olanda)

 photo DSCF4478_zpsdd8519e3.jpg

 photo DSCF4476_zpsd74fed02.jpg

 photo DSCF4475_zps5958dceb.jpg

 photo DSCF4471_zpsba113b51.jpg

 photo DSCF4469_zps02b337d7.jpg

 photo DSCF4467_zps59d32ea0.jpg

 photo DSCF4462_zpsda540d76.jpg

 photo DSCF4456_zps5359303c.jpg

 photo DSCF4455_zps924d9019.jpg

 photo DSCF4450_zpsb992489f.jpg

 photo DSCF4448_zps96db9da0.jpg

 photo DSCF4447_zps873d91f4.jpg

 photo DSCF4442_zps134b95e5.jpg

Tags: , , ,

21 Responses to “Tornare Bambini collezionando Manichini”

  1. Martina Candido scrive:

    Grazie per líntervista, Cristina! Era un grande onore per me di essere intervistata nella mia casa. Infatti, questa è veramente la mia passione.
    E tu l’ha riporta in una maniera fantastica.
    Ma molta gente non la capisce. Perché si spendono dei soldi per qualcosa di materiale.
    Per questo, collezionare resta una passione difficile e molto personale.

    Martina

    • elisabetta scrive:

      gentile signora ho letto di questa sua stupenda collezione , io mi trovo proprio in questi giorni, a voler vendere un bel manichino d’ epoca che è in casa mia da sempre , ma non so’ quanto potrei chiedere , se lei fosse interessata mi contatti e le inviereo’ le foto via mail accetto offerte grz Betta

  2. cristina scrive:

    Cara Martina,

    per me è stato molto interessante di intervistarti e sono contenta che scrivi così bene in italiano…

    Penso che sia importante di avere un hobby, nella vita! Quale sia, hai ragione, è una cosa molto personale. Ma è stupido giudicare male chi spende soldi per il proprio hobby.

    E poi i soldi guadagnati con tanta fatica è giusto che si usini anche per comprare qualcosa di piacevole PER SE STESSI.

    Cari saluti e Buon Natale,

    Cristina

  3. elisa scrive:

    Cara Cristina,
    sono stata colpita dalla tua intervista alla si.ra Martina e poichè sto conducendo una ricerca universitaria sui manichini, mi piacerebbe, poter inserire la tua intervista e chiederti un recapito della sig.r Martina Candido, per avere alcune foto.
    grazie, buon anno

  4. cristina scrive:

    Cara Elisa,

    ho letto soltanto ora il tuo commento, al ritorno da un mio viaggio in Italia.
    Certo che mi fa piacere se inserirai la mia intervista nella tua ricerca universitaria, naturalmente citando il Cofanetto Magico da cui proviene.

    Per il recapito della signora Candido te lo segnalerò a parte, via email. Le fotografie sono state fatte da me.

    Cari saluti,

    Cristina

  5. giuliano artini scrive:

    Buongiorno Signora,sono Giuliano di Pisa collezionista di manichini d’epoca,vorrei domandarLe se potessi avere l’ indirizzo mail della Sig. olandese anch’essa collezionista di manichini. GRAZIE. Giuliano Artini-V.le del Tirreno,169/a-56128 TIRRENIA (Pisa)-cell.3272546799.

    • Maria Cristina Giongo scrive:

      Gentile Signor Giuliano,

      ho girato la Sua richiesta alla Signora olandese intervistata così potrà darLe il suo indirizzo se lo vorrà.

      Cari saluti

  6. Lorenza Centanni scrive:

    Buongiorno, vorrei sapere se è possibile contattare la collezionista di manichini. Ho un manichino degli anni ’30 e sto cercando di venderlo. Guardando su internet alla parola manichini ,ho trovato quest’articolo molto interessante!
    A presto

    • maria cristina giongo scrive:

      Buongiorno, Lorenza, ho girato il suo commento alla signora che colleziona manichini. Se Le interessa le risponderà.

      Cari saluti!

  7. Martina Candido scrive:

    Buonasera Signor Centanni,

    A questo momento non cerco piu dei manichini.
    Grazie per il vostro interesse!

    Cari saluti!

  8. cristian scrive:

    buonasera signora Centanni, volevo chiederle se per caso possiede ancora il manichino,eventualmente mi faccia sapere , il mio indirizzo email mazoom2008@libero.it
    grazie

  9. isaura scrive:

    gentili signori,sono un’ appassionata di manichini e busti d epoca. se ne vendete qualcuno fatemi sapere. grazie

    • giuliano artini scrive:

      Cara Sig.ra Isaura, anch’io come Lei colleziono manichini e busti d’epoca, volevo domandarLe se possedeva soggetti donna/uomo anni ’30 ’40 della storica azienda ROSAmanichini e se nel caso fosse disposta a cederli od a scambiarli con altri manichini (ne posseggo piu’ di 100 italiani e francesi) alcuni in cera o cartapesta o in gesso…per cortesia mi contatti,GRAZIE. GIULIANO : manichini01@yahoo.it

    • Elisa scrive:

      Buongiorno! Se può interessarLe io possiedo un busto di gesso di donna anni’30/40 firmato Chanel Paris. Cordiali saluti Elisa

      • Maria Cristina Giongo scrive:

        Cara Elisa,

        ho girato la Sua email alla signora intervistata e se le interessa si farà viva con lei. Cari saluti

    • Lorenzo scrive:

      Carissima signora Isaura se interessata mi può contattare telefonicamente al 3348154502 perchè possiedo una testa di bambino anni 30 che merita oppure se preferisce le mando le foto.

  10. giuliano artini scrive:

    Messaggio per la Sig.ra Centanni, ho letto solo adesso il suo messaggio, se possiede ancora il manichino io ne sarei interessatissimo! manichini01@yahoo.it

  11. Rocco scrive:

    Per tutti i collezionisti di manichini, ne posseggo uno antico primi decenni del 900 in gesso bambino 8-10 anni completo di vestito da marinaio dell’ epoca. Contattatemi sto a Bari mio cell. 3937798992

  12. elisabetta scrive:

    salve ho un manichino d’ epoca che vorrei vendere se siete interessati contattatemi

  13. Rita scrive:

    Salve,
    a chi fosse interessato ho due manichini (donne) del dopoguerra!contattatemi per mail o al 3398718126. ciao ciao

Lascia un commento