Attenzione al veleno per topi!

cane triste

Questa volta, con grande tristezza, voglio raccontavi un episodio che mi è capitato qualche tempo fa che non ha avuto, come nei miei precedenti racconti, un risvolto a lieto fine.

Tutto ha inizio in un soleggiato pomeriggio di maggio dopo che ho  appena terminato un intervento di sterilizzazione ad una cagnetta stupenda di nome Molly.
Assorta nei miei pensieri, mentre sistemo la sala operatoria ovviamente in disordine, sobbalzo per il suono insistente del campanello della porta.

Scendo di corsa per vedere chi è ed apro la porta ad un’ intera famiglia che, disperata, porta in braccio una cagnolina agonizzante.
Subito li faccio entrare e chiedo di sistemare velocemente la poverina sul tavolo da visita.
La prima cosa che attira la mia attenzione sono gli occhi grandi, enormi, della cagnolina: proprio come quelli dei personaggi dei cartoni animali, che sembra parlino e cerchino aiuto. Vedo chiaramente che la poverina non si sente bene…respira a fatica ed ha  le mucose della bocca bianche come la porcellana..

Inizio a fare mille domande, come è mio solito, per tentare di avere quante più informazioni possibili,  per cercare di capire qualcosa di quello che era accaduto ed iniziare una terapia mirata…
Niente da fare…
I proprietari non mi sanno assolutamente dire nulla.
L’unica cosa che mi ripetono in continuazione è che fino a quella mattina Sara, il nome della cagnolina, stava benissimo e giocava allegramente come sempre nel giardino di casa.

Non c’è niente di più brutto per me, in quanto dottore, che barcollare nel buio; è una sensazione di impotenza. Mi sento inerme, incapace di prestare aiuto..

Per non perdere istanti preziosi, come nei migliori telefilms americani, faccio un prelievo di sangue, inserisco un catetere endovenoso nella zampina di Sara ed inizio una fluidoterapia; poi le metto una mascherina con l’ossigeno, sperando che tutto questo possa aiutare la piccola a respirare meglio..

Dalla mia collega, Imma 2, viene subito analizzato il sangue, e come già preannunciava il colore delle mucose, la cagnolina risulta terribilmente anemica: urge una trasfusione.
Casi come questi, fortunatamente, non sono molto frequenti, perciò non abbiamo mai avuto una “banca del sangue” che ci permetta di gestire rapidamente queste situazioni di emergenza.

Fortunatamente in ambulatorio c’è un bellissimo labrador, di nome Hilton, sempre pronto a donare un pò della sua energia ai mal capitati. Immediatamente si prepara Hilton per la trasfusione, ancora ignaro di ciò che sta succedendo, inserendogli un ago-cannula “enorme” nella giugulare.
Imma 2 prepara la sacca per la raccolta del sangue e mentre io l’ aggancio al raccordo del catetere, mantenendo alta la testa del nostro cagnolone, lei, sdraiata sul pavimento, inizia a “massaggiare” la sacca per fare in modo che il sangue che vi giunge si mescoli omogeneamente all’anticoagulante; per evitare che si formino dei coaguli pericolosi per la buona riuscita della trasfusione..

Ad Hilton, amorevolmente,  vengono sussurrate frasi nell’orecchio, sistema ormai collaudato per farlo stare tranquillo, con promesse di laute leccornie per ricompensare “la sua prestazione”..

Intanto Sara sta ancora male…Purtroppo l’ossigeno non migliora il suo respiro discordante…

Cerchiamo di essere quanto più veloci ed in circa 15 minuti raccogliamo la quantità di sangue sufficiente per Sara. Poi inizia il lavoro inverso: somministrare ( ma stavolta a goccia lenta) il sangue alla nostra paziente.

Sara è sfinita e viene trattata con cura per evitare che stressandosi aumenti la sua richiesta di ossigeno che non può ancora compensare.

La trasfusione ha inizio…
Passiamo oltre un’ora nella speranza che “la linfa vitale” possa veramente ridonargli la vita…ma qualcosa non va come speriamo..
Mentre le gocce scendono lentamente il cuore della cagnolina, monitorato dal pulsossimetro, inizia all’improvviso ad accellerare, all’impazzata..
Sara inizia ad agitarsi..tentiamo di calmarla ma, aihmè, vedo dai suoi occhioni che ci vuole lasciare.
All’improvviso gli occhi cambiano posizione ed il torace smette di sollevarsi.

Intubiamo la piccola, massaggiamo il cuore, iniettiamo adrenalina in vena, gonfiamo e sgonfiamo in continuazione il pallone dell’ossigeno per insufflare in maniera forzata ossigeno direttamente nei polmoni…
Ma non c’è più nulla da fare…
Sara ci lascia.

I proprietari assistono increduli a tutta la rianimazione e scoppiano in lacrime quando si rendono conto che non c’è altro da fare. Li lasciamo da soli in sala chirurgica mentre sconfortate ritorniamo in sala visita..
Ogni volta che non riusciamo ad aiutare un nostro paziente, io e la mia amica Imma 2, siamo invase da un senso di frustrazione terribile..
Per la cagnolina viene decisa una sepoltura in un cimitero per cani con lapide e foto.

Intanto, continuando la mia ricerca di spiegazioni, scopro che la signora aveva adoperato in giardino, una settimana prima, un veleno per topi, che però, nonostante le mie mille domande, aveva completamente dimenticato di riferirmi.

Il veleno per topi è una delle cause di mortalità, soprattutto per i poveri cani randagi, ed ha una subdola particolarità….inizia a far manifestare i suoi esiti letali a distanza di diversi giorni dalla sua ingestione.
Quando la diagnosi è precoce esiste un antidoto che riesce a contrastare il veleno: però solo se non ha fatto danni irreparabili.

Sara, purtroppo, è arrivata in ambulatorio troppo tardi per essere salvata da me.

Imma Paone

Tag: , , , ,

65 Commenti a “Attenzione al veleno per topi!”

  1. cristina scrive:

    Amici degli animali, questo articolo della nostra bravissima veterinaria è molto importante.

    Tenetene conto! Buon Ferragosto e buone vacanze a tutti i …cofanetti lettori e redattori !

  2. Imma scrive:

    leggendo l’articolo ho rivissuto quel pomeriggio….ho riprovato la stessa angoscia di allora…
    ….terribile…
    mi auguro che questa piccola storia possa insegnare a dare più attenzione agli animali e soprattutto a render propria la “filosofia della prevenzione”…
    Buone vacanze a tutti coloro che, al contrario di me che sono ancora a lavoro, si stanno godendo un meritato relax!!!
    Imma

  3. cristina scrive:

    Lo so, cara, preziosa Imma, che tanto ti occupi dei nostri amici animali…
    Sono tutti in vacanza!!!!

    Consolati, io sono ancora in Olanda; dovevo andare una settimana in Russia ma per ora è tutto fermo! E, allora, si lavora! Sto preparando uno scoop molto importante….

    Per fortuna in Olanda non fa freddo!

    Allora ..riposati almeno a Ferragosto!

    Ciao ciao, Miao Miao – Bau Bau ( che era il titolo di una rubrica TELEVISIVA che tenevo un secolo fa, quando ero ancora MOLTO giovane…..)

  4. Imma scrive:

    ……………sei aempre giovane :-)
    buon lavoro a te allora!!!

  5. cristina scrive:

    Grazieeee!

  6. monica scrive:

    Terribile!!!! ma l’avvelenamento da topicidi non ha sintomi rivelatori? i padroni non hanno notato che Sara perdeva sangue? Io sarò stata forse troppo apprensiva con il mio Edgardo (e con tutti quelli che l’hanno preceduto e, spero, con quelli che seguiranno) ma ho sempre controllato in maniera scrupolosa tutte le loro deiezioni, i loro comportamenti ed alla minima variazione….chiamavo chi di dovere….Imma, purtroppo, lo sa!!! Possibile che non sia stato possibile intervenire prima ? E’ anche vero che non sempre si è a conoscenza dei vari pericoli in cui possono incorrere i nostri amici…tipo…la pianta della Chicas….l’ ho sentito dire in un programma televisivo… è velenosissima per i cani…non ne avevo idea….anche se…in maniera inconscia…ho sempre tenuto Edgardo lontano dalle Chicas di mia madre….ma per evitare che si pungesse….non che cercasse di mangiarle!!!! Le ASL ed i loro servizi veterinari dovrebbero provvedere ad informare i cittadini possessori di animali dei pericoli cui potrebbero incorrere….invece…lettera muta!!!! Sinceramente preferirei che, nei telegiornali, anzicchè sentire notizie di gossip e baggianate varie, stupida deriva a cui si stanno abbandonando i nostri TG nazionali, si pensasse a cose più serie…come alle campagne di sensibilizzazione contro l’abbandono o come poter difendere, appunto, i nostri compagni pelosi dalle insidie della vita cittadina. Che cosa ne pensate a proposito?….Personalmente….ho la mia veterinaria preferita….che è sempre disponibile….anche per richieste “umane” ma chi non ha questa fortuna? A chi si dovrebbe rivolgere?
    Ciao a tutti
    Monica

  7. imma scrive:

    purtroppo non tutti sono attenti e scrupolosi, ma è altrettanto vero che questo veleno è uno dei più subdoli che io conosca…la sintomatologia può iniziare anche molti giorni dopo l’ingestione del veleno depistando completamente il padrone ed il dottore……
    Mi piace l’idea di fare pubblicità in TV x migliorare il rapporto uomo-animali…con quella contro l’abbandono cmq abbiamo fatto notevoli passi avanti…
    un’altra cosa che mi piacerebbe è poter usufruire, anche x i nostri pet, di sconti particolari x i farmaci visto che da anni siamo obbligati a prescrivere prodotti veterinari che però hanno un costo più elevato…

    Avere un animale in famiglia è costoso e purtroppo non ci sono grosse agevolazioni…se si potesse fare qualcosa per migliorare le spese mediche veterinarie i padroni riuscirebbero a contattarmi prima, senza avere il terrore di spendere troppo!!!

  8. cristina scrive:

    Care Monica ed Imma,

    come avete ragione! Eppure il mondo animale fa parte del nostro più prezioso patrimonio…umano! Dovremmo muoverci sempre di più a livello stampa per portare avanti questo discorso; il Cofanetto Magico è solo una goccia in un mare immenso ..ma goccia per goccia prima o poi diventa una marea.

    Io ho insegnato il rispetto per gli animali ai miei figli: ricordo che il mio Alexander camminava in modo strano, ad una certa età; guardava per terra e si muoveva a balzi…E sapete perchè? Perchè non voleva pestare le formichine!!!! Allora ..mi sono chiesta se forse non avevo esagerato troppo nei miei insegnamenti….

    Mio figlio Christiaan di recente ha speso una somma esorbitante per fare operare all’ utero il suo coniglio e poi all’ occhio ( che gli hanno levato); per non contare i soldi spesi in medicine. Ebbene: il suo coniglio ha 8 anni, è vecchio, malandato ma lui non ci pensa nemmeno a lasciarlo soffrire o morire senza aver fatto di tutto ( anche economicamente) per salvarlo.

    Però, come dice Imma, le spese di medicinali (e anche di veterinario, qui in Olanda! Non so in Italia…) sono alte. Facciamo girare questo articolo, anche su facebook e vediamo di trovare tutti insieme delle soluzioni.

  9. monica scrive:

    In questo momento LARA stà soffrendo come Sara a suo tempo solo poche ore fà abbiamo scoperto che ha mangiato del veleno per topi .
    In questo momento i miei suoceri e il nostro veterinario stanno prodigandosi per far sì che Lara resti ancora con noi , ha solo 7 anni . Io e mio marito stiamo malissimo e io non riesco a togliere lo sguardo da Ully il mio cagnone groenlandese con me da 10 anni pensando alla sua compagna di giochi che stà lottando contro una fine inesorabile.

  10. maria cristina giongo scrive:

    Mi spiace tanto Monica per Lara. Purtroppo è terribile.

    Fammi sapere se riuscite a salvarla.

    Un abbraccio,

    Cristina

  11. Imma scrive:

    Sono fiduciosa…
    in realtà nella mia esperienza sono più i cagnolini che riescono a superare l’avvelenamento che quelli che nn ce la fanno…
    perciò PENSIAMO POSITIVO ( come diceva Jovanotti!!)..
    un bacio alla piccola Lara
    Imma

  12. maria cristina giongo scrive:

    Ha ragione Imma…..cara Monica:

    PENSIAMO POSITIVO!!!!!!

  13. vania brancato scrive:

    anke a me è successo lo scorso anno ma fortunatamente ce ne siamo resi conto subito e il mio veterinario è stato un grande …..senza avewrmi mandato in ospedale me lo ha salvato ……povera cagnolina mi dispiace molto ……..

  14. Imma scrive:

    sei stata fortunatissima…
    ultimamente dalle mie parti hanno riempito i giardini pubblici di questo maledetto veleno e purtroppo diversi cani l’hanno mangiato…qualcuno è stato fortunato come il tuo e l’ho potuto salvare, ma purtroppo proprio ieri mi è morto un piccolo barboncino arrivato da me troppo tardi..
    quello che mi domando è :”perchè continuare ad usare queste esche se addirittura i topi sono diventati furbi e nn le mangiano più?”

  15. trap2004 scrive:

    ho appena letto la storia della cagnolina Sara ed ho gli occhi lucidi.
    Lei deve eseere una persona nobilisssima e sensibilissima ; fortunato chi gode della sua vicinanza.
    Un trapiantato di fegato da 7 anni

  16. imma scrive:

    Grazie signor Trap..
    Sono semplicemente una persona che da piccolissima ha sempre avuto un rapporto speciale con tutti gli animali ( comprese mosche e formiche ).
    Mi vanto di aver pensato da piccolina di voler diventare un medico degli animali e di esserci riuscita da adulta..
    Un grande in bocca al lupo a lei che è altrettanto dolce e sensibile :-)
    Imma

  17. santina scrive:

    io ho un cagnolino da 3 mesi e me lo porto al lavoro qui ci sono topi e mi hanno detto che mettono il veleno io sto molto attenta ma ho sempre il terrore che lo mangi anche perche’ mette in bocca di tutto. volevo sapere ma come si presente il veleno per topi???

  18. Imma scrive:

    Purtroppo nn esiste un unico sintomo…qualche cane perde sangue dal naso, altri con le feci, altri ancora nn lo perdono affatto e magari si sta accumulando nello stomaco o nel polmone…
    La tristezza di questo veleno e’ proprio questa capacita’ di depistare le indagini…
    L’unico test affidabile e’ il profilo coagulativo che valuta l’allungamento dei tempi di coagulazione e l’unico antidoto da dare e’ la vitamina k..
    Se hai un dubbio fai subito fare il test, ma come prevenzione, abitua il tuo cagnolino a passeggiare con la museruola..
    Il veleno puoi nn riconoscerlo…qualche volta sono bustine rosate, altre volte sembrano caramelle, altre una polvere granulare rosa…anche questo rende più difficile il riconoscimento..
    Ti abbraccio
    Imma

  19. annalisa scrive:

    Ciao a tutti,
    il mio cane a luglio ha mangiato del veleno per topi, ce ne siamo accorti subito abbiamo fatto la cura, ho avvertito subito verbalmente la vigilessa del Comune e dopo una settimana le esche erano ancora lì, poi le abbiamo tolte. Noi un mese di cura ed è finita lì. Ora è successo di nuovo, tantissime esche disseminate per la via del mio paesino, il mio cane non penso che le abbia mangiate (si diventa paranoici dalla paura di perdere il proprio cane). Ho riferito di nuovo la cosa alla vigilessa la quale ha detto che lo sa, che ha fatto un sopralluogo con il sindaco e un medico asl il quale ha detto che non sono velenose per gli altri animali ma solo per i topi. Non ci credo nemmeno se lo sento personalmente, anzi a questo punto il sospetto è che sia proprio il comune a metterle. Ho scritto alla ditta produttrice che mi ha risposto velocemente con tanto di normative allegate confermando quello che sanno tutti su questi prodotti. A questo punto preparo una lettera che protocollerò al Comune avvisando che per le strade del Comune sono presenti esche per topi… ecc così rimane scritto perchè la voce poco conta. Chiedo di affiggere degli avvisi ai cittadini che dicano che è vietato … e che avvertano la popolazione delle vie interessate da questo grave problema. Che ne dite? Ho anche contattato l’asl per trovare questo famigerato veterinario che ha detto che sono prodotti non pericolosi per animali che non siano topi. Sono in attesa di risposta. Avete dei consigli?
    Non ho parole!!!!!!!!

    • Davide scrive:

      ciao Annalisa ho letto la tua disavventure, ti volevo chiedere in cosa consiste la cura che hai fatto al tuo cane? ho il sospetto che abbia mangiato anche lui il veleno per topi circa 1g residuo in un bustina ,il mio cane è un labrador di circa 50kg ho chiesto via internet è mi hanno detto che nn deve bere e dargli la vitamina K,dopo un giorno nn ha sintomi è sempre bello vispo, ti sarei grato di saperne di più grazie…

      • annalisa scrive:

        Ciao,
        allora.. io le ho dato il konakion fiale da 10 una al mattino e una alla sera per un mese però quando l’ho portata alla clinica subito dopo aver mangiato il veleno le hanno fatto subito due iniezioni non so dirti di cosa. I sintomi mi è stato detto che sono lenti anche 7 giorni e quando te ne accorgi spesso troppo tardi. Gli vengono delle emorragie interne e tu non ti accorgi di nulla per cui non c’è da scherzare. Ti consiglio vivamente di portarlo dal veterinario e magari fare un test per controllare i tempi di coagulazione.
        Ciao
        Anna

      • Imma scrive:

        Caro Davide,
        L’unico antidoto e’la vitamina K
        Se il tuo cane non vomita puoi somministrargli le compresse di TK 1 nella dose di 3 compresse mattina e sera per due giorni come dose di attacco ed una e mezza mattina e sera per i 20 giorni a seguire.
        Il profilo coagulativo devi farlo fare prima di iniziare la cura..
        Ti abbraccio
        Dr. Imma Paone

  20. Imma scrive:

    Cara Annalisa,
    il collega saprà sicuramente che il veleno è pericoloso per tutti gli animali e non solo per i topi, anzi, ti dirò di più, gli stessi topi, che non muoiono all’istante come avrai letto dal mio articolo, a loro volta diventano delle trappole viventi per animali cacciatori come gatti o grossi uccelli…

    E’ un pericoloso e terribile circolo vizioso.

    Per quanto io ne sappia è il comune a decidere di fare queste opere di derattizzazione, avvisando, con “stupisi manifesti” la popolazione della presenza di esche e, gentilmente, dell’uso dell’antidoto adatto…

    Piccolo problema: “gli animali non sanno leggere!!!”

    I padronali, con padroni attenti e scrupolosi, salvo imprevisti, riescono a salvarsi, ma i randagi???

    Terribile e macrabo solo il pensiero!

    Ed i bambini???

    cosa vieta loro di essere incuriositi da questa bustina color fragola, o peggio ancora dalle “caramelle” (perchè le ultime hanno questa forma ) disseminate lungo i muri, prenderle ed assaggiarle??
    Cosa succede se dovesse morire un bimbo per emorragia interna??

    Non oso nemmeno immaginarlo…

    Anch’io NON HO PAROLE!!!
    Imma

  21. Fiorenzo scrive:

    Purtroppo io son stato uno di quei sfortunati senza preavvisi sintomatici e con esito fatale.

    Cagnetta (ca 1 anno e mezzo, 26 kg) salvata un’anno prima dalla strada una sera non mangia, é calma. Misuro febbre, niente. La controllo poi tutto il tempo, niente vomito, niente feci, niente lamenti, ma un po’ irrequieta e cerca sempre di leccarsi il sedere. Penso abbia stitichezza o magari vermi (boh, si pensa di tutto, tranne a veleno). Decido di andare dal vet il gg dopo.

    Mi sveglio di mattina alle 9, stavolta io con febbre e mal di testa (che sfiga, eh), mi giro e vedo Goldie, la piccola, che dorme serenamente accanto a me. La carezzo, si muove normalmente, mi guarda, tutto sembra ok. Penso sia stato qualche piccolo malore, perciò mi rigiro e ritorno a dormire.

    Mi alzo verso le 1 (di domenica, e vai per la sfiga^2). Goldie coricata per terra, controllo, ma stavolta mi sembra un po’ abbattuta. Esce fuori (un po’ lenta, ma non barcollando) e fa i bisogni, tutto ok, feci un po’ dure ma normalissime di colore, urina limpida. Penso, magari veramente stitichezza. Beve, rientra e si corica, io misuro la febbre e lo spavento: oltre 41.

    Telefonata d’urgenza al vet (sempre disponibile), domande standard, incluso se metto esche per topi o se ho visto veleno in giro. No che sappia. É scappata? Non di recente, ma circa una settimana fa me l’ha fatta sotto gli occhi ed é ritornata circa 10 minuti dopo. Do subito dell’antibiotico (Keforal, piccola riserva per emergenze in casa). Dopodiché vomita l’acqua, limpida, ridò l’antibiotico, tiene. Vet dice di aspettare qualche oretta e poi rimisurare la febbre. Pensiamo a qualche bronchite o chissa che.

    Lei calma, dorme. Poi, nemmeno 2 ore dopo, mi muore entro nemmeno 10 minuti! Senza granché di spasmi, senza defecare, senza vomitare, senza uscita di altri liquidi o sangue. Provo con massaggio cardiaco, vet al telefono, mia sorella si precipita da me per portarla dal vet. Niente, troppo tardi. Vet al telefono perplessa (ed é una persona bravissima e capacissima).

    Esito dell’autopsia: emoraggia totale interna. Un mare di sangue. Portiamo anche un’altro cagnetto (stessa cucciolata salvata l’anno prima, in totale 5) scappato la settimana prima con Goldie per un test preventivo e ritorniamo con una borsa piena di fiale per tutti i casi. Giorno dopo, test OK.

    Comincia così una settimana di paranoia con i restanti 8 (vivono in casa di campagna con me). Martedì scappo dal vet perché il Collie non agguanta il biscotto al volo e mi sembra più calmo, e faccio il test (tutto OK). Prossimo infarto 2 gg dopo per un’altro meticcio che se la prende comoda sul divano, tutto OK… Tutt’oggi son sulle spine e sempre all’erta.

    Son arrivato all’unica soluzione viabile nel nostro (non tanto) Bel Paese (specialmente qui in Sicilia): grande terreno con attorno mura alte 3 metri, completamente fuori mano, con casa al centro e videosorveglianza dentro e fuori. Basta. Non se ne può più. Non si può correre per ogni piccolo malore dal vet per presunto avvelenamento.

    La mia vet mi ha detto che non potevo far niente, e che probabilmente già il giorno prima (quando non mangiò) era troppo tardi. Ma resta lo stesso quell’amaro in bocca, quel senso di colpa. Ora, trovando questa pagina, mi son rasserenato. Cara Imma, ti ringrazio di cuore per le tue preziosissime info!

    Fiorenzo

  22. Maria Cristina Giongo scrive:

    Caro Fiorenzo,

    grazie di aver condiviso questa ( sia pur triste) esperienza e di averci raccontato la tua storia. Mi spiace molto per te e per la tua povera cagnolina.

    Ringrazio Imma anch’io di aver trattato questo argomento su un tema che non credevo fosse tanto frequente.

    Spero che siano in tanti a leggerlo e che ci sia maggior attenzione su azioni tanto gravi.

    Cari saluti

    • Fiorenzo scrive:

      Grazie a te Maria Cristina.

      Altro che frequente il tema, almeno qui in Sicilia buttare esche avvelenate é sport regionale. Son arrivato a questa pagina perché oggi su FB ho parlato con un’amica vet (non la mia) del mio caso, e anche lei un po’ perplessa per come son accadute le cose. Perciò mi son messo a rovistare su Google e ho trovato qui l’informazione di Imma che purtroppo non tutti i cani avvelenati hanno uscite di sangue, e che anche per i vet é molto difficile con le diagnosi.

      Io qui abito in campagna (in affitto, altrimenti avrei fortificato tutto, ma dopo questo caso mi trasferisco), appiccicato al paese e al confine di un castagneto di 1 ettare, con boschi in vicinato. Solo una strada privata sale su e sotto c’é un cancello chiuso. MA, e adesso arriva il ma, naturalmente al solito i signori cacciatori hanno tagliato il recinto al terreno privato vicino e si divertono a sparare li. E naturalmente i miei cani tutti ad abbaiare. Dall’altro canto Goldie ed altri 3 scapparono 1 settimana prima in strada e son ritornati ca. 10 min. dopo (sono 5 meticci setter-pecorari che ho tolto dalla strada a circa 5-6 mesi, e che hanno un spiccato senso di libertà, riuscendo a trovare sempre il modo di fregarti e di scappare, cosa che é capitata un 5-6 volte da marzo scorso). E abbiamo toponi in giro che ogni tanto trovo nelle grinfie dei miei cuccioloni.

      Perciò 3 son le conclusioni: 1. un cacciatore seccato che i cani gli fan scappare i conigli mi ha buttato veleno dentro. 2. Goldie ha mangiato un’esca per la strada. In questio caso non penso proprio siano state messe per i topi, ma per i tanti (troppi!) randagini che ci sono in giro. 3. Goldie ha rosicchiato un topo avvelenato (penso meno, ci giocano ma non li ho visti mai mangiarseli).

      I miei cani vivono in casa e son liberi di uscire ed entrare. Ho messo su apposta un recinto interno attorno la casa, con un bel po di spazio per loro, ma sempre a vista. Di notte dormono dentro. Li tengo alla “svizzera”. E li controllo e li curo bene.

      Il problema di questi veleni é che uno che non ha mai avuto un’esperienza simile, come diavolo può sapere che il suo cane un po’ abbattuto ma senza altri sintomi tipo febbre, vomito, feci morbide con sangue, é già in fase finale di un’avvelenamento da topi?

      In questi casi il tuo cane ha solo possibilità di scampo se a) SAI che ha pescato del veleno e corri dal vet o b) si mette a sputare sangue e corri dal vet sperando che non sia troppo tardi, o c) se hai perso un’altro cane in questo modo e sei “preparato”, e ogni volta che un tuo cucciolone si sente un po’ più relaxed o sta un po’ male, cominci a controllare gengive e resto, e ti precipiti dal vet anche qui sperando che sei ancora in tempo. Perché naturalmente, quanto vedi dei sintomi può esser già troppo tardi.

      Ho raccontato la mia storia sia come avviso per i lettori, sia come conferma delle info di Imma in cui scrive che talvolta i sintomi scarseggiano, e anche come difesa di un proprietario che malgrado tutte le precauzioni non é riuscito per mancanza di esperienza e sintomi più chiari a reagire in tempo.

      Grazie ancora e buona notte, Maria Cristina!

  23. Imma scrive:

    Grazie a te Fiorenzo, il tuo racconto è così vero e toccante..
    Mi dispiace tanto..
    Nemmeno una settimana fà mi è morto avvelenato un cucciolone di sette mesi, scappato per una marachella e ritornato già “strano” dal suo padrone il giorno dopo.
    Inutile raccontarti la mia frustrazione quando mi è morto tra le mani dopo l’ennesimo, inutile, massaggio cardiaco e ventilazione forzata.

    Basta…sono stanca di vedere queste povere bestiole morire in questa maniera orrenda!!

    • Fiorenzo scrive:

      Cara Imma

      Meriti tutti i ringraziamenti più sinceri, perché le tue preziosissime info sono vero balsamo sulle ferite di persone come me amanti dei loro compagni pelosi che vedono morire i loro cuccioli in questo modo e che poi non riescono a darsi pace per non aver capito e reagito in tempo… anche se c’é poco da capire, non potendo uno correre dal vet per ogni piccolezza.

      Capisco il tuo stato d’animo per la perdita del cucciolotto. La mia vet é anche sensibilissima (a parte capacissima e disponibilissima e amante degli animali che cura – mi son voluti 2 anni per trovare un vet bravo qui sotto, dopo essermi trasferito dalla Svizzera) e soffre moltissimo, ogni volta che perde un paziente.

      In un caso simile al tuo ero presente io con un mio collie, quando alla mia vet le morì un bellissimo gattone bianco tra le mani che lei aveva castrato qualche giorno fa ed era li per un controllo perché strano e “svogliato”. Sto gatto ad un tratto divenne una furia, gridò come un matto e morì in un batter d’occhio. Lei incredula, i proprietari impietriti, e io avendo qualche settimana prima perso allo stesso modo per avvelenamento dei gattini di strada che accudivo, subito dissi “é stato avvelenato!”. Tutti mi guardarono ancora sotto shock. Ed effettivamente in quel condominio furono avvelenati un sacco di gatti. I proprietari e anche la vet pensarono che stesse male per via dell’operazione, ed invece…

      Son rimpatriato dalla Svizzera in Sicilia per motivi familiari. Se non avessi le mie ormai 9 belve (l’ultima arrivata é una Collie abbandonata e malata di Les e malattia di zecche, l’ho adottata questo giovedì) e 6 (+5 ancora da trasferire) tigrotti, avrei preso il primo aereo e sarei ripartito. Ti posso dire che son stanco anch’io, Imma. Non ne posso più. Ne adotti uno e svoltando l’angolo te ne ritrovi altri 100. Li guardi e sai che non puoi far niente, perché dietro questi 100 ne hai altri 100 e dietro quelli hai l’ignoranza che ne produce altri 100, e non c’é una sola istituzione che funzioni. :(

      I miei più cari saluti!

  24. Maria Cristina Giongo scrive:

    Caro Fiorenzo,

    non pensavo che il problema fosse di così ampie dimensioni.

    E mi sconvolge la cattiveria verso i poveri animali che fanno parte del meraviglioso mistero della natura e che l’uomo dovrebbe amare ( come loro lo amano).

    Però non farti prendere da sensi di colpa se non hai riconosciuto i sintomi da avvelenamento. Non è colpa tua.

    Ringrazio tutti di aver scritto su questo post e prometto che cercherò di diffonderlo per avvertire più persone in modo che ci sia anche un maggior controllo.

    Imma sta preparando altri interessanti articoli che aiuteranno gli animali e i loro padroni.

    Certamente il ruolo del veterinario è importante. Qui da noi, in Olanda, purtroppo sono carissimi… per cui a volte i padroni aspettano a farli visitare. Altri si levano letteralmente il pane di bocca per curarli e accudire a loro.

    Mio figlio ha fatto operare il suo coniglio due volte, altrimenti sarebbe morto. Ha speso 600 euro! Quando è stato criticato da parecchie persone ha risposto: “mia madre mi ha insegnato a rispettare la natura”e io non lo lascio morire. Quei soldi li aveva guadagnati con molta fatica e lavoro extra.
    Però la sua mamma…..gli ha insegnato anche ad aiutare le PERSONE bisognose, te lo assicuro. Rammento quando i miei bimbi fecero la Comunione, una parte dei loro regali e dei soldini ricevuti li demmo ad una parrocchia per aiutare i bambini meno fortunati.

    Quello che voglio dire è che tutti vanno curati e sostenuti; uomini e animali, che fanno parte di questo creato. E soprattutto i più deboli. Uccidere un uomo è terribile; staccare la zampa ad un gattino, solo per “divertirsi”, pure. Chi fa queste azioni è un mostro.

    Ora il coniglio di mio figlio ha 9 anni, non ha l’utero e neanche gli occhi (persi per un glaucoma) ma sta benone; guarda la tv con lui sul divano, gira per casa tranquillamente.

    Amiamolo questo nostro creato e amiamoci fra di noi! Non è questo il miglior insegnamento per essere felici pure noi?

    Grazie anche a te per quello che fai per gli animali!

    Buona giornata!

    • Fiorenzo scrive:

      Cara Maria Cristina

      Se non avessi scritto che abitavi in Olanda, avrei chiesto io dove hai le tue tende, dato che in Italia e specialmente al Sud, randagismo, canili lager, avvelenamenti, maltrattamenti e uccisioni di animali domestici sono all’ordine del giorno (meglio dire del minuto). Siamo in emergenza costante e non funziona niente, malgrado sulla carta abbiamo leggi molto severe e all’avanguardia e lo stato stanzia miliardi all’anno per combattere questo fenomeno.

      Vedi che anche in Italia le spese veterinarie non son da poco, e devo dire che talvolta casco dalle nuvole, vedendo prezzi anche molto più alti dei servizi svizzeri. Trovare un veterinario bravo, capace e disponibile é quasi come un avincita al lotto. E se capita qualcosa di notte fonda sei perso.

      Solitamente chi aiuta gli animali aiuta anche le persone. É semplicemente una questione di rispetto, di cuore e di carattere. Chi accusa noi amanti di animali di esagerare, mentre in Africa muoiono bambini di fame, é solitamente il noto ignorante che spalanca la boccaccia, ma che non fa né l’uno, né l’altro.

      L’hai educato molto bene tuo figlio, e anche lui ha un carattere molto nobile (l’educazione sola non serve a niente, se dall’altra parte manca la disponibilità). Così dev’essere. Chapeau a tutti e due :)

      Si, un bell’articolo bene in vista e comprensibile specialmente sugli avvelenamenti “traditori” con pochi sintomi (gli altri son chiari, se il cane vomita sangue o gli prende una crisi, ognuno scappa subito dal vet) non sarebbe male, anche se in fin dei conti c’é. Magari si potrebbe solamente completare con qualche consiglio extra, tipo il check delle mucosi e gengive e occhi (a quello che io per esempio non ho pensato), ed il non affidarsi solo alle feci ed al vomito e alla febbre.

      Buona giornata anche te!

      • maria cristina giongo scrive:

        Grazie, caro Fiorenzo! Mio figlio adora gli animali! Ne ha sempre avuto un gran rispetto.

        Infatti ora vende gabbie per cani, conigli, e tante altre cose utili Soltanto per rimanere nel campo.

        I veterinari in Olanda sono bravi ma, ripeto, cari; per un consulto chiedono 60 euro ( per dieci minuti).

        Di persone come Imma ce ne sono poche. Lei non pensa al denaro ma ai suoi ” pazienti”e ai loro padroni!

        Grazie per i consigli che hai aggiunto! Ciao, ciao!

  25. Maria Cristina Giongo scrive:

    Ultima notizia: purtroppo è morto a Verona un cavallo bellissimo, famoso per la sua “intelligenza” e personalità, durante una gara: si tratta di Hickstead, nato nel 1996 a Maren-Kessel, in Olanda. Un vero campione. Nel 2008 aveva vinto i giochi olimpici di Hong Kong con il suo padrone, il canadese Eric Lamaze. La sua morte ( forse per un infarto) ripresa in diretta ha suscitato molte polemiche per la mancanza di sensibilità con cui sono state mostrate le immagini della sua agonia. Prima di morire ha voluto donare al pubblico l’ultimo suo salto.

  26. cami scrive:

    è successo anche a me stamattina il mio cane sem a caccia con mio paapa ha mangiato del veleno

  27. Imma scrive:

    Se è tempestiva la cura ha ottime possibilità di successo…
    In bocca al lupo e facci sapere!!
    Imma

  28. Stella scrive:

    ciao , volevo chiederti una cosa il mio cane aveva in bocca una bustina di veleno per i topi però nn l’ha mangiata , e dopo un po sn riuscita a toglierla dalla sua bocca … mica rischia di morire ?

  29. Imma scrive:

    Ciao Stella,
    in teoria se la bustina è rimasta integra e siamo certissimi di averla tolta tutta dalla bocca del tuo cane, non c’è rischio..ma, visto che l’antidoto è una vitamina, io, per sicurezza,la darei!
    Un abbraccio
    Imma

    • lisa scrive:

      ciao Imma, chiedo il tuo aiuto perché sono molto preoccupata per il mio cagnolino. ha 12 anni. i suoi sintomi sono iniziati ieri sera, quando ha rifiutato di mangiare e le sue feci erano molli e con gocce di sangue. nella notte nessun disturbo, ma poi questa mattina portandolo fuori, oltre alle feci liquide, ha avuto diverse tappe in cui al posto delle feci c’erano solo fuoriuscite di gocce e piccoli spruzzi di sangue. oltre a questo sempre in mattinata un episodio di vomito giallastro, ma di minime dimensioni. ho chiesto consiglio ad un amico esperto di cani, ma non è un veterinario. mi ha consigliato di dargli una compressa di stomargyl per dieci giorni, pensando ad una gastroenterite. oggi pomeriggio gli ho dato la prima ed è a digiuno da ieri a pranzo, visto che ieri sera ha rifiutato il cibo e oggi non gliene ho dato. il cane apparentemente sta bene,solo un pò di affaticamento nel salire le scale, ma che questa sera sembra già passato.. questa sera le feci erano ancora liquide e qualche goccia di sangue, ma nessuna fuoriuscita di sangue successiva. ha fame, vorrebbe mangiare, ma lo sto tenendo un pò a digiuno come mi hanno consigliato. la mia paura però è che si tratti di avvelenamento da anticoagulante per topi perché ho letto poco fa che può causare diarrea emorragica e sono preoccupatissima. spero davvero in una tua risposta e ti ringrazio anticipatamente. lisa

  30. ANTONELLA scrive:

    CARA IMMA,
    SEI UNA VETERINARIA GIUSTO? E QUINDI CHI MEGLIO DI TE PUò AIUTARMI???
    IL MIO PASTORE TEDESCO(UN TROVATELLO DI 5ANNI EMMEZZO) HA MANGIATO DEL VELENO X TOPI O COSì CREDIAMO VISTO CHE DA QUALCHE GIORNO NON MANGIA E MIO PADRE GLI HA TROVATO DEL SANGUE NELLE URINE…
    HO LETTO CHE UN RIMEDIO è LA VITAMINA K.
    NN SAPPIAMO QUANTO TEMPO Fà ABBIA MANGIATO QUESTO VELENO SEMPRE CHE SI TRATTI DI VELENO X TOPI……E NN SAPPIAMO CHE FARE!SIAMO DISPERATI….
    QUAL’è IL RIMEDIO IMMEDIATO E PIù RAPIDO X SALVARE DEN???
    HO LETTO TUTTE LE STORIE DI QUESTO FORUM E MI SONO PREOCCUPATA ANCORA DI +!
    COSA FACCIAMO ADESSO VISTO CHE NN SAPPIAMO NEANCHE CHE ABBIA?DEN(IL MIO CANE)è MENO ALLEGRO E VIVACE DEL SOLITO…NN MANGIA…BEVE POCO E CORRE DI MENO DEL SOLITO…SEMBRA COME SE FOSSE STANCO…E POI QUIESTA STORIA DEL SANGUE NELLE URINE…NON CI VOLEVA PROPRIO….
    QUAL’è LA SOLUZIONE IMMEDIATA DA PRENDEREXCURARLO?VITAMINA K?o iniezioni di antiemorragico? o faccio quello che hai consigliato sopra a davide??inoltre non mi sembra che abbia vomitato finora….considera anke questa cosa….e ti prego fammi sapere cosa fare!!!è urgente grazie e augurixnatale

    • Imma scrive:

      Cara Antonella,
      dovresti far fare con urgenza dal tuo veterinario:
      1) un profilo coagulativo per capire se i tempi di coagulazione sono aumentati ( ed in tal caso è avvelenato )
      2) un esame delle urine x capire se c’è una cistite
      3) un esame del sangue per escludere malattie infettive che causano calo delle piastrine e perciò anche emorragia.
      Questo sarebbe il minimo di iter ideale.
      Se ci sono problemi di qualunque tipo inizia a dargli la vitamina k (TK1 nelle dosi giuste x veleno) ed un antibiotico ad ampio spettro.
      Un bacio e fammi sapere!
      Imma

  31. lisa scrive:

    ciao Imma, chiedo il tuo aiuto perché sono molto preoccupata per il mio cagnolino. ha 12 anni. i suoi sintomi sono iniziati ieri sera, quando ha rifiutato di mangiare e le sue feci erano molli e con gocce di sangue. nella notte nessun disturbo, ma poi questa mattina portandolo fuori, oltre alle feci liquide, ha avuto diverse tappe in cui al posto delle feci c’erano solo fuoriuscite di gocce e piccoli spruzzi di sangue. oltre a questo sempre in mattinata un episodio di vomito giallastro, ma di minime dimensioni. ho chiesto consiglio ad un amico esperto di cani, ma non è un veterinario. mi ha consigliato di dargli una compressa di stomargyl per dieci giorni, pensando ad una gastroenterite. oggi pomeriggio gli ho dato la prima ed è a digiuno da ieri a pranzo, visto che ieri sera ha rifiutato il cibo e oggi non gliene ho dato. il cane apparentemente sta bene,solo un pò di affaticamento nel salire le scale, ma che questa sera sembra già passato.. questa sera le feci erano ancora liquide e qualche goccia di sangue, ma nessuna fuoriuscita di sangue successiva. ha fame, vorrebbe mangiare, ma lo sto tenendo un pò a digiuno come mi hanno consigliato. la mia paura però è che si tratti di avvelenamento da anticoagulante per topi perché ho letto poco fa che può causare diarrea emorragica e sono preoccupatissima. spero davvero in una tua risposta e ti ringrazio anticipatamente. lisa

  32. Imma scrive:

    cara Lisa,
    non è detto che se vedi diarrea con sangue il cane debba rigorosamente esser avvelenato..
    Le cause di diarrea sono tante e perciò, prima di iniziare qualsiasi tentativo farmaceutico senza conoscere il motivo, sarebbe utile fare una visita clinica ed un prelievo di sangue..se necessario vanno fatte anche radiografie ed ecografie, ma sarà il tuo veterinario a decidere..
    mi dispiace ma nn riesco ad aiutarti senza nessun dato clinico..
    Considera anche che a 12 anni il tuo cane potrebbe avere anche un tumore e solo un’eco ed una radiografia potrebbero svelare.
    aspetto notizie.
    imma

  33. lisa scrive:

    ti ringrazio moltissimo per la tua disponibilità. lo porterò sicuramente dal veterinario, anche perchè poco fa mi sono accorta che ha gocce di sangue anche nelle urine. grazie ancora e spero davvero che non sia niente di grave. lisa

  34. imma scrive:

    In bocca al lupo!!
    Imma

  35. maya scrive:

    abbiamo messo del topicida in polvere nella costruzione in pietra di fronte al trullo,era letteralmente invasa dai ratti,abbiamo 5 cani e ovviamente abbiamo chiuso tutto.questo è successo più di un mese fa,nel frattempo è arrivato un gatto in condizioni pietose,giovanissimo(max tre settimane di vita),si è ripreso e oggi ha preso il primo topo,non siamo riusciti a toglierlo dalla sua bocca,il nostro timore è che i topi riescano ad entrare ed uscire dalla costruzione in pietra in cui abbiamo messo il topicida e che il gatto abbia mangiato il topo avvelenato.domanda:quanto tempo è attivo il veleno?

    • Imma scrive:

      Cara Maya, purtroppo non saprei risponderti in modo preciso, ma temo che il veleno resti attivo x molto…
      ovviamente sono pericolosi i topini stessi che potrebbero aver ingerito il veleno..
      posso consigliarti solo di iniziare la cura con la vitamina k al gatto, per evitare spiacevoli inconvenienti.
      un grande in bocca al lupo
      un abbraccio
      imma paone

  36. roberto scrive:

    salve gentilissima imma, ho un rottwailer di 6 anni e un volpino di 17, domenica pomeriggio giochevamo insieme sino a sera ed erano tutti e due in gran forma, tranne il rottwailer un po’ dimagrito ultimamente…
    lunedi mattina il rottwailer aveva bava alla bocca e quasi non si reggeva in piedi non mangiava e non beveva vomitava e basta, scappo dal veterinario…
    mille domande cosa puo eseere cosa non puo essere, facciamo subito gli analisi del sangue, arrivato verso le 13 mi chaima mio padre dicendomi che il volpino stava nello stesso modo… scappiamo a prendere il volpino e lo portiamo anche lui dal veterinario…
    gli analisi dicono che c’e un’infezione, ci sono i globuli bianche altissimi, allora torniamo a casa e aspettiamo la mattina dopo per comprare le fiale e riportare i cani dal dottore,
    la mattina troviamo il giardino con grandi chiazza di sangue da per tutto un po vomitate e un po uscite dal sedere…

    allora questa mattina vado in farmacia e compro le fiale per le punture tra cui antidoto per topi come ha detto il veterinario…
    prime punture stamattina a tutti e due i cani e altre punture oggi pomeriggio, domani mattina di nuovo…

    i cani stanno entrambi malissimo, abbatutti e senza forze… il sangue per fortuna sino ad adesso non ne hanno perso piu..

    cara imma ho solo una domanda molto esplicità da farti… quante possibilità hanno di salvarsi?
    attendo una tua risposta al piu’ presto
    saluti
    roberto

  37. Imma scrive:

    Caro Roberto,
    è un pò complicato risponderti.

    La sopravvivenza dei cagnetti dipende da tante cose e soprattutto dal tipo di terapia che fai.

    Se i cani non mangiano va integrata una terapia endovenosa reidratante e meglio ancora un’alimentazione forzata col sondino naso-gastrico..
    Se dall’emocromo si vede che ematocrito e globuli rossi sono molto molto bassi, va fatta una trasfusione di sangue (senza perdere altro tempo).
    Io personalmente l’antidoto per il veleno non lo somministro mai sottocute perchè è piuttosto irritante (brucia ed il povero cane ha dolore) e perciò preferisco somministrarlo in vena, mentre se i cani riescono a mangiare c’è un ottimo prodotto in compresse.

    E’ importante calcolare bene la dose del farmaco e fare la terapia per 3 settimane, altrimenti rischi un insuccesso.
    Ovviamente vanno integrati tutti i farmaci di supporto ( protezione gastrica, anti emetici, regolatori della mobilità intestinale,fermenti lattici se mangiano, ecc)

    In bocca al lupo
    Imma

    • Roberto scrive:

      Allora il volpino questa notte purtroppo ci ha lasciato, continuava a perdere sangue nonostante le tante pinture… Io non vorrei essere cattivo ma il dottore ci colpa un Po, Xke dopo tutto il sangue che aveva perso almeno poteva tentare con una trasfusione, invece niente… Neanche l’ha nominata…

      Mentre il rottwailer, ha reagito subito alla terapia, e non sanguina piu già da ieri, non vomita neanche piu, l’unica cosa che e’ sempre moscio moscio con poche forze, e quasi sempre sdraiato, si alza solo per bere… E se non gli tolgo io l’acqua e capace di bere anche un secchio di 5 litri.. E’ normale??
      Per il mangiare il dottore mi ha detto di cominciare oggi con poche dosi… Ma niente non ne vuole sapere di mangiate ormai e da lunedì che sta a digiuno..
      Per il resto sembra un po’ migliorato ma ho ancora paura..
      Dici che questi miglioramenti sono un buon segno ed e’ fuori pericolo oppure c’è sempre la possibilita’ che mi possa lasciare da un momento all’altro?
      La terapia sta continuando domani devo ritornare la stiamo facendo due volte al giorno e stiamo usando: Amplital – baytril- konation

      Ti ringrazio per la tua gentilezza e disponibilità.

      • Maria Cristina Giongo scrive:

        Mi spiace, caro Roberto, per la morte del tuo volpino e spero che l’altro cagnolone si salvi.

        Sono contenta che la bravissima Imma abbia concentrato l’ attenzione dei lettori sui veleni per i topi, tanto pericolosi. Andrebbero proibiti, secondo me.

        La risposta di Imma inoltre è stata molto saggia e posso capire che sia un veterinario che un medico non possano dire, A DISTANZA, se un animale o un essere umano molto malato possa salvarsi. Sarebbe necessario poterlo visitare.

        Per cui abbi fiducia nel tuo veterinario e speriamo in bene …..

  38. imma scrive:

    Caro Roberto,
    continua così e non demordere…chiedi solo al collega di fare un emocromo ed un profilo coagulativo per conoscere se i valori si stanno normalizzando..
    In bocca al lupo.
    Imma

  39. jary scrive:

    ciao a tutti sono jary, io ho un labrador di 3 mesi, andando a giocare dietro alla legna ha trovato una bustina di veleno dei topi e l’ha mangiata,, perpiacere mi dite cosa devo fare ?

    • Imma scrive:

      Ciao Jary devi urgentemente iniziare l’antidoto ( vit K )alle dosi giuste..
      Ti consiglio di portarlo dal tuo veterinario di fiducia che instaurerà per lui una terapia di sostegno!
      In bocca al lupo!

  40. luisella scrive:

    anche al nostro Paul cucciolo di tre anni è successo di mangiare il veleno ma quello per i colombi ….per noi della famiglia è stato terribile ha lasciato un vuoto enorme …purtroppo era un cucciolo che rosicchiava tutto anche i fili del cancello automatico …plastica …tutto quello che trovava e il veleno per i colombi penso che sia stato anche peggio di quello per i topi perchè è immediato …non si puo’ usare nessun rimedio ….almeno a me hanno detto così ….

  41. susy scrive:

    Io da piccola raccoglievo il veleno per topi. Era azzirro e a forma di rombo. Perfotuna mia madre mi teneva sempre gli occhi puntati addosso, ma avrei tranquillamente potuto mangiarlo. E tutti questi rischi pee la stupida paura di esserini che raramente decidono di abitare con te

    • Imma scrive:

      Questo e’ cio che temo anchío…
      ultimamente ho visto veleni per topi a forma di carinissima caramella rosa, che potrebbe tranquillamente sembrare alla fragola…
      E se un giorno la mettesse in bocca un bambino??
      Cosa potrebbe succedere?
      Ed i dottori riuscirebbero a diagnosticarla?
      Temo di NO!!

      L’ideale sarebbe qualche gatto in piu’ in citta che potrebbe tener lontano i topi e soprattutto piu’pulizia delle strade!!
      Imma

  42. Chico11 scrive:

    Ciao imma il mio cane(un cucciolo di chihuahua di tre mesi)ieri pensiamo che scoprendo un topo passeggiare in veranda…(abito in complesso che prima era campagna…e un po’ di campagna è rimasta ed è propio di fronte la mia veranda a piano terra e anche se è rialzato il piano e quindi la mia veranda e alta i topi riescono a salire….e prima di avere questo cucciolo…avevo messe delle esche…pensando che fossero state mangiate tutte e invece no) con una esca in bocca che vedendo il cane e sentendolo abbaiare a ha lasciato l esca il
    Mio cane la addentata e non sappiamo quando ne abbia ingerito e se lo ha ingerito cmq presi di spavento siamo riusciti a portarlo subito nel giro di manco 10 minuti in una clinica vet sotto casa con tutto che era domenica….il vet ha ftt subito un po’ di flebo…vitamine…carnirina cmq un liquido rosso(se non sbaglio si chiamasse rossovet) e poi la vitamina k il korakion….questo alle 13 e mezza circa…poi il vet ha ripetuto qst terapia alle 7 e poi mi ha ho ftt un altra puntura di vit k a mezzanotte….il mio cane cmq non mostra segni…non ha sangue nelle feci…la cacca è compatta come al solito e l urina al massimo è un po’ concentrata(penso x i farmaci) inoltre non ha anemia nelle mucose…inftt tutto questo è stato confermato dal vet…cmq x oggi dovrà riprendere la vitamina k tramite puntura…il mio cane è un po’ stressato e depresso xk non ha un buon feeling con il vet e gli aghi xrò con tutto che è un po’ abbattuto quando sente il rumore dei croccantini drizza le orecchie cm sempre…. cmq volevo chiederti imma quando il mio cagnolino lo posso dichiarare fuori pericolo? E il mio cabe può risentire di questa terapia…? Speriamo bene intanto e qui in abbraccio e cn oggi fa 17 giorni che è entrato in famiglia…aspetto una tua risp ciao.

  43. Imma scrive:

    Ciao chicco
    Io, se il cane nn ha problemi di vomito, ti consiglio di fargli assumere la vit k x via orale..
    Ci sono delle compresse che si chiamano tk1 da somministrare alla dose di 5 mg/ kg matt e sera x due giorni e poi di 2,5 mg/ kg per tre settimane..
    È ottimo ma hai bisogno della prescrizione del tuo vet e dei dosaggi giusti in base al peso del tuo cane..
    Dopo tre sett puoi considerare tutta la brutta esperienza finita.
    Ti abbraccio
    Imma

  44. Chico11 scrive:

    Grazie imma…il mio cane come già detto non ha sintomi di avvelenamento….e cmq sto già dando sotto ricetta del vet la vit k oralmente però in fiala…2 al giorno fino a sabato….in più anche dei fermenti lattici….il ftt é qst vet a cui mi sono rivolto non è quello di fiducia cioè vado di solito xk mi sono ritrovato in una stato di emergenza…il ftt e che qst sett il mio cane doveva fare il vaccino che ovviamente dovrà essere rimandato così ho chiamato il vet di fiducia x spiegare la situazione e mi ha detto che il xk il cane non l’hanno fatto vomitare?(l’esca era quasi tutta intera non sappiamo se effettivamente l abbia ingerita) altra cosa mi ha detto che 2 fiale orali sono troppe…al giorno e ne basta mezza…in più ha detto che qst vitamina la devo allungare fino a martedì xk i sintomi possono esserci anche dopo 8 giorni…e si possono anche non vedere a maggior ragione se è al livello polmonare……ma mi ha detto di star tranquillo anche visto che stiamo dando l’antidoto……il ftt e che ora non so chi seguire dei due vet e in più visto che tu mi dici che devo aspettare addirittura 3 sett….quindi può essere che se non gli do più vit k1 dopo 10 giorno il cane rischia lo stesso? Ricordo che il mio cane ha 3 mesi e pesa intorno ai 700 grammi e non sappiamo se veramente l abbia ingerito e che cmq è una piccola parte…e nel giro di 10 minuti da quando ho tolto l esca dalla bocca è stato portata dal vet. Con flebo e 1puntura rossovet e 3 punture di vit k1 a distanza di 5 ore….e l indomani stessa terapia con una puntura in meno di vit k….proseguendo fino ad oggi sempre con la k via orale…ora ti chiedo mi potresti fare tu una delucidazione…di sta situazione? Il mio cane potrebbe cominciare a star male anche dopo giorni? E a chi dei due vet dovrei seguire? È rischioso vaccinarlo adesso?

  45. Massimiliano scrive:

    Ciao.
    Oggi ho portato il mio Lemmy (beagle di 4 mesi e mezzo) dal Veterinario per un controllo visto che sembra aver ingoiato un’esca per topi di quelle in sacchetto, ieri sera verso le 11.
    Il Veterinario mi ha prescritto la TK1 e mi ha detto di incominciare pure sta sera la cura che è meglio, prima che compaiano gli eventuali sintomi e che comunque, nel caso non avesse ingoiato proprio niente, sono vitamine e non gli farebbero male lo stesso.
    Mi reco quindi in farmacia ma mi dicono che i sono tre tipi di TK1: 8 compresse da 134 mg / 64 compresse da 22 mg / compresse come integratore. Il veterinario non ha messo i grammi della compressa, ma mi ha specificato che “con un paio di confezioni dovrei cavarmela”. Mi ha prescritto una compressa al giorno per 2 settimane. Il mio Lemmy pesa 12,4 kg e penso che quanto mi ha prescritto siano proprio quelle da 8 (uno perché 8+8 fa 16 e quindi due settimane o poco più e due perche me ne ha prescritta 1 sola al giorno infatti se, leggendo il post prima ne servono 5 mg ogni Kg al mio cane dovrebbero servirne esattamente 62 mg).
    Ho preso allora 2 scatole di quelle da 8.
    Il mio dubbio è: siccome 1 capsula di quelle contiene 134 mg, non è un po’ troppo visto che è il doppio? oppure essendo delle vitamine gli farebbero solo bene?
    Purtroppo la veterinaria posso risentirla solo domani e non volevo aspettare domani a partire con la terapia. Secondo te mi conviene partire con una capsula sta sera da 134 mg e domani accertarmi che vada bene oppure attendere domani e confermare con la veterinaria?
    Ringrazio
    Max

  46. govanni scrive:

    ciao!!!imma purtroppo la mia labrador greta ha ingerito mi auguro solo 2 pasticche (pasta per topi della linfa conf da 500 gr) ho chiamato il mio veterinario è mi ha detto di provacare il vomito immediatamente con acqua ossigenata ed infatti subito dopo ha vomitato le due pasticche una intera e l altra per meta (per fortuna l altra meta o quasi era a terra )gli ho fatto una puntura di tranex e glio ho fatto per intramuscolo la vitamina k da mg/ml Konakion….devo continuare per molti giorni o cosa mi consigli di fare? ti prego rispondimi……..(ha vomitato molto anche il mangiare della sera prima)lei sta bene ma ho molta paura!!!!!grazie

  47. cartini salvatore scrive:

    Sapete cosa penso , e parlo da derattizzatore che finalmente in italia habbiamo un sistema per evitare di usare questi maledetti veleni , ma nessuno e dico nessuno dei veterinari che conosco , chiaramente quelli comunali promuovono il sistema.VABBE.

  48. Maria Cristina Giongo scrive:

    Ce lo racconti lei quale è il sistema, se vuole.
    Grazie!

  49. marty scrive:

    Salve oggi la mia coniglia nana ha mangiato del veleno per topi l’ho portata subito dal Veterinario che le ha fatto un iniezione di vitamina k e devo farle un iniezione ogni 8 ore per 5 giorni. Secondo voi starà bene?

Lascia un Commento