Molto professionale …oltre le nuvole. ☁ ✈ ☁

Sull’aereo tutto è in porzione singola, anche le persone.
(cit. dal film Fight Club)

Sono rari quegli incontri che inconsapevolmente ci trasmettono sensazioni, facendoci osservare dettagli che fino ad allora non avevamo considerato. Ad alcuni stringiamo persino la mano forse in segno di ringraziamento o forse a mo’ di saluto perchè, a livello di subconscio, sappiamo che entreranno a far parte di quella lunga lista di “porzioni singole” dimenticate, assunte regolarmente con serendipità.
Valentino Di Persio, in questo racconto, traendo spunto da un breve viaggio aereo, coglie aspetti che il più delle volte sfuggono per distrazione, per mancanza di spirito di osservazione o per sopraffazione dei propri pensieri. Così, quello che potrebbe sembrare un noioso viaggio, assume frangenti divertenti e persino piccanti in una mente fertile che, come la sua, vola …oltre le nuvole.
Buona Lettura!

Marica Caramia

Molto Professionale

di Valentino Di Persio

Do you speak English Sir?
Sometime it happens to me.a volte mi capita, le rispondo. Un raggiante sorriso le illumina il viso che oserei definire a dir poco attraente, occhi neri come la pece accesi da scintille come saette a ciel sereno.
Perchè questa domanda?– le chiedo in italiano.
Please just sit down now, I’ll tell you why later.si segga per favore ora, le dirò il perchè dopo, mi dice.
13C – lato corridoio è il mio posto sul volo Blueair 116 Roma Fiumicino/Bucarest OtopeniHenri Coanda” delle ore 11,40. Dopo aver sistemato il trolley nella cappelliera, mi siedo posando sulla poltrona centrale un’agenda, occhialini da lettura, il K-Way piegato.
Sui Boeing 737 le file 12 e 13 sono ubicate in corrispondenza delle ali e sono più spaziose rispetto alle altre in quanto adibite come via di fuga in caso di emergenza. Le poltrone su queste file sono molto ambite dai passeggeri in quanto consente di accavallare le gambe e muoversi meglio. E’ diventata ormai prassi consolidata, per la maggior parte delle compagnie aeree, assegnare tali posti, previo pagamento di un supplemento, a quei viaggiatori che ne facciano specifica richiesta. L’abilità fisica al 100% è la condizione “sine qua non” per i richiedenti. Tali restrizioni, ma soprattutto il pagamento del supplemento, 10/20 euro, fan si che tali posti siano del tutto o quasi sempre liberi. Una risposta esaustiva alla sorprendente richiesta dei requisiti fisici si ha a bordo solo quando la Hostess, come nel mio caso, ti si avvicina per annunciarti un colloquio tête à tête e la cosa, se é carina come la mia, non può che farti piacere.
Il decollo é perfetto, solo qualche rumoretto nel vano bagagli causato dalla mia valigetta in balia della forza cinetica.
Dagli altoparlanti una voce femminile da il benvenuto a bordo da parte del “Comandante e del suo Crew” per poi invitare i passeggeri a seguire attentamente le indicazioni sulle norme di sicurezza da osservare in caso di estrema necessità.

 photo Vintage-airline-ad-flight-attendant-air-hostess-color_zps8139006e.jpg

Tre assistenti di volo, eleganti nelle loro uniformi tubolari blu fin sopra al ginocchio, fascia bianca all’altezza dei fianchi, foulard bianco a pois blu, scarpe nere con tacco medio, si piazzano lungo il corridoio dell’aeromobile: la prima avanti in corrispondenza della prima fila, la seconda al centro in corrispondenza della fila 11, la terza in corrispondenza della fila 22.
Non so se per caso o per scelta deliberata, la moretta dagli occhi di pece, capelli raccolti a chignon, fascia rossa da responsabile di cabina, me la ritrovo piazzata davanti a circa un metro di distanza. Al suo sorriso rispondo con un cenno di gradimento mediante un ammiccante occhiolino d’intesa. Approfitto dello spazio extra per accavallare la gamba destra sulla sinistra, appoggio il gomito sul bracciolo laterale destro ed il mento sulla mano chiusa a pugno. –Me lo voglio proprio gustare questo show a distanza ravvicinata.– mi dico. Lei mi lancia uno sguardo di sfida come volermi dire –Ah illuso! Ci vuole ben altro per mettermi in difficoltà.– Seguendo le indicazione della speaker, la ragazza inizia la sua dimostrazione con movenze eleganti, senza lasciarsi apparentemente intimidire dal mio sfacciato interesse. Alla fine non riesco a trattenere un accenno di compiacimento per la sua professionalità. Contraccambia con un sorriso velato d’imbarazzo. Un lieve rossore affiora sulle sue gote. Sarà a causa del caldo, penso. Eppure l’aria condizionata soffia a tutta birra. Una volta sistemato il materiale dimostrativo nell’apposito contenitore, la moretta torna da me per informarmi con tatto ma con fermezza che, in caso di bisogno, dovrò adoperarmi per aiutare gli altri passeggeri ad evacuare l’aereo, non prima di aver indossato il salvagente situato sotto la poltrona. Mi dice anche, con un sorrisetto malizioso, che potrò lasciare l’aereo solo prima dell’equipaggio ovvero prima di lei. –Ci mancherebbe!– le dico toccandomi con discrezione la nota parte come un gesto scaramantico –Le darò senz’altro la precedenza, il Bon Ton lo esige.– Mi sorride divertita allontanandosi. Ho la sensazione di esserle rimasto simpatico.
Inizio ad annotare le emozioni del momento sull’agendina. Nella fila di destra siede, accanto all’oblò, un’altra moretta dai capelli lisci a caschetto che sembra dormire. M’accorgo invece che ogni tanto allunga l’occhio incuriosita dal mio scrivere frenetico, in fretta, per non trascurare nessun dettaglio che m’affluisce nella mente. Mi giro di scatto ed incrocio i suoi occhi d’intenso azzurro come il mare. Sorriso di circostanza e scossetta puberale.

 photo rossa_zps054ba4e9.jpg

Dipinto di Nicolas Hasapopoulos, modificato

A guardarla bene la vicina é proprio carina. Ha le ciglia rimmellate, le labbra rosso fuoco leggermente botulinate, insomma, un viso ben curato e le unghie decorate con fiorellini rosa. Le mani incrociate sul ventre mettono in risalto un bel seno imbrigliato in una maglietta scura, molto aderente. I pantaloni grigi attillati, percorrono le sue lunghe gambe per andare a morire dentro stivaletti a tronchetto, tacco 10.
S’alza quasi di scatto e appena sul corridoio me la ritrovo di fronte, alta statuaria, con il bacino all’altezza del mio viso. Con fare sbarazzino fa ondulare ad arte i suoi capelli lisci a destra e a sinistra lasciando scoperto il collo bianco. M’inebrio della scia del suo profumo dall’inconfondibile fragranza di giovinezza mentre s’allontana a passi sicuri lungo il corridoio verso la ritirata. Cosa non pagherei per essere almeno lo specchio della toilette.
Sbraco leggermente la poltrona, inforco gli occhiali da sole chiudo gli occhi e cerco di scacciar via i pensieri malsani. Riesco persino ad appisolarmi. Al mio risveglio la ragazza era intenta a conversare con un giovane passeggero che le si era seduto vicino. Incrociando il suo sguardo mi fa un sorrisetto malizioso come voler dire “Le occasioni mancate sono perdute, per sempre. Peccato.“.
Dopo un atterraggio perfetto, mi avvio verso la porta anteriore annunciata per l’uscita. La bella Hostess era ferma sul pianerottolo per assistere i passeggeri nello sbarco. Mi saluta con un cordiale “La Revedere.” –M A G A R I !– le rispondo con un sorriso.
Mentre, in fila al Passport Control, mi chiedo a cosa possa ormai più servire il controllo dei documenti all’arrivo, nell’ambito del traffico aereo tra Paesi UE, vedo passare la moretta dagli occhi di pece insieme elle sue colleghe in direzione dell’uscita Staff Only. Scherzano, ridono eccitate. Staranno forse programmando dove e come trascorrere la serata. Incrocio per un attimo i suoi occhi ma nulla, nemmeno l’accenno ad un sorriso. Che dire?Molto Professionale”, la tipa.

Valentino Di Persio

Proibita la riproduzione del testo.

Valentino Di Persio
CHI SONO

Marica Caramia
CHI SONO

Avvertenza:
• I diritti degli articoli e dei documenti pubblicati nel seguente articolo appartengono ai rispettivi proprietari; così pure delle immagini.
• Alcune foto sono state prelevate dal web tramite un programma di download automatico e non si è a conoscenza se siano coperte da copyright o meno; se così fosse i legittimi proprietari dei diritti di copyright possono richiederne la cancellazione che verrà immediatamente effettuata.

Tags: , , , , , , , ,

6 Responses to “Molto professionale …oltre le nuvole. ☁ ✈ ☁”

  1. Claudia Tagliabue scrive:

    Caro Valentino, sei formidabile !!! Un bel tipetto, ahahahaha In poche, concise frasi, hai raccontato l’inimmaginabile….. Beh direi che è stato un volo alquanto piacevole…..!!! Scherzi a parte, è vero, difficilmente ci si sofferma sulle piccole cose, di solito cerchi il tuo posto, sistemi il bagaglio, apri il giornale e se capita accetti una bibita o altro…. La prossima volta che prenderò l’aereo, starò più attenta ai piccoli particolari…. Grazie, come sempre, ci intrattieni piacevolmente……. A presto risentirti….

    • Valentino scrive:

      Claudia, è stato un volo piacevole ma solo perché è durato poco ! Comunque, il merito del raccontino va tutto alla noia che mi assale nei momenti di abbandono. Non per nulla l’agendina è sempre la protagonista nei miei viaggi.
      Grazie per il commento genuino, trasparente e sincero.
      Valentino

  2. Romina scrive:

    Questo racconto è proprio divertente fa riflettere sulle occasioni che un volo può offrire…. anche solo il fantasticarle …. Niente va banalizzato tutto può diventare un momento speciale come le persone che lo sanno scrivere e ricordarlo sempre. Romy

    • Valentino scrive:

      Romy, sono felice che ti sia piaciuto. Avevo il timore che questa volta mi criticassi o che mi trascurassi addirittura. Devo desumere che tu sia la più begalina delle mie fans…. dalla nascita ???. Ahahahhaha. Grazie comunque. Papà

  3. lorella scrive:

    Bellissima questa descrizione ! cosi’ piena di dettagli, nel mente l’ho letta ho avuto la sensazione di volare assieme a lei , i miei più sinceri complimenti!! è sempre una grande emozione per me leggere i suoi racconti ! grazie!!!

  4. Valentino scrive:

    cara Lorella, se è vero che nel leggere il racconto ha avuto la sensazione di volare vuol dire che siamo stati compagni di un piacevole viaggio. E allora ? che facciamo, ci diamo del Lei ? Di solito i compagni di avventura si danno del Tu e delle grandi pacche sulle spalle , ma……leggere leggere però !
    Grazie per gli apprezzamenti.
    Valentino

Lascia un commento