Intervista a Thomas Leoncini, un giovane talento

Thomas Leoncini per il Cofanetto

Thomas Leoncini è nato il 31 maggio del 1985 a La Spezia. Scrittore, giornalista e poeta ha pubblicato nel 2006 “Fai volare la tua anima”, edito da Sovera, seguito nel 2007 da “Ritratti di vita”, Eman Multimedial editore, con la partecipazione di Stefania Orlando e Miriana Trevisan, solo per fare qualche nome, che hanno posato per le foto inserite tra i suoi versi e infine, “Lontano dal mondo” nel 2008, Caravaggio Editore.

- Ventiquattro anni, giornalista, scrittore e poeta. Qual è il tuo segreto per il successo?

“Successo” è una parola molto soggettiva:ritengo un appagamento di se stessi il raggiungimento della serenità.Io sono solo all’inizio,l’impegno che metto nella scrittura è tanto,ma non mi ritengo né arrivato né vincente. Piuttosto un giocoliere con le parole fra le dita..

- Ogni scrittore, poeta, ha un rituale, delle piccole manie che accompagnano l’atto creativo della scrittura, cosa ti aiuta a trovare l’ispirazione?

L’ispirazione è qualcosa che mi arriva quando meno me lo aspetto,è un po’come un lampo che stordisce il resto e mi fa venire l’impellente voglia di scrivere su qualunque materiale e con qualunque mezzo.

Le poesie e i testi più introspettivi nascono così,senza un principio preciso,ma solo con un tuffo della tua mente nel labirinto dei tuoi pensieri più nascosti.

- Com’è nato il progetto che ha visto la partecipazione di nomi importanti come Manuela Arcuri per fare solo un esempio?

Ho collaborato con lo staff di Ornella Muti per la realizzazione dei testi di più calendari contro la violenza. Da questa bella esperienza mi è arrivata la proposta di scrivere oltre 100 pagine di testi del libro di fotografia e saggistica “ritratti di vita” uscito nel 2007.

Per le foto del libro hanno posato,oltre a Manuela Arcuri anche Stefania Orlando, Miriana Trevisan, ma il motivo per cui l’ho fatto è apportare il mio pensiero sulla lotta alla droga e alla violenza. Seppur piccola goccia,a mio avviso,utile.

- In Italia ci sono molti poeti cui viene chiesto un contributo o l’acquisto di copie. Come sei arrivato alla pubblicazione del tuo primo libro?

Ci sono arrivato per caso,consigliato da amici ho inviato a vari editori i miei manoscritti,con grande sorpresa ho ricevuto richieste di pubblicazione.

Ma sia chiaro,pubblicare un libro non significa nulla,difficilmente un editore investe tempo e denaro per pubblicizzarlo.

Per vendere dovete farvi ufficio stampa da soli (non fatevi imbrogliare da pseudo uffici stampa che chiedono soldi) e inviare libro a tutti i contatti giornalistici e televisivi possibili.

- Migliaia di copie vendute, collaborazioni con persone del calibro di Ornella Muti e tanti successi. Come vivi tutto questo?

Lo vivo con rammarico per un motivo:c’è tanta falsità nella nostra società e tanti validi giovani nella scrittura,nella musica,nella poesia,nel cinema vengono scartati da giochi di potere e raccomandazioni. Essendo a contatto ogni giorno con questa realtà ne soffro le conseguenze.

Alcune persone di rilievo sono interessate solo a portare a casa “il loro pane quotidiano” rifugiandosi in stereotipi sbagliati.

Ritengono il pubblico solo un mix di burattini ubriachi pronti a bersi di tutto purchè anestetizzi la loro mente. Sarebbe ora di dire basta,di dar voce a chi (dati alla mano) ha qualcosa da dire e toglierla definitivamente a chi occupa solo spazio sulle spalle degli italiani.

- Ultima domanda: cosa ti aspetti dal futuro e quali sono i tuoi progetti?

I progetti sono tanti,non mi fermo,ma non posso dire nulla perché non vorrei risultare il classico parolaio(ce ne sono già troppi in Italia), a contratti firmati sarete i primi che avviserò.

Nel futuro spero in una rinascita di molti aspetti della nostra società,mi auguro che la cultura possa ricoprire un buono spazio e non un solo piccolo trafiletto in una rivista.

Non a caso il nostro paese è agli ultimi posti nel mondo come reputazione culturale contemporanea. Aspettiamo che qualche grande “pensatore” se ne accorga!

Grazie della tua disponibilità. Vuoi fare tu l’annuncio ai nostri lettori?

Certamente,sarà un piacere collaborare con la rivista inviando per ogni numero una mia poesia,nella speranza di entrare nelle vene di chi legge…

Come chiusura, puoi regalarci qualche tuo verso?

Lo dedico a tutti…

Vivere….

Non desiderare di volare
senza prima aver amato le tue ali.
Non affrettare la tua voglia di vittoria
senza prima aver subito più sconfitte.
Non cercare il vero amore
senza prima aver conosciuto ladri di emozioni.
Non vivere aspettando il domani
senza prima aver spremuto tutto il succo di oggi.
Non pensare di aver imparato a vivere
senza prima aver sepolto la tua paura di morire.

(Thomas Leoncini)

Nella foto in alto Thomas Leoncini.

Altre informazioni su Thomas Leoncini, le trovate qui: http://www.thomasleoncini.it/

Silvia Ancordi ©
Vietata la riproduzione totale o parziale del testo

Chi sono

Tag: , ,

4 Commenti a “Intervista a Thomas Leoncini, un giovane talento”

  1. Gloria Tomassini scrive:

    Thomas, Thomas, Thomas…
    splendida e fulgente stella che trascini i cuori nel sogno,
    che dire?
    Il Cofanetto Magico è una slendida opportunità per …poterti conoscere meglio.
    Smak di cuore.

  2. Bianca scrive:

    Concordo con Gloria, un ragazzo brillante e che oltretutto si muove molto bene in questo difficile settore, intendo dell’editoria.
    Speriamo di poterti conoscere ancora di più.
    Ciao e auguri!

  3. Paola scrive:

    è un genio che fa venire i brividi solo a leggere due sue parole.sono semplicemente una delle sue 300000 fans!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Paola

  4. Cristina scrive:

    In effetti…vi assicuro che Thomas è dolcissimo e profondo.

    Le sue parole toccano gli animi di chi sa capirle e volano sino alle stelle, per riportarle indietro a chi ha bisogno della loro luce.

    Leggete i suoi libri e lo sentirete vicino.

Lascia un Commento