“Geennaio” (una poesia di Pietro Pancamo)

fantasy-2925250_640

 

Cari amici de «Il Cofanetto Magico»,
che dire per commentare a dovere la poesia che propongo quest’oggi? Beh, ad esempio, che a leggerla con attenzione, si rivela composta di tanti giochi di parole. Ma tanti per davvero! Ecco, li vedete? Si sovrappongono l’un l’altro, come fiocchi di neve senza posa e senza fine, perché son decisi a dimostrare, o così credo, che il più crudele dei mesi non è per niente aprile.


 

winter-2959849_640

 

GEENNAIO

Fra le sTorture della vita
e un dio alquanto crucco
che di nome fa Jave’
(perché spesso ti minaccia:
«Ce l’ho tanto, sì, con te;
bada, ve’, che ti rovino!
Ed anche subito magari…»),
bolge al temine si spera
–nossignore, no!, all’inizio
(pure questa ci mancava!)–
il fosco mese di Geennaio
ahi! dannato come il gelo
che nell’arco dei millenni
ha cocìto e ricocìto
quelle brecce che s’aprivano
nel ghiaccio dell’inferno.

Battute a precipizio
dalla neve furibonda,
le strade d’alta quota
–strappi nella roccia,
gobbi e frastagliati:
(s)tortuosi come crepe–
s’attutiscono pian piano
e s’ottundono perfino.

Così una meta che ti spinga
l’hai persa senz’appello
e un po’ per stizza, un po’ per sempre
(mentre il saggio ti rivela:
«I vecchi, è arcinoto,
han più ricordi che speranze»)
la tua ultima preghiera
si dà le arie di bestemmia:
«Mi resti solo Tu
che mi hai tolto proprio tutto».

Pietro Pancamo
CHI SONO

 
 
 
 

Avvertenze:
• Tutti i diritti, relativi ai documenti, agli articoli, alle poesie, ai racconti e alle immagini che costituiscono questo post, appartengono ai legittimi proprietari.

• Alcune fotografie sono state scaricate mediante un programma automatico di download e si ignora pertanto se siano coperte o no da un copyright; ovviamente, su richiesta degli eventuali detentori di quest’ultimo, si procederebbe subito a rimuoverle.

• Prohibited the dissemination of text and photos without permission and without citing the author and source of information.

Tags: , , , , ,

8 Responses to ““Geennaio” (una poesia di Pietro Pancamo)”

  1. Marisa G. scrive:

    Innanzi tutto mi scuso se da qualche tempo ho avuto dei problemi con il computer. Questa poesia che solo oggi ho potuto leggere mi è piaciuta molto sia per la forma, ma soprattutto per quello che riesce ad esprimere con questi giochi di parole che richiamano il continuo variare dei nostri sentimenti. Grazie!

  2. laura mariateresa scrive:

    Speriamo che dopo il gelido e crudele GENNAIO i mesi successivi siano un crescendo di ottimismo così come dalle bolge dantesche si arriva al paradiso.

  3. laura mariateresa scrive:

    febbrauio

  4. mariateresadegiorgis scrive:

    “Inverno
    Lenta stagione
    La sola vera.
    Le altre,fiorite,un sogno”

  5. Cristiano scrive:

    Freddo senza fine…

  6. Nella scrive:

    I ricordi sono del passato, le speranze come il susseguirsi delle stagioni, del futuro. ,.-

  7. Anna Maria scrive:

    Nel mese di gennaio c’è un elemento positivo: ė il primo dell’anno, freddo, ghiacciato, con i giorni ancora “corti”, ma cede il passo a quelli successivi che ci portano la speranza di maggiore calore, luce, vitalità. Gennaio è un periodo passeggero e non puó che incupirci in modo altrettanto passeggero.

  8. Luisa scrive:

    Gennaio , foriero di giorni freddi e grigi, ma fa anche emergere giorni
    luminosi e chiari, che anelano il ritorno della primavera

Lascia un commento